Crisi e Lavoro
La denuncia della VPOD: "Scandalo al servizio aiuto domiciliare Victoria”. Il sindacato parla di dipendenti non pagati e punta il dito contro Mariangela Gasperini: "Dietro questi giochi sulla pelle degli operatori c'è lei"
Durissima presa di posizione da parte del sindacato: "Gasperini riesce ad andare avanti nelle sue attività assumendo personale sanitario italiano, ignaro dei suoi comportamenti. Si tratta di persone senza lavoro nel loro paese, che accettano di tutto per iniziare ad esercitare la professione sociosanitaria nel nostro Cantone. Queste situazioni scandalose compromettono l’immagine dei servizi di assistenza e cura a domicilio in Ticino"
© Ti-Press /Spitex / Monika Flueckiger
MELANO - Il Sindacato VPOD Ticino, attraverso una nota stampa, “denuncia la situazione di sfruttamento degli operatori sociosanitari in atto presso il servizio di assistenza e cura a domicilio Victoria Multiservices Fisiospitex SA di Délémont (e più precisamente presso la succursale di Melano) e, in precedenza, lo sfruttamento avvenuto presso Assistenza Domiciliare Paradiso Sagl. Infatti 7 dipendenti (su un totale di ca. 15 dipendenti) si sono rivolti a noi rivendicare il mancato pagamento dei salari di novembre 2017 (dovuto loro da AD Sagl Paradiso) e dei mesi di dicembre 2017-gennaio 2018 (dovuto loro da VMF SA di Melano). Il Sindacato VPOD sta svolgendo i passi necessari”.

 

“Questi dipendenti - prosegue la nota - sono stati licenziati al 30.11.2017 da Assistenza Domiciliare Paradiso Sagl e riassunti al 1.12.2017 da Victoria Multiservices Fisiospitex SA di Melano. Dietro a questi giochi sulla pelle degli operatori sociosanitari vi è una persona ben conosciuta alle nostre latitudini, l’infermiera Mariangela Gasperini, che tuttavia riesce ad andare avanti nelle sue attività assumendo personale sanitario italiano, ignaro dei suoi comportamenti. Si tratta di persone senza lavoro nel loro paese, che accettano di tutto per iniziare ad esercitare la professione sociosanitaria nel nostro Cantone. Queste situazioni scandalose compromettono l’immagine dei servizi di assistenza e cura a domicilio in Ticino. Esse hanno pure conseguenze negative sulla qualità delle cure ai nostri anziani!”.

 

“Ricordiamo - aggiunge la VPOD che l’agire della signora Gasperini Mariangela è stata oggetto di varie interrogazioni parlamentari del granconsigliere Raoul Ghisletta. Il Consiglio di Stato ha risposto solamente all’interrogazione del 2015. Nella risposta del 3.11.2015 il Consiglio di Stato ha indicato che l’autorizzazione al libero esercizio della signora Gasperini è stata limitata nel dicembre 2012 allo svolgimento di attività dipendenti in funzione non dirigenziale. Inoltre il Governo ha indicato che vi era una domanda di autorizzazione in corso per Assistenza Domiciliare Paradiso Sagl: ora, la signora Mariangela Gasperini figura gerente proprio di tale società dal 2.10.2017. Tale situazione ovviamente va chiarita, a maggior ragione per il fatto che questa persona -secondo i siti RSI, Ticinonews, Tio e 20 Minuti del 21 novembre 2017- è stata condannata ad un anno e tre mesi di reclusione sospesi dalla Corte delle Assise correzionali di Mendrisio per truffa aggravata, ripetuta falsità in documenti e violazione della legge sull'AVS (per un raggiro da 1.2 milioni Fr. ai danni di varie assicurazioni)”. “La signora Mariangela Gasperini - termina la nota - è inoltre amministratrice con firma individuale dal 22.11.2017 della Victoria Multiservices Fisiospitex SA di Délémont, mentre la succursale di Melano è diretta dal signor Vincenzo Garofalo. In tal modo la signora Gasperini potrebbe sfuggire alla limitazione impostale dall’autorità cantonale ticinese per lo svolgimento di attività dirigenziali nel settore dell’assistenza e cura a domicilio in Ticino. Anche questo aspetto è da chiarire”.



Pubblicato il 09.02.2018 16:43

Guarda anche
Crisi e Lavoro
Parole severe dei giudici della prima Corte di diritto sociale di Lucerna, che hanno annullato una decisione del Tribunale cantonale amministrativo sul caso di un funzionario del Cantone che chiedeva una riqualificazione della propria funzione con relativo aumento salariale
Crisi e Lavoro
Il sindacato: "Perché degli imprenditori socialmente responsabili – di questo si fanno vanto le associazioni padronali – a fronte di una crisi di liquidità, in particolare quella necessaria a coprire i salari, non hanno consegnato immediatamente i bilanci in pretura?"
Crisi e Lavoro
L’obiettivo è di proporre un evento che raduni esperti di ogni settore e permetta di valutare il fenomeno considerandone i diversi aspetti, da quello economico a quello sociale a quello dello sviluppo urbano
Crisi e Lavoro
Il sindacalista e vicepresidente del PPD: "Un esempio concreto dell’amore del PLR per i lavoratori? Il voto contrario alla proposta del PPD (poi accolta dal Gran Consiglio) che chiedeva di favorire i disoccupati residenti evitando di attingere alle agenzie interinali nell’ambito delle commesse pubbliche!"