Bar Sport
Addio ad Azeglio Vicini, il C.T. delle "notti magiche": guidò la Nazionale azzurra a Italia 90. Aveva 84 anni
“Ho avuto momenti felici e altri meno – ha detto in occasione dei suoi 80 anni - ho ricoperto incarichi importanti, comunque sia mi sono proprio divertito”. Ma il suo grande rammarico fu quel mondiale perso in semifinale con l’Argentina ai rigori
BRESCIA - È morto a Brescia l’ex commissario tecnico della Nazionale italiana Azeglio Vicini. Avrebbe compiuto 85 anni a marzo. È stato il tecnico degli azzurri ai Mondiali di Italia 90 ed è rimasto alla guida della squadra fino al 1991 prima di lasciarla ad Arrigo Sacchi.

Vicini, il “ct” delle «notti magiche» e del terzo posto ai mondiali, era nato a San Vittore di Cesena il 20 marzo del 1933, ma da oltre 50 anni viveva a Brescia.

“Ho avuto momenti felici e altri meno – ha detto in occasione dei suoi 80 anni - ho ricoperto incarichi importanti, comunque sia mi sono proprio divertito”. Ma il suo grande rammarico fu quel mondiale perso in semifinale con l’Argentina ai rigori.


Pubblicato il 31.01.2018 09:25

Guarda anche
Bar Sport
Federer è il giocatore che è stato più a lungo il numero 1 del mondo, sia come totale di settimane in vetta al ranking mondiale ATP (302), sia per il totale di settimane consecutive (237, dal 2 febbraio 2004 al 17 agosto 2008). E che ha vinto più titoli nei tornei del Grande Slam (20), che ha partecipato al maggior numero di finali (30) e che ha vinto il maggior numero di partite negli Slam (332). È stato l'unico tennista della storia capace di vincerne 3 su 4 in 3 anni diversi (2004, 2006, 2007)
Bar Sport
Federer ha bissato il successo dello scorso anno quando conquistò la manifestazione battendo Rafa Nadal
Bar Sport
Il Ministro torna sul caotico pomeriggio di domenica scorsa, quando gli ultrà del Losanna hanno portato sconquasso alla pista leventinese. "Nonostante il buon lavoro offerto dai miei serviti, bisogno rivedere l'approccio. Col mio Dipartimento mi impegnerò in quella direzione"
Bar Sport
La Cirrosi Epathica ha appeso alcuni striscioni dai toni forti contro la famiglia Gilardi, che era proprietaria della società fallita in settimana prima della presidenza di Michele Nicora. Evidente dunque a chi diano la colpa i tifosi più caldi GUARDA LE FOTO