Pane e vino
La Festa della donna al Lungolago di Locarno è ancora più piccante del solito. Ecco i titoli intriganti del Menu della Divinità, da "In calore sotto la luna" ad "Ammucchiata selvaggia"...
Il patron Bruno D’Addazio e il suo team si sono davvero lasciati andare e hanno coniato il Menu della Divinità, con piatti dai titoli intriganti e ammiccanti...
LOCARNO - Torna alla grande, puntuale anche quest’anno, la cena per la Festa della donna al ristorante Lungolago di Locarno. E il menu è, se possibile, ancora più ‘piccante’ del solito.

Per giovedì 8 marzo il patron Bruno D’Addazio e il suo team si sono davvero lasciati andare e hanno coniato il Menu della Divinità, con piatti dai titoli intriganti e ammiccanti. 

Si inizia con “In calore sotto la luna!” (stelle ripiene di carciofi su crema di piselli), si prosegue con “Ammucchiata selvaggia” (tagliata al filetto di manzo e medaglione di vitello su salsa olandese, con asparagi e patate novelle), per terminare con “Inciucio finale” (mousse alla passione e cioccolato). E dalla cantina, “un bel bicchiere di Nero di Troia”.

Per chiudere, uno “Shottino Orgasm” preparato dal barman Leo. Il tutto ‘all inclusive’ a 45 franchi.


Pubblicato il 06.03.2018 16:25

Guarda anche
Pane e vino
Per tutto il torneo il bar ristorante di Locarno si trasforma in un piccolo stadio dove il calcio è occasione per gioire, soffrire, e condividere la passione per lo sport più amato del mondo. E dagli Ottavi maxi concorso con un buono viaggio in premio
Pane e vino
Il direttore della federazione, Gabriele Beltrami, ha ricordato come la recente Assemblea federale organizzata a Locarno abbia avuto un indotto diretto sul territorio, di oltre 1 milione di franchi; ha poi invitato a puntare sulla formazione per essere sempre più performanti, illustrando I molteplici servizi offerti ai soci
Pane e vino
Gli studenti del primo anno hanno progettato il lavoro che verrà realizzato all'interno del Padiglione Conza, a metà strada tra design e praticità. Mario Botta, "per la prima volta non è stato solo un esercizio intellettuale ma qualcosa che verrà realizzato nella realtà grazie a un committente come la Città del Gusto"
Pane e vino
L’Osteria Cuntitt si indirizza verso un modello di ristorazione in cui il cibo e il territorio ticinese sono importanti tanto quanto la socializzazione e la familiarità