Mixer
A Natale tutti più buoni? Non sui social! La nuova giudice di Masterchef Antonia Klugmann massacrata di insulti dai leoni da tastiera. Lei: "Mi sono sentita violentata. È una vergogna il linciaggio che ho subito"
La nuova chef, stella Michelin nel suo ristorante L’Argine a Vencò, ha preso il posto di Carlo Cracco in questa nuova edizione del programma televisivo: "Mi hanno dato della puttana, hanno minacciato di usare il sesso contro di me...Questo capita perché sono una donna. E sono purtroppo solo l’ultima donna a cui è successa una cosa del genere. Una vergogna”
MILANO - “Mi sono sentita violentata”. È durissima la reazione di Antonia Klugmann, massacrata sui social dopo le sue prime due apparizioni in veste di giudice nella trasmissione Masterchef.

 

La nuova chef, stella Michelin nel suo ristorante L’Argine a Vencò, ha preso il posto di Carlo Cracco in questa nuova edizione del programma. E i leoni da tastiera si sono scatenati contro di lei riservandogli ogni sorta di insulto.

 


“Lo sapevo - ha spiegato Antonia Klugmann al Corriere della Sera - Sapevo che la tv dà accesso diretto al giudizio sulla tua persona, sulla tua estetica... E lo temevo. Ma non mi aspettavo questa violenza mediatica. Un linciaggio che in un paese civile non dovrebbe avvenire. E che invece avviene, soprattutto se sei donna. Anzi, proprio in quanto donna....Mi sono sentita violentata”.

 

“Mi ha fatto male - ha proseguito la chef - Subire minacce di violenza sui social è una cosa orrenda. Un reato. Non è normale che una donna possa essere aggredita dagli stalker del web solo per aver partecipato a una trasmissione TV. Per carità, ci sta amare Cracco e magari non voler accettare me. Ma la violenza no. Mi chiedo: è lecita una cosa del genere nel nostro Paese? Sapevo che eravamo messi male con le donne, qui da noi, ma non così tanto. Cosa insegniamo alle nostre bambine? Che se sei remissiva e stai al tuo posto allora nessuno ti mena? Mi hanno dato della puttana, hanno minacciato di usare il sesso contro di me...Questo capita perché sono una donna. E sono purtroppo solo l’ultima donna a cui è successa una cosa del genere. Una vergogna”.

 

“Se il mio caso può servire da esempio - ha concluso Klugmann - beh, ne sono felice. Per me Masterchef è un momento di grande crescita professionale. Ma sono inquietata da questa reazione. Se ne è accorto Tonino (Cannavacciuolo, ndr), che quel giorno mi è stato vicinissimo e mi ha chiamato almeno sei volte, mentre cucinava, per sapere come stavo. E a fine giornata mi ha detto: Antò, chiudi quel cellulare. Ma mi hanno telefonato anche Bruno e Joe. Erano tutti costernati. Io non voglio abituarmi a una cosa del genere, però. E se essendo famosa posso fare qualcosa per fermarla, beh, voglio farlo. Rivendico il diritto di essere me stessa, senza dover chiedere scusa”.



Pubblicato il 25.12.2017 11:56

Guarda anche
Mixer
Nicoletta Barazzoni: "Frontaliers Disaster è terapeutico proprio per la facilità con cui scatena la risata, con il desiderio di comunità, il bisogno di sentirsi parte dello stesso pianeta, senza divisioni di nazionalità o doganali perché la ramina non ci separa dalle difficoltà che tutti dobbiamo affrontare"
Mixer
La show girl ticinese: "Mi diceva di stare alla larga da chi aveva dentro di sé ‘Finzione’, che è l' energia negativa. Guardacaso, secondo lei, ne ero circondata: la colf, l'autista... Una sera avevo programmato di andare a teatro con una decina di amici: lei mi telefonò per dirmi di annullare. Sarebbe stato negativo per la mia energia. E io annullai”
Mixer
I sogni di un ragazzo che ama danzare... "Finiti i tre anni di accademia a Milano son partito per gli Stati Uniti, dove ho iniziato a seguire le lezioni tenute dai migliori ballerini hip hop del mondo, ho conosciuto un mondo nuovo che mi ha da subito affascinato"
Mixer
I vampiri sono veramente fra noi, e bevono sangue, come nei film e nelle leggende. Come nelle storie del conte Dracula o di Nosferatu. Ma qui non siamo in Romania, dove visse nel Quattrocento il nobiluomo sanguinario Vlad III “l’Impalatore”. Qui siamo a Meldola, in Romagna