Pane e vino
Inaugurato a Mendrisio il primo ristorante ticinese della catena Kentucky Fried Chicken. Al taglio del nastro Romano e Caverzasio. Ecco come negli anni della Grande Depressione nacque il pollo fritto del Colonnello Sanders
La prima ricetta di pollo fritto prevedeva una cottura di trenta minuti in una casseruola di ferro, ma poi, per velocizzare la preparazione, Sanders modificò il processo di cottura per il suo pollo utilizzando una frittura a pressione. E nel 1940 inventò la ricetta utilizzata ancora oggi
foto: TiPress/Alessandro Crinari
MENDRISIO – C’erano gli ospiti delle grandi occasioni questa mattina a Mendrisio per l’inaugurazione del primo KFC ticinese. Al taglio del nastro, tanto per citarne un paio, c’erano i municipali Marco Romano e Daniele Caverzasio. Il fast food, specializzato in pollo fritto (Kentucky Fried Chicken significa appunto "pollo fritto del Kentucky"), si trova a due passi dai centri commerciali di Mendrisio ed è nato per iniziativa di un giovane investitore russo, Pavel Popov, che ha affidato la realizzazione del locale alla studio d’architettura Tecnoclima di Luca Giordano & partners di Lugano.

Il discorso inaugurale è stato affidato a Marco Schepers, general menager della KFC per Germania, Austria e Svizzera. Popov ha detto che quello di Mendrisio è il primo ristorante della famosa catena americana in Ticino ma potrebbe non essere l’ultimo. Insomma, l’intenzione è quella di portare il marchio KFC in altre città del cantone.

E adesso un po’ di storia. La Kentucky Fried Chicken, è una catena statunitense specializzata nel pollo fritto, preparato secondo una ricetta - tenuta segreta sin dalla sua creazione – che prevede 11 erbe e spezie diverse.

Nato e cresciuto ad Henryville, in Indiana, il 9 settembre del 1890, Harland Sanders (il cui volto è il logo della catena) intraprese in gioventù diverse professioni: manovale, tramviere, soldato dell'esercito a Cuba, fabbro, assicuratore, avvocato e gestore di stazione di servizio per la Standard Oil.
Durante la Grande depressione, nel 1930, aprì il suo primo ristorante in una stazione di rifornimento Shell a Corbin, in Kentucky. Sanders faceva il benzinaio, il cuoco e il cassiere.

Il successo fu tale che nel 1936 il governatore del Kentucky concesse a Sanders il titolo di Colonnello del Kentucky come riconoscimento del suo contributo alla cucina dello Stato.

La prima ricetta di pollo fritto prevedeva una cottura di trenta minuti in una casseruola di ferro, ma poi, per velocizzare la preparazione, Sanders modificò il processo di cottura per il suo pollo utilizzando una frittura a pressione. E nel 1940 inventò la ricetta utilizzata ancora oggi.

Nel 1952 il Colonnello girò gli Stati Uniti vendendo il suo pollo ai ristoranti e stipulò i primi contratti in franchising: percepiva 5 cents per ogni pollo venduto dai locali. Nel 1964 il Kentucky Fried Chicken era proposto in oltre 600 punti di vendita franchising negli Stati Uniti e in Canada, e nel primo ristorante oltremare in Inghilterra. In quell'anno Sanders vendette tutti i suoi interessi nella compagnia per due milioni di dollari a un gruppo di investitori, ma rimase il frontman della compagnia.

Nel 1966 la Kentucky Fried Chicken Corporation diventò una public company e tre anni dopo fu inserita nelle liste della New York Stock Exchange. Il 16 dicembre 1980 il Colonnello Harland Sanders, morì, ma la sua creazione conobbe un successo planetario. Oggi la KFC appartiene alla Yum!, che con i suoi 3 marchi KFC, Taco Bell e Pizza Hut è la prima catena di ristorazione al mondo con oltre 40.000 ristoranti in oltre 130 paesi.

Il marchio KFC è diffuso oggi in oltre 115 paesi e conta circa 18.000 ristoranti. Tra le catene che propongono il pollo come prodotto principale è di gran lunga la più grande del pianeta.


Pubblicato il 09.05.2018 18:55

Guarda anche
Pane e vino
La marcia di avvicinamento a Lugano Città del Gusto, prevista dal 13 al 23 settembre, passa attraverso uno dei suoi appuntamenti più attesi
Pane e vino
Il miglior rosato o bianco di Merlot e il “Premio Vinofed” ricompensano invece rispettivamente il Bucaneve 2017 della Cantina Giubiasco e il Merlot 2015 delle Cantine Ghidossi
Pane e vino
La manifestazione si snoderà in tre diverse tappe facilmente percorribili, nelle quali potrete gustare tutto il meglio del Ticino ortofrutticolo interpretato dall'estro culinario di Davide Asietti, chef del Blu Restaurant& Lounge di Locarno
Pane e vino
Come dice Uberto Valsangiacomo, presidente di Ticinowine nel suo invito, "sarà un fine settimana all'insegna del vino e della sua cultura che, mi piace sottolineare, da millenni è parte integrante della nostra storia ed ha contribuito nei secoli alla crescita sociale, economica e tecnica delle popolazioni europee"