Pane e vino
Massimo Suter beccato alle 'Cupole' di Locarno senza coda di cavallo. Occasione imperdibile per due battute dopo il polemicone sulle piste di ghiaccio: "Non ho mai detto che non mi piacciono. I bei progetti come questo mi piacciono, ma abolirei quelle piccole e inutili" Video
Il presidente di GastroTicino: "Non abbiamo bisogno di 15 piste di ghiaccio in Ticino, e soprattutto di capannoni finanziati dai comuni con affitti irrisori per organizzare cene natalizie aziendali…”
LOCARNO – Ieri sera abbiamo intercettato Massimo Suter (in versione new look, senza coda di cavallo!) alle Cupole di Locarno. L’occasione era ghiotta e imperdibile per fare due battute sul polemicone legato al suo post sulle piste di ghiaccio che fanno concorrenza alla ristorazione. Il presidente di GastroTicino ha già avuto modo di chiarire il suo pensiero dopo il primo post pubblicato su Facebook che ha scatenato una ridda di critiche. In questo breve video precisa ulteriormente la sua posizione…

Tu cosa ci fai qua? No, tu cosa ci fai qua… Il video inizia così… Poi Suter spiega: “Non ho mai detto che non mi piacciono le piste di ghiaccio. Ho solo chiesto se non ce ne sono troppe. Abolirei quelle più piccole, non sicuramente questa di Locarno, perché è un ottimo progetto… Non lo dico perché son qui stasera, ma perché c’è dietro un concetto. Abolirei quelle piccole, che fanno una concorrenza inutile ai locali pubblici, anche perché alla fine la popolazione è sempre quella… Non abbiamo bisogno di 15 piste di ghiaccio in Ticino, e soprattutto di capannoni finanziati dai comuni con affitti irrisori per organizzare cene natalizie aziendali…”.

emmebi



Pubblicato il 22.12.2017 11:56

Guarda anche
Pane e vino
Per tutto il torneo il bar ristorante di Locarno si trasforma in un piccolo stadio dove il calcio è occasione per gioire, soffrire, e condividere la passione per lo sport più amato del mondo. E dagli Ottavi maxi concorso con un buono viaggio in premio
Pane e vino
Il direttore della federazione, Gabriele Beltrami, ha ricordato come la recente Assemblea federale organizzata a Locarno abbia avuto un indotto diretto sul territorio, di oltre 1 milione di franchi; ha poi invitato a puntare sulla formazione per essere sempre più performanti, illustrando I molteplici servizi offerti ai soci
Pane e vino
Gli studenti del primo anno hanno progettato il lavoro che verrà realizzato all'interno del Padiglione Conza, a metà strada tra design e praticità. Mario Botta, "per la prima volta non è stato solo un esercizio intellettuale ma qualcosa che verrà realizzato nella realtà grazie a un committente come la Città del Gusto"
Pane e vino
L’Osteria Cuntitt si indirizza verso un modello di ristorazione in cui il cibo e il territorio ticinese sono importanti tanto quanto la socializzazione e la familiarità