Quarto Potere
No Billag, tre mesi dopo. Cosa è cambiato? "L'unica leva che può spingere la SSR a ridimensionarsi è tagliare i fondi". E si vuole il canone a 200 franchi
Il Mattino ha interpellato diversi esponenti (tutti pro No Billag, va detto) che non vedono modifiche, nonostante le promesse, a tre mesi dallo storico voto. "Se aspettiamo la dirigenza per trovare soluzioni, di tempo ne passerebbe e non poco", sospira Robbiani, concorde con Bühler sul canone. E Tuto Rossi...
COMANO – Sono passati tre mesi alla votazione di No Billag, è cambiato qualcosa? Il Mattino gira la domanda a diversi politici, e la risposta è unanime: no. La RS aveva promesso di fare delle modifiche, ma per il momento non si è visto ancora nulla.

“Le ammissioni e le promesse di cambiamento che abbiamo udito tutti durante la pesante campagna per il voto del 4 marzo sono già state cestinate. È vero ci saranno dei tagli al personale e sulla programmazione, ma nulla più. Non credo che sia questo ciò che si aspettava una buona parte del Popolo quando decise di dare una seconda chance al servizio pubblico e respinse No Billag il 4 marzo scorso. Cosa si può dedurre da tutto ciò? Semplicemente che l'unica leva che può spingere la SSR a ridimensionarsi è rappresentata dalla riduzione dei suoi fondi”, sentenzia Alain Bühler, uno dei principali fautori dell’abolizione del canone e ora della sua riduzione a 200 franchi.

Anche Battista Ghiggia non ha visto cambiamenti, Marco Chiesa spiega che “alle parole devono seguire i fatti”.

“Certamente una votazione popolare per portare il canone a 200 Fr, a questo punto, è più che auspicabile, anche perché, se dovessimo aspettare la dirigenza della SSR per trovare delle soluzioni, di tempo ne passerebbe e non poco. Intanto mi aspetto che pure i dipendenti della SSR paghino il canone come tutti i comuni mortali. Una promessa, come tante, non ancora mantenuta. Vedremo....”, attacca Massimiliano Robbiani.

“L’iniziativa volta a proporre un canone di 200 franchi, se mai verrà lanciata (lo spero), può oggettivamente avere delle buone chance fra i cittadini votanti, però i promotori dovranno studiare una strategia positiva, ben sapendo che i clan famigliari e politici, i potenti gruppi d’interesse e le corporazioni vicini all’ente di servizio pubblico, nonché certe figure che vivono a ridosso dell’ente statale, metteranno in campo di tutto e di più per mantenere i privilegi acquisiti, pagati attraverso la tassa - che ha soppiantato il vecchio canone d’utenza - imposta a tutti noi”, aggiunge Iris Canonica.

Durissimo Tuto Rossi, convinto che nonostante gli ottimi giornalisti, la RSI è destinata a finire come il Giornale del Popolo, perché non ha voluto espandersi in Italia pur avendone la possibilità e “i direttori, i capi, non sono scelti secondo le loro capacità, bensì secondo la loro subordinazione al Partito Liberale Radicale, al Partito Socialista oppure al Partito Popolare Democratico”.


Pubblicato il 03.06.2018 10:29

Guarda anche
Quarto Potere
Il tema della trasmissione era le trattative tra la Svizzera e Bruxelles. L’episodio è accaduto attorno al 23esimo minuto, quando Ceschi ha chiesto al professore dell'USI se la Svizzera sa trattare con l’Unione Europea. VIDEO
Quarto Potere
I dipendenti del giornale spiegano con una nota come mai da domani, ovvero dal 1o giugno, data in cui entreranno in disoccupazione, non potranno neppure proseguire gli aggiornamenti web che sinora avevano garantito. "Ci auguriamo che anche questo non sia un addio ma un arrivederci"
Quarto Potere
È stata la classica palla al balzo. Sicuramente per mancanza di soldi, nessuno lo dubita: il vescovo Lezzeri ha dichiarato che la Curia ha dovuto rinunciare a un piano sociale per la trentina di dipendenti del Giornale del Popolo perché altrimenti avrebbe dovuto portare i bilanci in Pretura. Quelli della Curia, non quelli del Giornale! Ma forse la decisione comunicata oggi, il fallimento del quotidiano, è anche frutto di una mancanza di forza, o di forza di volontà