Salute e Sanità
EOC: giornata di nomine pesanti! Il CdA dell'Ente ha scelto i nuovi direttori degli ospedali di Bellinzona e Mendrisio: Alessando Bressan al nosocomio sopracenerino e Pierluigi Lurà al Beata Vergine
Lurà, da oltre 15 anni collaboratore dell’EOC e attualmente vicedirettore dell’Ospedale Regionale di Lugano. Bressan vanta una lunga carriera dirigenziale nel settore dentale
© Ti-Press/Carlo Reguzzi
BELLINZONA– Il Consiglio di amministrazione dell’Ente Ospedaliero Cantonale ha proceduto alla nomina dei due nuovi direttori degli Ospedali Regionali di Bellinzona e Valli e di Mendrisio. Per l’Ospedale con sedi a Bellinzona, Faido e Acquarossa è stato scelto Alessandro Bressan.

 

Nato nel 1967, ingegnere ETH di formazione, il nuovo direttore vanta una lunga carriera dirigenziale nel settore dentale. L’esperienza in contesti multisito e multiculturali e la capacità di gestire situazioni complesse hanno convinto il CdA che sia la persona adatta per condurre l’ospedale attraverso le prossime sfide, segnatamente continuare a garantire prestazioni ospedaliere di qualità e standard di efficienza ottimali, accanto all’avvio dei lavori di progettazione e di realizzazione della nuova sede ipotizzata sul terreno della “Saleggina”. A partire dalla metà del mese di luglio, Alessandro Bressan succederà a Sandro Foiada, che il 1° luglio assumerà la Direzione della Clinica Hildebrand, Centro di riabilitazione di Brissago.

 

Il prescelto per l’Ospedale Regionale di Mendriso è Pierluigi Lurà, da oltre 15 anni collaboratore dell’EOC e attualmente vicedirettore dell’Ospedale Regionale di Lugano. Nato nel 1971, economista di formazione, il futuro direttore del Beata Vergine è chiamato a proseguire nella realizzazione delle strategie già tracciate, che prevedono l’intensa collaborazione dell’ospedale con i servizi del territorio, che saranno riuniti nella nuova ala in fase di costruzione. Nell’ottica dell’EOC – Ospedale cantonale multisito – il CdA è convinto che Pierluigi Lurà abbia il giusto profilo per ulteriormente sviluppare le sinergie e le collaborazioni con l’Ospedale Regionale di Lugano e rafforzare il ruolo di ospedale di prossimità del Beata Vergine a favore della popolazione del Mendrisiotto. Questo sarà possibile attraverso l’offerta di cure di base di elevata qualità e di un ampio ventaglio di prestazioni specialistiche. Pierluigi Lurà entrerà nella nuova funzione al momento del pensionamento dell’attuale Direttore Graziano Selmoni, previsto nel 2019.

 

Il Consiglio di Amministrazione esprime soddisfazione per l’esito del concorso, che ha registrato una significativa partecipazione quantitativa e con candidati di elevato profilo. Ai due nuovi direttori formula gli auguri per un’attività proficua e ricca di soddisfazioni, che sarà facilitata dal supporto dei rispettivi staff di direzione (amministrativa e sanitaria). Desidera altresì esprimere il proprio ringraziamento ai partenti per quanto realizzato in seno all’EOC.



Pubblicato il 09.05.2018 15:20

Guarda anche
Salute e Sanità
Il vicedirettore sanitario Tiziano Cassina: “Abbiamo saputo da una recente riunione sindacale che circa 70 collaboratori in caso di passaggio all’Ente ospedaliero verranno ricollocati o tagliati. Quando chiediamo garanzie per i dipendenti non ci limitiamo ai contratti ma vogliamo che vengano assicurate anche in futuro le attuali posizioni”
Salute e Sanità
A destare interesse sono soprattutto il lavoro e l'approccio fortemente innovativo della rete di primo soccorso ticinese, grazie alla quale nel 2017 il Ticino ha registrato un tasso di sopravvivenza del 45% in caso di arresto cardiaco.
Salute e Sanità
A livello strategico, la Clinica Luganese Moncucco intende svilupparsi e crescere qualitativamente nei settori dove le competenze e i servizi sono già sviluppati e apprezzati dai pazienti e dai medici invianti del territorio. Servizi come la chirurgia viscerale, l’urologia, la medicina interna, la geriatria e l’oncologia hanno registrato negli anni un costante aumento dell’attività, indicatore di fiducia e di gradimento del lavoro svolto, si legge nel commento al bilancio 2017
Salute e Sanità
Il Functional movement screen è uno screening dove vengono analizzati 7 movimenti base che interessano tutto il corpo (tronco, arti superiori ed inferiori). I movimenti vengono valutati qualitativamente e viene attribuito un punteggio da 0 a 3 per ognuno di essi