Politica e Potere
Scandalo Argo 1, Rainbow non ci sta: "Respingiamo ogni tentativo di coinvolgerci nel caso. E attualmente a Camorino si applica una tariffa di 52,80 franchi..."
L'agenzia di sicurezza ribatte alle ultime rivelazioni di stampa: "È troppo semplicistico e fuorviante confrontare due prezzi senza tenere in considerazione tutta una serie di specifici fattori”
Ti Press
BELLINZONA - Rainbow non ci sta. L’agenzia di sicurezza reagisce agli ultimi articoli di stampa che l’hanno vista protagonista all’interno del ginepraio dello scandalo Argo 1. Ieri, in particolare, il Caffè aveva rivelato la differenza di prezzo con cui la società offriva le sue prestazioni al Cantone rispetto alla Croce Rossa.

 

“Ma è troppo semplicistico e fuorviante - replica oggi Rainbow con un nota - confrontare due prezzi senza tenere in considerazione tutta una serie di specifici fattori”.

 

“Nel nostro caso - aggiunge l’agenzia - le tariffe sono principalmente legate al tipo di attività e alle mansioni ivi correlate, nonché al tipo di contratto e durata. A determinare la tariffa concorrono quindi molteplici fattori”. La società sottolinea altresì come la società che attualmente opera per il Cantone nel centro a Camorino, “da ormai un anno e su mandato diretto, ci sembra applichi una tariffa di 52,80 franchi l’ora e per agente”. Molto meno insomma dei 48 franchi che faceva pagare Rainbow, prima che le fosse revocato il mandato per assegnarlo alla Argo 1.

 

Per questo l’agenzia stigmatizza “ogni strumentale tentativo di coinvolgerla nel caso Argo1”, e sottolinea come da quando si è concluso il rapporto con il DSS, nel luglio del 2015, non ha ricevuto più alcun mandato dal Cantone o dalla Confederazione.



Pubblicato il 12.02.2018 16:25

Guarda anche
Politica e Potere
I deputati chiedono che "i criteri per la definizione del numero delle sezioni per ogni sede vengano stabiliti dal Regolamento, tenendo particolarmente conto delle caratteristiche socioculturali degli allievi, del contesto socioeconomico e della morfologia territoriale della regione"
Politica e Potere
Domenica sapremo chi sarà il nuovo sindaco di Mendrisio. Abbiamo sottoposto ai due candidati un questionario con domande che spaziano dalla sfera privata a quella pubblica. Cavadini: "Tra i punti del mio programma: aprire la Filanda che sarà un centro culturale innovativo e permetterà una nuova forma di aggregazione sociale fondata sulla cultura a 360 gradi, non elitaria ma per tutta la popolazione!"
Politica e Potere
Domenica sapremo chi sarà il nuovo sindaco di Mendrisio. Abbiamo sottoposto ai due candidati un questionario con domande che spaziano dalla sfera privata a quella pubblica. Romano: "I problemi più urgenti del Ticino sono la gestione del traffico transfrontaliero affinché il Mendrisiotto non sia sempre strangolato e si possa migliorare la qualità dell’aria. E le distorsioni nel mondo del lavoro"
Politica e Potere
Il Consiglio di Stato ha rinviato la decisione sul blocco parziale proposto dal presidente Claudio Zali. Il Movimento di Via Monte Boglia: "Avanti così a calar le braghe con i vicini!”