Cronaca
Realtà virtuale. Deadpool, il nuovo supereroe della Marvel, compare in carne ed ossa in centro a Lugano. Armato di spada e pistole. Qualcuno si spaventa e chiama la polizia. Ed ecco cosa succede...
L’aspirante Deadpool era accompagnato da un altro ragazzo in abiti civili. “A terra a terra!”, devono aver gridato gli agenti tra lo stupore generale quando hanno intercettato i due tra via Greina e Corso Elvezia. E un nostro lettore ha immortalato la scena del fermo
LUGANO – Quando il mondo virtuale s’intreccia con quello reale può accadere anche quello che è accaduto oggi pomeriggio a Lugano. Le campane stavano per scoccare le sei quando nella zona della pensilina dei bus è stato notato un buffo quanto singolare individuo mascherato da qualcosa che sembrava l’Uomo Ragno con due pistole e uno spadone.

Attentato? Un altro potenziale stragista? Insomma, di questi tempi, con quel che succede nel mondo, e il Ticino non sembra fare eccezione, è meglio non prendere sotto gamba nemmeno certe apparizioni super-eroiche nel cuore dell’urbe.

Così, tanto per non sbagliare, qualcuno ha chiamato la polizia, che per precauzione è intervenuta in forze, Comunale e Cantonale, con armi in pugno spianate, a fermare l’uomo mascherato. Il quale, però, non era costumato da Spider Man – personaggio ormai vetusto – ma da Deadpool, al secolo fumettistico Wade Winston Wilson, scaturito pure dalla fantasia dei disegnatori della Marvel, olimpo dei supereroi di ogni tempo e di ogni gloria.

L’aspirante Deadpool era accompagnato da un altro ragazzo in abiti civili. “A terra a terra!”, devono aver gridato gli agenti tra lo stupore generale quando hanno intercettato i due tra via Greina e Corso Elvezia. E un nostro lettore ha immortalato la scena del fermo.

Alla fine le pistole sono risultate giocattolo e la spada di plastica. I due ragazzi, maggiorenni e luganesi, sono stati quindi rilasciati dopo le formalità di rito. Pare volessero andare a vedere il film del loro eroe preferito. E tutto è bene quel che finisce bene.

emmebi



Pubblicato il 15.05.2018 22:22

Guarda anche
Cronaca
Il pilota della Swisshelicopter era da poco decollato dalla base dell’aeroporto di Magadino. Stava effettuando con il passeggero lo stesso volo di prova che abbiamo fatto lunedì scorso. Si sorvola un tratto di lago, poi la diga della Verzasca, e si entra nella Valle
Cronaca
Le ricerche da parte della polizia per individuare il pilota del drone sono state subito avviate e questi è stato rintracciato presso la diga della Verzasca. Si tratta di uno svizzero 42enne domiciliato nel canton Lucerna verrà denunciato all'Ufficio federale dell'aviazione
Cronaca
Distratto dai commenti degli utenti che partecipavano alla live non si accorge dell'arrivo di un altro veicolo in senso opposto. Lo schianto frontale è stato inevitabile
Cronaca
Durante la Conferenza episcopale italiana, il Santo Padre ha inoltre dichiarato: "Nei seminari esistono tendenze che sono profondamente radicate e che si declinano in veri e propri atti omosessuali"