Cronaca
Momenti di grande panico ai Giochi del Commonwealth: Callum Hawkins collassa a due chilometri dal traguardo. Gli spettatori immortalano la scena al posto di prestare soccorso. Guarda il video Video
"Ogni 500 metri – si difende il portavoce dell’organizzazione Mark Peters – c'era una postazione medica. Non è stato possibile averla in ogni angolo di strada". Lo scozzese sembra essersi ripreso
GOLD COAST – Attimi di grande panico quelli vissuti alla maratona dei Giochi del Commonwealth 2018. Il maratoneta scozzese Callum Hawkins è collassato a terra quando si trovava davanti a tutti a soli due chilometri dal traguardo.

L’atleta – nono classificato alle Olimpiadi di Rio – è stato costretto ad alzare bandiera bianca in prossimità del 40esimo chilometro, accasciandosi a bordo strada stremato.

Il classe 1992 ha provato a rialzarsi e concludere la corsa, ma qualche secondo dopo è nuovamente crollato senza forze, probabilmente a causa di un colpo di calore.

Gli spettatori presenti al di là delle transenne, al posto di prestare soccorso allo sventurato sportivo, non hanno perso tempo a impugnare lo smartphone per immortalare la scena. 

Per ricevere le prime cure dall’assistenza medica, il maratoneta ha dovuto attendere più di due minuti. Comportamento che, ovviamente, ha trascinato il comitato organizzativo al centro delle polemiche.

“Ogni 500 metri – si difende il portavoce dell’organizzazione Mark Peters – c’era una postazione medica. Non è stato possibile averla in ogni angolo di strada”.

Dopo qualche minuto d’agitazione, la delegazione scozzese ha rassicurato tutti sulle condizioni di salute di Hawkins, specificando che “Callum è stato trasportato in ospedale per doverosi accertamenti, ma le sue condizioni migliorano minuto dopo minuto”.

Pubblicato il 16.04.2018 15:00

Guarda anche
Cronaca
Il nuovo svincolo di Mendrisio, quello che porta ai centri commerciali, costringendo gli automobilisti a una lunga ‘circonvallazione’ su via Penate, non ha portato solo benefici. Alcuni negozianti della zona sono esasperati e furibondi, denunciano forti perdite sulla cifra d’affari e hanno lanciato una petizione
Cronaca
L'uomo ha fatto riferimento al documentario realizzato dallo chef stellato nel 2017. Prima che rimuovesse il filmato, le immagini hanno fatto il giro del web
Cronaca
Il procuratore della contea di Carver ha chiuso le indagini sulla scomparsa del cantautore statunitense senza colpevoli. Non esistono, infatti, prove su chi procurò gli antidolorifici oppiacei. GUARDA IL VIDEO
Cronaca
Erano passate da poco le 15.15 di giovedì quando il ragazzo, per causa che l’inchiesta coordinata dalla procuratrice pubblica Marisa Alfier dovrà stabilire, è stato urtato da un treno in transito senza fermata