Cronaca
La paura di un dirottamento dietro la manovra dei caccia (oltre il muro del suono) che ha provocato il doppio "botto" di questa mattina. Un frastuono che ha terrorizzato gli abitanti della Lombardia e del Mendrisiotto che hanno pensato a un'esplosione
I due aerei sono decollati dalla base di Istrana (Treviso), allo scopo di intercettare un Boeing 777 dell'Air France, partito dall'isola di Réunion e diretto all'aeroporto di Parigi Orly, che aveva perso improvvisamente il contatto radio con l'agenzia italiana del traffico aereo
CHIASSO - Si delineano i contorni del doppio boato avvertito questa mattina in Lombardia e nel Mendrisiotto. Il frastuono, come è noto, è stato provocato da due caccia dell’aeronautica militare italiana che hanno sfondato il muro del suono.

 

Ma cosa è stata dovuta una manovra che ha letteralmente terrorizzato numerosi cittadini di qua e di là del confine? La motivazione è piuttosto seria in quanto i militari sono intervenuti per paura che fosse in corso un dirottamento.

 

I due aerei, secondo la ricostruzione del Corriere della Sera, sono infatti decollati dalla base di Istrana (Treviso), allo scopo di intercettare un Boeing 777 dell'Air France, partito dall'isola di Réunion e diretto all'aeroporto di Parigi Orly, che aveva "perso improvvisamente il contatto radio con l'agenzia italiana del traffico aereo".

 

È stato dato dunque l'ordine di scramble, cioè di decollo immediato d'allarme, da parte degli Eurofighter. I due jet dell’Aeronautica hanno raggiunto il volo di linea sopra Aosta, l'hanno identificato, i piloti si sono assicurati che l'equipaggio avesse ripristinato i regolari contatti radio con gli enti del traffico aereo e i due caccia sono rientrati alla base.



Pubblicato il 22.03.2018 16:00

Guarda anche
Cronaca
Il nuovo svincolo di Mendrisio, quello che porta ai centri commerciali, costringendo gli automobilisti a una lunga ‘circonvallazione’ su via Penate, non ha portato solo benefici. Alcuni negozianti della zona sono esasperati e furibondi, denunciano forti perdite sulla cifra d’affari e hanno lanciato una petizione
Cronaca
L'uomo ha fatto riferimento al documentario realizzato dallo chef stellato nel 2017. Prima che rimuovesse il filmato, le immagini hanno fatto il giro del web
Cronaca
Il procuratore della contea di Carver ha chiuso le indagini sulla scomparsa del cantautore statunitense senza colpevoli. Non esistono, infatti, prove su chi procurò gli antidolorifici oppiacei. GUARDA IL VIDEO
Cronaca
Erano passate da poco le 15.15 di giovedì quando il ragazzo, per causa che l’inchiesta coordinata dalla procuratrice pubblica Marisa Alfier dovrà stabilire, è stato urtato da un treno in transito senza fermata