Cronaca
Resta in carcere. Il pirata della strada che ha provocato la morte di Andrea Tamborini nell'incidente di Sigirino in cella almeno fino al 15 dicembre
Il Giudice per i provvedimenti coercitivi ha accolto oggi la richiesta di carcerazione preventiva, avanzata dal Procuratore Capo Nicola Respini
SIGIRINO - Resterà in carcere almeno fino al 15 dicembre, il pirata della strada che provocato la morte di Andrea Tamborini nel tragico incidente avvenuto venerdì scorso.

 

Il Giudice per i provvedimenti coercitivi ha infatti accolto oggi la richiesta di carcerazione preventiva, avanzata dal Procuratore Capo Nicola Respini.

 

A suo carico, ricordiamo, si ipotizzano i reati di grave infrazione alla Legge sulla circolazione stradale, pirateria stradale e omicidio intenzionale subordinatamente colposo



Pubblicato il 14.11.2017 14:09

Guarda anche
Cronaca
Ho fatto una cosa stupida, di cui sono profondamente pentita, ha confessato la ragazza, “ma non l’ho fatto per mettermi in mostra. Ora voglio solo che la smettano di dire che ho messo in vendita la mia verginità. L’ho ripetuto pure ai miei compagni di classe che mi hanno chiesto se era vero: no, non è vero, non ho mai pensato seriamente di farlo”
Cronaca
Grazie ad un sorvolo in elicottero è stato possibile individuare e successivamente recuperare il corpo senza vita dell'uomo. L'infortunio letale, le cui cause saranno appurate dall'inchiesta di polizia, si è verificato fuori dalle piste delimitate
Cronaca
Tassello dopo tassello si delinea il disegno del mosaico contenuto nel rapporto dell’avvocato Marco Bertoli sul caso Argo1. Il perito del Governo dovrebbe consegnare a settimane il documento definitivo, ma intanto alcune indiscrezioni sono emerse
Cronaca
Confronto sulla sicurezza ieri sera a Paradiso. Dounia Rezzonico: “Cinque anni di carcere per chi porta la mafia sul nostro territorio sono troppo pochi". Michele Bertini: “È importante investire nelle banche dati, come in quella del controllo abitanti". Stefano Piazza: "La Svizzera è un hub per terrorismo e mafie". Norman Gobbi: "In Ticino percepiamo in anticipo questi fenomeni perché abbiamo una metropoli alle porte. Ma i colleghi d’oltralpe non lo capiscono..."