Pane e vino
All'Atenaeo del Vino di Mendrisio va in tavola il secondo Beef Festival. Protagonista, la carne di manzo rigorosamente svizzera. Ecco dettagli e proposte della rassegna ideata da Mirko Rainer
Testimonial d’eccellenza di questo festival, che prosegue fino al 3 marzo, è Paolo Basso, miglior Sommelier del mondo 2013. “Un professionista di altissimo livello con cui siamo fieri di poter collaborare anche per questa nuova edizione del Swiss Beef Festival”, afferma Rainer
MENDRISIO - Il Ristorante Enoteca Atenaeo del vino di Mendrisio propone in questi mesi la seconda edizione del Swiss Beef Festival. La rassegna, che vede la carne di manzo svizzera protagonista assoluta, è iniziata l’8 gennaio e proseguirà fino al 3 marzo.

Il Beef Festival nasce da un’idea di Mirko Rainer, gerente dell’Atenaeo del vino e Sommelier ASSP, da sempre noto per la sua grande passione per la carne di qualità, nei suoi vari tagli e molteplici preparazioni.

L’obiettivo della rassegna è quello di valorizzare e far gustare ai clienti le migliori carni di manzo che macellai e fornitori di fiducia riescono a garantire con dedizione e passione all’Atenaeo del vino.

Una frollatura prolungata delle carni per ottenere una tenerezza assoluta sarà costantemente garantita dal Mastro macellaio Angelo Valsangiacomo di Mendrisio, da Emanuele Scotti del Salumificio del Castello di Castel San Pietro e dalla macelleria Rapelli di Stabio.

Per la cottura delle carni il team di cucina dell’Atenaeo si affida a uno strumento particolarmente versatile ed efficace, che permette di cucinare in modo impeccabile la carne alla brace: il Big Green Egg, di cui Mirko Rainer è uno dei testimonial per la Svizzera (www.greenegg.ch).

Determinati tagli di carne vengono inoltre affinati nel Dry Ager, che consente una frollatura maggiorata in grado di assicurare non solo una perfetta tenerezza ma anche una delicata intensificazione di aromi e ingredienti.

Accanto alla carne, l’Atenaeo propone diversi contorni a base di verdure sceltissime, fornite dall’Ortofrutticola Oberti di Riva San Vitale, e un assortimento di mostarde della Sandro Vanini di Rivera.

Lo chef Luigi Aceto propone diversi tagli di carne, con le rispettive modalità di preparazione e cottura, utilizzando per dare sapore e speziatura varie misture di erbe aromatiche create appositamente per il Swiss Beef Festival da Mirko Rainer con la collaborazione di Erbe Ticino. Sale al timo, sale alle erbe ticinesi, rigorosamente coltivate biologicamente in Ticino, e il grill rub sono i condimenti che esaltano il sapore della carne.

Testimonial d’eccellenza di questo festival è Paolo Basso, miglior Sommelier del mondo 2013. “Un professionista di altissimo livello con cui siamo fieri di poter collaborare anche per questa nuova edizione del Swiss Beef Festival”, afferma Rainer.

Mascotte dell’evento è invece ancora una volta la mucca in resina a grandezza naturale sulla quale sono stati dipinti a mano i diversi tagli della carne.

Per premiare la fedeltà dei clienti, è stata infine pensata una tessera di raccolta punti sulla quale, per ogni piatto scelto fra i dieci proposti in carta dall’8 gennaio al 3 marzo 2018, verrà impresso un timbro. Al decimo timbro verrà dato in omaggio un coltello MRK-2 dall’innovativo design, del valore di 150 franchi.

Per maggiori informazioni: www.ateaneodelvino.ch



Pubblicato il 17.01.2018 08:44

Guarda anche
Pane e vino
A 27 anni, ha sfiorato la vittoria a Masterchef e da alcuni mesi è l'unica donna ai fornelli di Villa Crespi, il ristorante che Canavacciuolo gestisce sul Lago d’Orta. Perché parliamo di lei? Perché domani, giovedì 22 febbraio, sarà protagonista di uno Show Cooking nella nuova sede di Febal Casa a Locarno
Pane e vino
L’evento nel locale locarnese inizia alle 18 con un Super Aperitivo. Poi spazio alla fantasia, alla musica e al divertimento e durante la serata estrazione dei biglietti vincenti del concorso ‘Occhio al tappo’
Pane e vino
Da domani, sabato 27 gennaio, e fino al 4 febbraio avrà luogo in oltre 40 ristoranti la quinta Settimana ticinese della cazzoeula. Una rassegna che si svolge nei giorni che nella tradizione popolare sono definiti "della merla"
Pane e vino
Il gastronomo ticinese in gloria dello Chef scomparso negli scorsi giorni all'età di 92 anni: "Successe nella primavera di 10 anni fa. Con Luigi Zanini Senior e Luigi Junior, andavamo a fare un giro delle cantine a Bordeaux e, anche se non era proprio sulla strada, abbiamo deviato per Lione per mangiare al ristorante di Paul Bocuse. E poi..."