Cronaca
'Modì' falsi, Sgarbi a gamba tesa nel caso che coinvolge anche il ticinese Rudy Chiappini e demolisce la perita Quattrocchi: "Non si conoscono suoi studi, scritti, saggi, tanto meno su Modigliani. Io non so se quei dipinti siano falsi, so che non sono autentiche le esperte che lo dicono”
Con il suo stile pungente e dissacrante, Vittorio Sgarbi demolisce la perita che nei giorni scorsi ha dichiarato falsi I quadri di Amedeo Modigliani sequestrati in luglio dai Carabinieri alla mostra di Palazzo Reale a Genova
ROMA – Con il suo stile pungente e dissacrante, Vittorio Sgarbi demolisce la perita che nei giorni scorsi ha dichiarato falsi I quadri di Amedeo Modigliani sequestrati in luglio dai Carabinieri alla mostra di Palazzo Reale a Genova.

Isabella Quattrocchi ha scritto che le tele esaminate sono state “grossolanamente falsificate” sia “nel tratto che nel pigmento”. Le cornici sono “provenienti da paesi dell'est europeo e dagli Stati Uniti, per nulla ricollegabile né come contesto né come periodo storico a Modigliani”. Tre sono gli indagati dalla magistratura italiana in questa vicenda, tra i quali il curatore della mostra Rudy Chiappini, che dirige i Servizi culturali della Città di Locarno.

Ma veniamo a Sgarbi che, nella sua rubrica “Sgarbi Quotidiani” su Il Giornale scrive: “Di Isabella Quattrocchi, la perita nominata per valutare i Modigliani esposti al Palazzo Ducale di Genova a marzo e ritirati dopo una denuncia di falso, sappiamo che, non avendo nessuna competenza riconosciuta, sta a Roma e nel suo curriculum Linkedin si definisce “independent expert of fine arts for civil and penal court at free lance”.

Free lance, non storica dell'arte, critica, esperta, studiosa. È nata nel 1983 e ha quindi 35 anni. Tra le cause che le interessano, indica: “Benessere degli animali; arte e cultura; bambini; formazione; ambiente, diritti umani”. Non si conoscono suoi studi, scritti, saggi, tanto meno su Modigliani, ma ieri ha definito quei dipinti “grossolani falsi”. Onnisciente, dichiarò falsi anche alcuni quadri sequestrati a Carminati nell'inchiesta Mafia capitale: Guttuso, Warhol e Miró.

Prima di lei i carabinieri si erano avvalsi di un'altra consulente: Maria Stella Margozzi, nota per la sua modesta competenza su qualunque artista. La conosco bene perché ha lavorato con me su Sironi. Ha scritto poi genericamente sulla scultura italiana del '900 e su De Chirico. Nessuna specifica competenza su Modigliani. Difficile immaginare, nella nostra professione, un esperto che dichiara il suo interesse per il benessere degli animali. Io non so se quei dipinti di Modigliani siano falsi, so che non sono autentiche le esperte che lo dicono”.



Pubblicato il 11.01.2018 14:05

Guarda anche
Cronaca
Ho fatto una cosa stupida, di cui sono profondamente pentita, ha confessato la ragazza, “ma non l’ho fatto per mettermi in mostra. Ora voglio solo che la smettano di dire che ho messo in vendita la mia verginità. L’ho ripetuto pure ai miei compagni di classe che mi hanno chiesto se era vero: no, non è vero, non ho mai pensato seriamente di farlo”
Cronaca
Grazie ad un sorvolo in elicottero è stato possibile individuare e successivamente recuperare il corpo senza vita dell'uomo. L'infortunio letale, le cui cause saranno appurate dall'inchiesta di polizia, si è verificato fuori dalle piste delimitate
Cronaca
Tassello dopo tassello si delinea il disegno del mosaico contenuto nel rapporto dell’avvocato Marco Bertoli sul caso Argo1. Il perito del Governo dovrebbe consegnare a settimane il documento definitivo, ma intanto alcune indiscrezioni sono emerse
Cronaca
Confronto sulla sicurezza ieri sera a Paradiso. Dounia Rezzonico: “Cinque anni di carcere per chi porta la mafia sul nostro territorio sono troppo pochi". Michele Bertini: “È importante investire nelle banche dati, come in quella del controllo abitanti". Stefano Piazza: "La Svizzera è un hub per terrorismo e mafie". Norman Gobbi: "In Ticino percepiamo in anticipo questi fenomeni perché abbiamo una metropoli alle porte. Ma i colleghi d’oltralpe non lo capiscono..."