Bar Sport
Carramba che sorpresa... la supercar del giovane cinese Zhang Steven, futuro presidente dell'Inter, è targata Ticino. Trattasi di una Pagani Huayra del valore di circa 2,3 milioni di euro, costruita a Modena e personalizzata con i colori nerazzurri Video
“Steven l’occidentale”, come lo chiamano a Milano, è appassionato di macchine di lusso, e già in passato si è proposto al volante di grandi marchi. Ma questa volta ha esagerato: la Pagani Huayra rivestita con i colori dell'Inter (squadra che di fatto Zhang Steven 'possiede' tramite il padre, Zhang Jindong, patron della Suning, che fattura 40 miliardi di dollari all’anno) è veramente oltre...
MILANO - Zhang Steven, l’uomo forte dell’Inter, destinato a prendere le redini della società nerazzurra, non ha ancora 26 anni ma già guida supercar da sogno. “Steven l’occidentale”, come lo chiamano a Milano, è appassionato di macchine di lusso, e già in passato si è proposto al volante di grandi marchi. Ma questa volta ha esagerato: la Pagani Huayra rivestita con i colori dell'Inter (squadra che di fatto Zhang Steven 'possiede' tramite il padre, Zhang Jindong, patron della Suning, che fattura 40 miliardi di dollari all’anno) è veramente oltre... Non solo: con grande sorpresa di tutti, curiosi, tifosi e fotografi, quell’auto da sballo è targata Ticino.

Gli esperti stimano il valore della macchina in 2,3 milioni di euro: ha gli interni personalizzati con i colori dell’Inter ed è stata costruita in un'officina in provincia di Modena. Nel mondo, pare, ce ne sono solo venti esemplari. Steven gira già da un mesetto al volante di questo bolide e l’ha esibito anche l’altra sera alla festa di Natale dell'Inter, accolto dal sindaco di Milano, Beppe Sala.

Steven, una laurea in economia alla Wharton School, in Pennsylvania, si è trasferito a Milano da circa un anno e da allora non perde neanche una partita della sua squadra.




Pubblicato il 20.12.2017 09:15

Guarda anche
Bar Sport
Ieri, nella sua lettera aperta a tifosi e simpatizzanti, il presidente, Michele Nicora, ha precisato: “Le informazioni di circa 900'000 franchi di debiti sono erronee, in quanto dalla lista non sono stralciate posizioni contestate, posizioni saldate e non ancora cancellate, posizioni doppie e piani di rientro firmati dalle parti e non ancora cancellati. La cifra esatta stimata ieri ammonta a circa 480'000, non poco, ma non l'enorme cifra menzionata”
Bar Sport
Secondo indiscrezioni raccolte da Liberatv il fallimento sarebbe stato determinato dall’AVS che vanta dal club crediti per circa 150’000 franchi. I debiti globali del club sfiorano il milione di franchi
Bar Sport
L’hashtag è usato e abusato – vivo in un paese dove non serve photoshop – e spopola ormai da un paio d’anni su Twitter. Ma se quella frase, preceduta dall’immancabile simbolo del cancelletto, la scrive Lara Gut, diventa quasi memorabile