Quarto Potere
No Billag, un nuovo sondaggio ribalta le previsioni: l'iniziativa che vuole abolire il canone radiotelevisivo verrebbe respinta dal 59% degli elettori. In Ticino i contrari sarebbero il 58%
"No Billag" conta i maggiori sostenitori tra i simpatizzanti dell'UDC (73%), ma non fa breccia è nella maggioranza di chi si dichiara vicino ad altri partiti. Il "no" alla modifica costituzionale raggiunge il 63% nella Svizzera romanda, il 57% nella Svizzera tedesca e il 58% nella Svizzera italiana
BERNA - Il primo sondaggio commissionato dal gruppo Tamedia sull'iniziativa "No Billag" in votazione il 4 marzo va in controtendenza rispetto ai precedenti e indica che la proposta di abolire il canone radiotelevisivo verrà respinta.

Se si fosse votato il 15 gennaio scorso, quasi tre persone su cinque (59%) avrebbero detto di "No" all'iniziativa. I favorevoli sarebbero stati il 40%.

"No Billag" conta i maggiori sostenitori tra i simpatizzanti dell'UDC (73%), ma non fa breccia è nella maggioranza di chi si dichiara vicino ad altri partiti. Il "no" alla modifica costituzionale raggiunge il 63% nella Svizzera romanda, il 57% nella Svizzera tedesca e il 58% nella Svizzera italiana.

In sondaggio è stato realizzato via internet il 15 di gennaio e vi hanno partecipato 15'197 persone.


Pubblicato il 19.01.2018 09:16

Guarda anche
Quarto Potere
È stata la classica palla al balzo. Sicuramente per mancanza di soldi, nessuno lo dubita: il vescovo Lezzeri ha dichiarato che la Curia ha dovuto rinunciare a un piano sociale per la trentina di dipendenti del Giornale del Popolo perché altrimenti avrebbe dovuto portare i bilanci in Pretura. Quelli della Curia, non quelli del Giornale! Ma forse la decisione comunicata oggi, il fallimento del quotidiano, è anche frutto di una mancanza di forza, o di forza di volontà
Quarto Potere
All’indomani dallo schiacciante verdetto che ha bocciato nettamente l’iniziativa popolare volta ad abolire il canone radiotelevisivo, sulle prime pagine dei quotidiani ticinesi si sono espressi i rispettivi direttori esponendo pensieri e opinioni
Quarto Potere
Intervista al direttore della RSI: "Al termine di questa campagna, a livello emozionale, mi rimane il coinvolgimento dei colleghi e di tutte le persone che fuori dall’azienda si sono spese a difesa di un’ideale, quello del servizio pubblico, in maniera del tutto disinteressata”