Cronaca
L'ultima follia di Conor McGregor: spacca il vetro di un pullman con un carrello ferendo al volto l'atleta italo-americano Michael Chiesa. Dopo qualche ora di latitanza si è consegnato alla polizia… Video
Non sono ancora chiari i motivi che hanno portato il nordirlandese a perdere la testa, anche se si presume che a scatenare l’ira del combattente sia stato un commento azzardato di Nurmagomedov nei confronti di Lobov, sparring-partner di Conor
NEW YORK – Momenti di pura follia nei parcheggi del Barclays Center di New York al termine della conferenza stampa dell’UFC 223, un match di arti marziali in programma nel fine settimana.

L’attuale campione dei pesi leggeri Conor McGregor ha dato di matto scagliandosi contro un pulmino che trasportava alcuni atleti. Il 29enne – come testimoniato dai video che hanno immediatamente fatto il giro del web – ha lanciato contro il veicolo tutto quello che gli capitava a tiro, tra cui transenne, un carrello e altri oggetti di metallo rompendo il vetro di un finestrino.

Non sono ancora ben chiari i motivi che hanno portato McGregor a perdere la testa, anche se si presume che a scatenare l’ira del combattente sia stato un commento azzardato di Nurmagomedov nei confronti di Artem Lobov, sparring-partner di Conor. Resta anche in piedi l’ipotesi che all’origine del folle gesto ci sia la decisione dell’UFC di privarlo del suo titolo mondiale.

La follia del nordirlandese ha portato al ferimento di Michael Chiesa, un atleta italo-americano presente sull’autobus. Il fighter è stato ricoverato in ospedale per lacerazioni multiple al volto provocate dalle schegge di vetro.

Dopo qualche ora di fuga, il 29enne si è consegnato alla polizia locale che sta effettuando gli accertamenti sul caso. Gli incontri previsti nel fine settimana sono stati cancellati.

Pubblicato il 06.04.2018 09:40

Guarda anche
Cronaca
Incredibile fatto di cronaca avvenuto ieri sera. In manette finiscono un 38enne, una 42enne, un 19enne e un 17enne cittadini svizzeri domiciliati in un cantone romando
Cronaca
L'editore: "I fatti qui descritti dovrebbero almeno in qualche modo turbare la coscienza a chi non ha altre aspirazioni nella vita che accumulare denaro"
Cronaca
Intervista con il sergente maggiore Marcel Luraschi, da 23 anni alla Polizia Lacuale, della quale è capo: "Purtroppo al giorno d’oggi poche persone prestano le dovute attenzioni. Possiamo sicuramente affermare che gran parte dei fiumi in Ticino non sono luoghi a rischio, ma è l’essere umano che si mette in situazione di difficoltà con i suoi comportamenti"
Cronaca
È successo la scorsa notte intorno alle 2.30. La donna ha riportato ferite ad una mano e all'addome mentre l'uomo allo stomaco