Pane e vino
La tavola di Natale... I suggerimenti dello chef Andrea Trinca per un menù coi fiocchi, dalla pasta fresca al cappone. Mentre per Capodanno si va sul leggero. "Ma alla fine la cosa che più conta in tutti e due gli eventi è godersi pienamente questi momenti magici"
“Ma come prima cosa, sia per Natale che per Capodanno, non deve mancare in tavola uno sfizioso e ricco aperitivo composto da stuzzichini e bollicine..."
INTRAGNA - Ultimi preparativi, ultime spese… Si fa il check per controllare se in cucina manca ancora qualcosa… Domani i negozi sono ancora aperti… Il menù di Natale, per la cena del 24 o il pranzo del 25, è sempre speciale e deve essere tale. Merita energie, risorse e creatività.

Abbiamo chiesto a uno chef ticinese, Andrea Trinca - che sta chiudendo la sua lunga permanenza a Intragna, dove per anni ha gestito l’Osteria Centrale, per trasferirsi, dal maggio prossimo, al Giardinetto di Brissago, il ristorante che fu del mitico Angelo Conti Rossini – come lo preparerebbe lui…

“Come prima cosa, sia per Natale che per Capodanno, non deve mancare in tavola uno sfizioso e ricco aperitivo composto da stuzzichini e bollicine – racconta Andrea -. Per Natale non faccio mai mancare il paté sul menù: è una tradizione di famiglia, mia madre ne preparava sempre uno squisito. Anche la pasta fresca è un piatto che non deve mancare, che siano ravioli, lasagne o maltagliati preparati e conditi in qualsiasi modo ci devono assolutamente essere. Se avete tempo e voglia la pasta preparatela da voi con farina e uova”.

Come piatto forte, Andrea punta sul cappone: “È un classico che non uso sempre ma ci sta alla grande, farcito o no, o da usare come ripieno per i ravioli. Per finire un bel dessert non troppo pesante e poi il classico panettone, magari farcito con una crema di mascarpone”.

A Capodanno, prosegue Andrea, “di solito punto di più sul pesce per preparare il menù, sia di acqua dolce che salata, qui dipende molto dai gusti. Mi piace comunque stare più sul leggero visto che si deve fare festa per tutta la notte.

Ma alla fine la cosa che più conta in tutti e due gli eventi è godersi pienamente questi momenti magici, sedersi  attorno ad un tavolo a mangiare e bere in bella compagnia e soprattutto  festeggiare con gioia e serenità”.




Pubblicato il 23.12.2017 17:35

Guarda anche
Pane e vino
Per tutto il torneo il bar ristorante di Locarno si trasforma in un piccolo stadio dove il calcio è occasione per gioire, soffrire, e condividere la passione per lo sport più amato del mondo. E dagli Ottavi maxi concorso con un buono viaggio in premio
Pane e vino
Il direttore della federazione, Gabriele Beltrami, ha ricordato come la recente Assemblea federale organizzata a Locarno abbia avuto un indotto diretto sul territorio, di oltre 1 milione di franchi; ha poi invitato a puntare sulla formazione per essere sempre più performanti, illustrando I molteplici servizi offerti ai soci
Pane e vino
Gli studenti del primo anno hanno progettato il lavoro che verrà realizzato all'interno del Padiglione Conza, a metà strada tra design e praticità. Mario Botta, "per la prima volta non è stato solo un esercizio intellettuale ma qualcosa che verrà realizzato nella realtà grazie a un committente come la Città del Gusto"
Pane e vino
L’Osteria Cuntitt si indirizza verso un modello di ristorazione in cui il cibo e il territorio ticinese sono importanti tanto quanto la socializzazione e la familiarità