Pane e vino
Massimo Suter beccato alle 'Cupole' di Locarno senza coda di cavallo. Occasione imperdibile per due battute dopo il polemicone sulle piste di ghiaccio: "Non ho mai detto che non mi piacciono. I bei progetti come questo mi piacciono, ma abolirei quelle piccole e inutili" Video
Il presidente di GastroTicino: "Non abbiamo bisogno di 15 piste di ghiaccio in Ticino, e soprattutto di capannoni finanziati dai comuni con affitti irrisori per organizzare cene natalizie aziendali…”
LOCARNO – Ieri sera abbiamo intercettato Massimo Suter (in versione new look, senza coda di cavallo!) alle Cupole di Locarno. L’occasione era ghiotta e imperdibile per fare due battute sul polemicone legato al suo post sulle piste di ghiaccio che fanno concorrenza alla ristorazione. Il presidente di GastroTicino ha già avuto modo di chiarire il suo pensiero dopo il primo post pubblicato su Facebook che ha scatenato una ridda di critiche. In questo breve video precisa ulteriormente la sua posizione…

Tu cosa ci fai qua? No, tu cosa ci fai qua… Il video inizia così… Poi Suter spiega: “Non ho mai detto che non mi piacciono le piste di ghiaccio. Ho solo chiesto se non ce ne sono troppe. Abolirei quelle più piccole, non sicuramente questa di Locarno, perché è un ottimo progetto… Non lo dico perché son qui stasera, ma perché c’è dietro un concetto. Abolirei quelle piccole, che fanno una concorrenza inutile ai locali pubblici, anche perché alla fine la popolazione è sempre quella… Non abbiamo bisogno di 15 piste di ghiaccio in Ticino, e soprattutto di capannoni finanziati dai comuni con affitti irrisori per organizzare cene natalizie aziendali…”.

emmebi



Pubblicato il 22.12.2017 11:56

Guarda anche
Pane e vino
Andrea Trinca e sua moglie Dalila: "Quando abbiamo iniziato eravamo giovani e “belli”, ora siamo solo “belli” con qualche chilo di troppo, ma con più esperienza alle spalle che ci stimola a continuare a divertirci”
Pane e vino
Passati Natale e Capodanno, il ristorante Lungolago di Locarno torna a proporre le sue rassegne. Da martedì 9 a venerdì 12 gennaio va in tavola la fondue
Pane e vino
In questo numero, per esempio, si possono leggere articoli dedicati agli itinerari del gusto in Alta Leventina, agli eventi di Natale, al fritto misto di lago, all’iniziativa sociale “Menu d’autore”, ai piatti e alle tradizioni di carnevale, al progetto “Fatto in Casa” in Ticino e Svizzera francese, l’intervista a Rocco Cattaneo, un approfondimento sulla verza, cazzoeula e trippa, sul mondo dei vini e delle birre.