Cronaca
Pioggia di palanche! Anno da record per le autodenunce fiscali esenti da pena: nel 2017 sono state ben 1'584. Che in soldoni fa un'emersione di 1,8 miliardi di franchi
Il forte incremento dei casi è da mettere in relazione soprattutto con l’entrata in vigore dello scambio automatico di informazioni bancarie e la politica del denaro pulito perseguita dalle banche svizzere
©Ti-Press / Francesca Agosta
BELLINZONA - Il Dipartimento delle finanze e dell’economia ha comunicato oggi i dati relativi all’autodenuncia esente da pena.

 

Nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2017 e il 31 dicembre 2017, le autodenunce, notificate all’Ufficio procedure speciali della Divisione delle contribuzioni, sono state 1’584 (nel 2016 erano state 963), per una sostanza complessiva emersa di 1.802 miliardi di franchi. Un record.

 

I dati confermano la crescita in atto nel nostro Cantone dall’introduzione della misura nel 2010. Da allora la sostanza emersa ha oltrepassato i 6 miliardi.

 

Si segnala che l’ulteriore incremento dei casi è da mettere in relazione soprattutto con l’entrata in vigore dello scambio automatico di informazioni bancarie e la politica del denaro pulito perseguita dalle banche svizzere.

 

A questo proposito, per quanto attiene a contribuenti con averi bancari depositati presso istituti di credito in Stati con i quali lo scambio automatico d’informazioni è entrato in vigore con effetto il 01.01.2017, si ricorda che il termine ultimo affinché si possa riconoscere il carattere spontaneo di un’autodenuncia esente da pena è il 30 settembre 2018.



Pubblicato il 12.01.2018 15:52

Guarda anche
Cronaca
Fino alla fine del mondiale la sala giochi si annovera di un'ulteriore novità: il Colpo Triplo. Esso permette ai giocatori dei tavoli di american roulette di vincere fino a 70 volte l'importo puntato su un numero pieno
Cronaca
La nuova organizzazione del Ministero pubblico è stata presentata nelle scorse ore in occasione di un Plenum che ha riunito i Procuratori pubblici a Palazzo di giustizia a Lugano
Cronaca
Lo stupefacente era stato nascosto in una ventina di panetti di droga, situati in un doppio fondo tra il baule e i sedili posteriori del veicolo
Cronaca
Incredibile fatto di cronaca avvenuto ieri sera. In manette finiscono un 38enne, una 42enne, un 19enne e un 17enne cittadini svizzeri domiciliati in un cantone romando