Politica e Potere
Scandalo Argo 1, Rainbow non ci sta: "Respingiamo ogni tentativo di coinvolgerci nel caso. E attualmente a Camorino si applica una tariffa di 52,80 franchi..."
L'agenzia di sicurezza ribatte alle ultime rivelazioni di stampa: "È troppo semplicistico e fuorviante confrontare due prezzi senza tenere in considerazione tutta una serie di specifici fattori”
Ti Press
BELLINZONA - Rainbow non ci sta. L’agenzia di sicurezza reagisce agli ultimi articoli di stampa che l’hanno vista protagonista all’interno del ginepraio dello scandalo Argo 1. Ieri, in particolare, il Caffè aveva rivelato la differenza di prezzo con cui la società offriva le sue prestazioni al Cantone rispetto alla Croce Rossa.

 

“Ma è troppo semplicistico e fuorviante - replica oggi Rainbow con un nota - confrontare due prezzi senza tenere in considerazione tutta una serie di specifici fattori”.

 

“Nel nostro caso - aggiunge l’agenzia - le tariffe sono principalmente legate al tipo di attività e alle mansioni ivi correlate, nonché al tipo di contratto e durata. A determinare la tariffa concorrono quindi molteplici fattori”. La società sottolinea altresì come la società che attualmente opera per il Cantone nel centro a Camorino, “da ormai un anno e su mandato diretto, ci sembra applichi una tariffa di 52,80 franchi l’ora e per agente”. Molto meno insomma dei 48 franchi che faceva pagare Rainbow, prima che le fosse revocato il mandato per assegnarlo alla Argo 1.

 

Per questo l’agenzia stigmatizza “ogni strumentale tentativo di coinvolgerla nel caso Argo1”, e sottolinea come da quando si è concluso il rapporto con il DSS, nel luglio del 2015, non ha ricevuto più alcun mandato dal Cantone o dalla Confederazione.



Pubblicato il 12.02.2018 16:25

Guarda anche
Politica e Potere
Il settimanale del PLR attacca: “Forse dovremmo chiedere al sommo Legolas di trasformarsi in oracolo a cui rivolgersi prima di prendere qualsiasi decisione. Sicuramente avremmo una Svizzera migliore … o forse è stato solo un abbaglio postumo del periodo carnascialesco?”
Politica e Potere
Il percorso scolastico di questi giovani è stato più travagliato sin dalla scuola dell’obbligo. È indicativo che nell’anno scolastico 2008/2009 solo il 10.9% di loro, in III media frequentava il livello attitudinale (corso A) di matematica, a fronte del 59.5% del resto della coorte. Ben il 12.5% di questi giovani seguiva il corso pratico (l’attuale differenziazione curricolare) al posto di questa materia, a fronte di solo l’1.9% dei loro coetanei
Politica e Potere
Nel corso del dibattito durissimo l'intervento del capogruppo della Lega Daniele Caverzasio: "Qui siamo di fronte a una sagra del pressapochismo. Se qualcuno ha preso dei soldi dei ticinesi che secondo la legge non gli spettavano, sarà compito di questo Parlamento chiederli indietro!”
Politica e Potere
Il procuratore generale sulle indennità dei ministri: "È senz’altro discutibile (dal profilo della diligenza) che il Governo approvi delle norme (relative alla propria remunerazione) senza leggerle, approfondirle, discuterle e senza controllare il successivo rispetto delle procedure di approvazione previste dalla legge, limitandosi a demandare il compito al cancelliere"