Bar Sport
Rocco Cattaneo eletto presidente dell'Unione ciclistica europea: "Per me questo traguardo non è un punto d’arrivo, ma di partenza per rilanciare questo magnifico sport in tutto il continente"
Dopo essere stato eletto membro del Comitato direttivo e nominato presidente a interim l’anno scorso, l’imprenditore e ciclista ticinese, ha ottenuto oggi la conferma della carica. Una nomina prestigiosa, che avrà sicuramente effetti anche sul ciclismo ticinese
ISTAMBUL - Rocco Cattaneo è stato eletto presidente dell’Unione europea di ciclismo al Congresso ordinario che si è tenuto oggi a Istanbul e al quale hanno partecipato delegati di 44 federazioni nazionali su 50.

Dopo essere stato eletto membro del Comitato direttivo e nominato presidente a interim l’anno scorso, l’imprenditore e ciclista ticinese, ha ottenuto oggi la conferma della carica. Una nomina prestigiosa, che avrà sicuramente effetti anche sul ciclismo ticinese.

“Voglio sottolineare che per me la presidenza dell'Unione ciclistica europea è per un grande onore – ha detto Cattaneo -. E non un punto d’arrivo, ma un punto di partenza per rilanciare in Europa questo magnifico sport. Ecco perché sono così felice di lavorare con tutti voi. Negli ultimi mesi, con il comitato direttivo, abbiamo lavorato in perfetta armonia e serenità, con un obiettivo comune: dare ulteriore impulso al ciclismo nel nostro continente. Vivremo tre anni intensi e movimentati, che affronteremo con dedizione e passione”.






Pubblicato il 11.03.2018 21:03

Guarda anche
Bar Sport
Dopo l’Islanda che ha imposto il pari all’Argentina, e il Messico che ha battuto i campioni uscenti della Germania, questa sera è toccato ai ragazzi di Vlado Petkovic tirare fuori il coniglio dal cilindro e pareggiare con i pentacampeon
Bar Sport
Nacaroglu, Schnellmann, Lucibello, Merlini, Fonio, Bertini, Morisoli, Regazzi, Chiesa, Bignasca, Dedini, Gehri... Ecco come vedono l'esordio di domani e come immaginano il percorso della Nazionale
Bar Sport
Il patron dei bianconeri, però, non esclude altri colpi di scena: "C'è una trattativa seria con un fondo inglese"
Bar Sport
Che invidia, che dirompente invidia, a guardare i campi d’allenamento in terra sovietica, mentre i nostri si grattano la pancia al mare, infierendo con le loro stramaledette story su Instagram