Politica e Potere
Oltre i confini della realtà... L'Ufficio imposte alla fonte versa per errore 490'000 franchi a Lavertezzo anziché a Locarno. Ma il piccolo comune si rifiuta di restituirli. La vertenza va avanti dal 2009 e ora, dopo raccomandate e precetti, la Città è pronta ad avviare una causa civile
“Questo sbaglio – spiega il Municipio - ha originato una lunga e intricata vertenza fra i due Comuni in quanto Lavertezzo, che inizialmente aveva scritto a Locarno che avrebbe restituito la somma percepita per errore, ora si rifiuta di farlo. Nell’ottica della collaborazione tra enti istituzionali e dell'etica che dovrebbe reggere l’agire degli organi pubblici, il Municipio di Locarno deplora il comportamento assunto dai colleghi di Lavertezzo”
LOCARNO – È una storia assurda quella che il Municipio di Locarno ha raccontato oggi nei dettagli, spiegano di aver approvato un messaggio che chiede al Consiglio comunale l’autorizzazione a stare in lite con il Comune di Lavertezzo –  e, cautelativamente, con il Cantone. Il caso riguarda il versamento di 490 mila franchi che erroneamente l’Ufficio cantonale delle imposte alla fonte ha accreditato nel 2009 al Comune di Lavertezzo, invece che a quello di Locarno.

“Questo sbaglio – spiega il Municipio - ha originato una lunga e intricata vertenza fra i due Comuni in quanto Lavertezzo, che inizialmente aveva scritto a Locarno che avrebbe restituito la somma percepita per errore, ora si rifiuta di farlo. Nell’ottica della collaborazione tra enti istituzionali e dell'etica che dovrebbe reggere l’agire degli organi pubblici, il Municipio di Locarno deplora il comportamento assunto dai colleghi di Lavertezzo”.

L’Esecutivo di Lavertezzo, accortosi dell’errore commesso dall’Ufficio cantonale delle imposte alla fonte, inizialmente lo aveva subito segnalato al Cantone, provvedendo ad accantonare l’importo in attesa delle istruzioni per il ristorno al Comune di Locarno.
Da parte sua l’Ufficio cantonale delle imposte alla fonte, dopo aver verificato che quei soldi spettavano effettivamente al Comune di Locarno, chiedeva al Municipio di Lavertezzo di emanare una risoluzione municipale che lo autorizzasse a procedere allo storno in favore di Locarno. Tuttavia l’Esecutivo di Lavertezzo, nonostante gli intenti collaborativi manifestati in più occasioni all’inizio della vicenda, non ha emanato tale risoluzione e, anzi, si è in seguito rifiutato espressamente di farlo, spiega ancora l’Esecutivo locarnese.

“Questo comportamento ha innescato negli anni un fitto scambio di corrispondenza, incontri, sollecitazioni, richiami da parte del Municipio di Locarno affinché si provvedesse al ristorno della somma al Comune, reale beneficiario dei 490 mila franchi erroneamente attribuiti al Comune di Lavertezzo. L’Esecutivo cittadino ha anche proposto di dilazionare sull’arco di 10 anni la restituzione dell’importo dovuto, in modo da non creare problemi a Lavertezzo.

Pur avendo, come detto, inizialmente in diverse occasioni manifestato, anche in forma scritta, al Municipio di Locarno la volontà di riversare i 490 mila franchi ricevuti  per errore, l’Esecutivo di Lavertezzo ha successivamente cambiato orientamento asserendo che, dopo verifiche interne, risulterebbe che il Cantone avrebbe già provveduto a recuperare questi soldi, stornandoli da Lavertezzo tramite conteggi ridotti di imposte alla fonte negli anni successivi al 2009”.

In buona sostanza, quindi, secondo il Municipio di Lavertezzo, la Città di Locarno dovrebbe semmai ora rivolgersi al Cantone per incassare quanto chiede, si legge ancora nella nota stampa.
“La tesi del Comune di Lavertezzo secondo la quale nulla sarebbe più dovuto a Locarno poiché il Cantone avrebbe già recuperato da Lavertezzo la somma spettante  alla Città è stata tuttavia formalmente smentita dai competenti organi del Cantone, con scritto del 12 gennaio. Dunque, l’importo rivendicato è tuttora dovuto a Locarno dal Comune di Lavertezzo.

L’Esecutivo di Locarno, per recuperare quanto spetta al Comune, mediante il proprio legale si è da un lato rivolto alla Camera di diritto Tributario, per chiedere la nullità della decisione con cui il Cantone, nel 2009, ha attribuito a Lavertezzo i 490 mila franchi invece spettanti a Locarno. D’altro lato, il Municipio cittadino ha iniziato una procedura esecutiva nei confronti del Comune di Lavertezzo, il quale si è opposto al precetto esecutivo. È pertanto verosimile che la Città di Locarno  sarà costretta  ad  avviare, davanti al Pretore di Locarno  Campagna, anche una causa civile contro il Comune di Lavertezzo per recuperare l’importo indebitamente trattenuto”.



Pubblicato il 19.01.2018 14:59

Guarda anche
Politica e Potere
Il settimanale del PLR attacca: “Forse dovremmo chiedere al sommo Legolas di trasformarsi in oracolo a cui rivolgersi prima di prendere qualsiasi decisione. Sicuramente avremmo una Svizzera migliore … o forse è stato solo un abbaglio postumo del periodo carnascialesco?”
Politica e Potere
Il percorso scolastico di questi giovani è stato più travagliato sin dalla scuola dell’obbligo. È indicativo che nell’anno scolastico 2008/2009 solo il 10.9% di loro, in III media frequentava il livello attitudinale (corso A) di matematica, a fronte del 59.5% del resto della coorte. Ben il 12.5% di questi giovani seguiva il corso pratico (l’attuale differenziazione curricolare) al posto di questa materia, a fronte di solo l’1.9% dei loro coetanei
Politica e Potere
Nel corso del dibattito durissimo l'intervento del capogruppo della Lega Daniele Caverzasio: "Qui siamo di fronte a una sagra del pressapochismo. Se qualcuno ha preso dei soldi dei ticinesi che secondo la legge non gli spettavano, sarà compito di questo Parlamento chiederli indietro!”
Politica e Potere
Il procuratore generale sulle indennità dei ministri: "È senz’altro discutibile (dal profilo della diligenza) che il Governo approvi delle norme (relative alla propria remunerazione) senza leggerle, approfondirle, discuterle e senza controllare il successivo rispetto delle procedure di approvazione previste dalla legge, limitandosi a demandare il compito al cancelliere"