Cronaca
Viceprimario dell'ospedale regionale di Lugano a processo per omicidio colposo. Il medico alla sbarra per la morte di una 25enne
Il medico, difeso dall’avvocato Mario Branda, respinge le accuse. L’EOC ha preferito non rilasciare commenti sulla vicenda
© Ti-Press / Francesca Agosta
LUGANO - Processo in vista per un viceprimario dell’Ospedale Regionale di Lugano. Stando a quanto riferito dalla RSI, il medico sarà chiamato a rispondere dell’accusa di omicidio colposo alle Assise Correzionali.

 

Il viceprimario dovrà presentarsi alla sbarra per il decesso di una 25enne, avvenuto sul finire del 2012. La vittima, il 20 novembre di quell’anno, si presentò al Civico dopo essere svenuta. La giovane, che non voleva saltare gli esami di avvocatura, fu dimessa il giorno successivo, e l’8 dicembre si sentì di nuovo male. Fu ricoverata d’urgenza all’Italiano, dove morì a causa di una tromboembolia polmonare.

 

Per quel decesso finirono sotto inchiesta cinque persone, tre medici e due assistenti. Il procuratore generale John Noseda ha firmato un decreto di abbandono per quattro di loro. Il viceprimario, invece, è stato rinviato a giudizio. Noseda, riferisce sempre la RSI, imputa al medico una serie di negligenze che, secondo il magistrato, ebbero un nesso con la morte.

 

Il medico, difeso dall’avvocato Mario Branda, respinge le accuse. L’EOC ha preferito non rilasciare commenti sulla vicenda.



Pubblicato il 12.03.2018 18:35

Guarda anche
Cronaca
Incredibile fatto di cronaca avvenuto ieri sera. In manette finiscono un 38enne, una 42enne, un 19enne e un 17enne cittadini svizzeri domiciliati in un cantone romando
Cronaca
L'editore: "I fatti qui descritti dovrebbero almeno in qualche modo turbare la coscienza a chi non ha altre aspirazioni nella vita che accumulare denaro"
Cronaca
Intervista con il sergente maggiore Marcel Luraschi, da 23 anni alla Polizia Lacuale, della quale è capo: "Purtroppo al giorno d’oggi poche persone prestano le dovute attenzioni. Possiamo sicuramente affermare che gran parte dei fiumi in Ticino non sono luoghi a rischio, ma è l’essere umano che si mette in situazione di difficoltà con i suoi comportamenti"
Cronaca
È successo la scorsa notte intorno alle 2.30. La donna ha riportato ferite ad una mano e all'addome mentre l'uomo allo stomaco