Cronaca
Due agenti della polizia cantonale condannati, l'ira di Fabio Schnellmann: "Questa sentenza getta inutile fango su coloro che proteggono i cittadini. Io non ci sto”
Il deputato PLR durissimo dopo la sentenza della pretura Penale di Bellinzona, che ha condannato i due poliziotti per aver malmenato un cittadino rumeno fermato per furto: " Uno commette un atto illegale, viene "beccato" e per un paio di ceffoni quasi quasi passa dalla parte della ragione...."
© Ti-Press / Samuel Golay
BELLINZONA - “Questa sentenza getta inutile fango su coloro che proteggono i cittadini. Io non ci sto”. È polemica sulla decisione della Pretura penale di Bellinzona che ieri ha condannato due agenti della polizia cantonale per vie di fatto e abuso di autorità.

 

A contestare la decisione del giudice Marco Kraushaar, il deputato PLR Fabio Schnellaman. I fatti risalgono al mese di gennaio del 2015. Un cittadino rumeno ha infatti accusato gli agenti di averlo malmenato, nel garage della centrale di Camorino, dopo che era stato fermato con un gruppetto di ladri.

 

Ad uno dei poliziotti è stata comminata una pena di 75 aliquote giornaliere di 140 franchi ed una multa di 1’500 franchi. All’altro sono state inflitte 45 aliquote giornaliere per 130 franchi al giorno, ed una multa di 1'000 franchi. Entrambe le sanzioni sono sospese con la condizionale. I due agenti si sono sempre dichiarati innocenti.

 

E veniamo alla reazione di Fabio Schnellaman. 
“Due poliziotti - ha scritto il Gran Consigliere - sono stati condannati per aver malmenato uno che ha commesso un reato. Decisione che merita una profonda riflessione sull'epoca che stiamo vivendo. Uno commette un atto illegale, viene "beccato" e per un paio di ceffoni quasi quasi passa dalla parte della ragione. Non ci sto: questa sentenza getta inutile fango su coloro che - 24h su 24 e 365 gg l'anno - proteggono noi cittadini”.



Pubblicato il 18.01.2018 08:38

Guarda anche
Cronaca
Il pilota della Swisshelicopter era da poco decollato dalla base dell’aeroporto di Magadino. Stava effettuando con il passeggero lo stesso volo di prova che abbiamo fatto lunedì scorso. Si sorvola un tratto di lago, poi la diga della Verzasca, e si entra nella Valle
Cronaca
Le ricerche da parte della polizia per individuare il pilota del drone sono state subito avviate e questi è stato rintracciato presso la diga della Verzasca. Si tratta di uno svizzero 42enne domiciliato nel canton Lucerna verrà denunciato all'Ufficio federale dell'aviazione
Cronaca
Distratto dai commenti degli utenti che partecipavano alla live non si accorge dell'arrivo di un altro veicolo in senso opposto. Lo schianto frontale è stato inevitabile
Cronaca
Durante la Conferenza episcopale italiana, il Santo Padre ha inoltre dichiarato: "Nei seminari esistono tendenze che sono profondamente radicate e che si declinano in veri e propri atti omosessuali"