Quarto Potere
No Billag, un nuovo sondaggio ribalta le previsioni: l'iniziativa che vuole abolire il canone radiotelevisivo verrebbe respinta dal 59% degli elettori. In Ticino i contrari sarebbero il 58%
"No Billag" conta i maggiori sostenitori tra i simpatizzanti dell'UDC (73%), ma non fa breccia è nella maggioranza di chi si dichiara vicino ad altri partiti. Il "no" alla modifica costituzionale raggiunge il 63% nella Svizzera romanda, il 57% nella Svizzera tedesca e il 58% nella Svizzera italiana
BERNA - Il primo sondaggio commissionato dal gruppo Tamedia sull'iniziativa "No Billag" in votazione il 4 marzo va in controtendenza rispetto ai precedenti e indica che la proposta di abolire il canone radiotelevisivo verrà respinta.

Se si fosse votato il 15 gennaio scorso, quasi tre persone su cinque (59%) avrebbero detto di "No" all'iniziativa. I favorevoli sarebbero stati il 40%.

"No Billag" conta i maggiori sostenitori tra i simpatizzanti dell'UDC (73%), ma non fa breccia è nella maggioranza di chi si dichiara vicino ad altri partiti. Il "no" alla modifica costituzionale raggiunge il 63% nella Svizzera romanda, il 57% nella Svizzera tedesca e il 58% nella Svizzera italiana.

In sondaggio è stato realizzato via internet il 15 di gennaio e vi hanno partecipato 15'197 persone.


Pubblicato il 19.01.2018 09:16

Guarda anche
Quarto Potere
Siamo stati accusati da alcuni giornalisti della radiotelevisione pubblica di scorrettezza, scarsa professionalità e di agire in modo vergognoso (addirittura!). Ma abbiamo trattato questa notizia nello stesso identico modo con cui trattiamo tutte le altre
Quarto Potere
ANALISI - Il voto del 4 marzo non è un referendum pro o contro la RSI. Stiamo parlando della sopravvivenza della SSR e di decine di radio e televisioni private, e dei relativi posti di lavoro, e delle relative competenze professionali. E del mantenimento o dello smantellamento del servizio pubblico radiotelevisivo in Svizzera. Che va mantenuto
Quarto Potere
Il direttore della radio e della tv di Melide ci ha aperto le porte portandoci fin dentro lo studio dove Michael Casanova e Maxi B stanno rincorrendo le 100 ore di diretta consecutive. Le foto e le videointerviste ai protagonisti dell'impresa.
Quarto Potere
I dati registrati ieri da Teleticino sono sbalorditivi per una piccola tv regionale, ancor più se letti nel contesto di una settimana di vacanza: 78’400 contatti, con il 6% di ascolto sulle 24 ore. Più di quanto hanno totalizzato le giornate migliori segnate dai derby di hockey tra Ambrì e Lugano, su cui tanto si è discusso. E oltre il quadruplo degli ascolti medi sulla giornata che l’emittente di Melide realizza normalmente. Il tutto con una produzione che più anti televisiva non si può....