Cronaca
È morta Missy, la cerva zoppa che aveva trovato rifugio a Cimadera. La rabbia dell'ex sindaco, Cherubina Ravasi: “Ai sapientoni che 'la stavano monitorando' da settembre va tutto il mio disprezzo"
"La popolazione aveva adottato l'animale ma la natura ha fatto, purtroppo, il suo corso. Appena avvertita la polizia, dopo mezz'ora hanno portato via la carcassa – ha dichiarato l’ex sindaco –. Perché non intervenire prima? Perché non sedarla per farla soffrire di meno?"
CIMADERA – “Lo spettacolo è finito!  La nostra cerva è morta questa sera!”. C’è tanta rabbia e tanta tristezza nelle poche parole che l’ex sindaco di Cimadera, Cherubina Ravasi, ha affidato ieri sera alla sua bacheca Facebook. Parole per raccontare la morte di Missy, la cerva zoppa che da settembre si era stabilita a Cimadera, ma che non è riuscita a sopravvivere ai rigori dell’inverno.

"Perdeva sangue dalle narici e non riusciva quasi a muoversi, è morta davanti al garage, che era diventato il suo rifugio, domenica sera", ha raccontato Cherubina Ravasi, alla RSI. E sulla sua bacheca ha scritto: “Ai sapientoni che “la stavano monitorando” da settembre va tutto il mio disprezzo: hanno lasciato soffrire la poverina per mesi senza manco prestarle un minimo di soccorso. A tutti noi che vedevamo la sua sofferenza e sollecitavamo aiuto, resta lo smacco di non essere stati ascoltati dai freddi impiegati cantonali (ndr: l’Ufficio caccia e pesca) che, seppur lavorando nella natura e per la natura, sono persone senza cuore. Amen!”.

"La popolazione aveva adottato l'animale ma la natura ha fatto, purtroppo, il suo corso. Appena avvertita la polizia, dopo mezz'ora hanno portato via la carcassa – ha dichiarato sempre alla RSI l’ex sindaco –. Perché non intervenire prima? Perché non sedarla per farla soffrire di meno?".

red

Pubblicato il 08.01.2018 15:18

Guarda anche
Cronaca
Ho fatto una cosa stupida, di cui sono profondamente pentita, ha confessato la ragazza, “ma non l’ho fatto per mettermi in mostra. Ora voglio solo che la smettano di dire che ho messo in vendita la mia verginità. L’ho ripetuto pure ai miei compagni di classe che mi hanno chiesto se era vero: no, non è vero, non ho mai pensato seriamente di farlo”
Cronaca
Grazie ad un sorvolo in elicottero è stato possibile individuare e successivamente recuperare il corpo senza vita dell'uomo. L'infortunio letale, le cui cause saranno appurate dall'inchiesta di polizia, si è verificato fuori dalle piste delimitate
Cronaca
Tassello dopo tassello si delinea il disegno del mosaico contenuto nel rapporto dell’avvocato Marco Bertoli sul caso Argo1. Il perito del Governo dovrebbe consegnare a settimane il documento definitivo, ma intanto alcune indiscrezioni sono emerse
Cronaca
Confronto sulla sicurezza ieri sera a Paradiso. Dounia Rezzonico: “Cinque anni di carcere per chi porta la mafia sul nostro territorio sono troppo pochi". Michele Bertini: “È importante investire nelle banche dati, come in quella del controllo abitanti". Stefano Piazza: "La Svizzera è un hub per terrorismo e mafie". Norman Gobbi: "In Ticino percepiamo in anticipo questi fenomeni perché abbiamo una metropoli alle porte. Ma i colleghi d’oltralpe non lo capiscono..."