Quarto Potere
Colpo di scena a "60 Minuti", il professor Barone Adesi lascia lo studio inviperito con Reto Ceschi: "Io me ne vado". E se ne va davvero! Video
Il tema della trasmissione era le trattative tra la Svizzera e Bruxelles. L’episodio è accaduto attorno al 23esimo minuto, quando Ceschi ha chiesto al professore dell'USI se la Svizzera sa trattare con l’Unione Europea. VIDEO
COMANO – Colpo di scena ieri sera al dibattito della RSI “60 Minuti”: il professor Giovanni Barone Adesi, docente di economia all’USI, ha lasciato lo studio inviperito in polemica con il conduttore Reto Ceschi.

Il tema della trasmissione era le trattative tra la Svizzera e Bruxelles. L’episodio è accaduto attorno al 23esimo minuto, quando Ceschi ha chiesto a Barone Adesi: “La Svizzera sa trattare con l’Unione Europea? Perché a volte nella narrazione sembra un paese un po’ sprovveduto”.

Il docente ha iniziato il suo intervento, ma poco dopo un minuto, un minuto e 10 secondi per la precisione, il conduttore lo ha “tagliato” per passare la parola al corrispondente della RSI da Bruxelles Tomas Miglierina. A quel punto in sottofondo si è sentito “Io me ne vado”.

“Scusi?”, ha chiesto Ceschi. E Barone Adesi, senza scomporsi, con self control britannico ma visibilmente adirato: “Io me ne vado, perché mi fatto aspettare 20 minuti dopo di che mi interrompe”.

A quel punto il conduttore ha tentato di recuperare: “Se vuole concludere… Mi dispiace, davvero non era mia intenzione offenderla questa sera, ma ognuno qui è libero di fare quello che vuole”. Nel frattempo il professore si è alzato e ha lasciato lo studio.



Pubblicato il 05.06.2018 09:54

Guarda anche
Quarto Potere
Il Mattino ha interpellato diversi esponenti (tutti pro No Billag, va detto) che non vedono modifiche, nonostante le promesse, a tre mesi dallo storico voto. "Se aspettiamo la dirigenza per trovare soluzioni, di tempo ne passerebbe e non poco", sospira Robbiani, concorde con Bühler sul canone. E Tuto Rossi...
Quarto Potere
I dipendenti del giornale spiegano con una nota come mai da domani, ovvero dal 1o giugno, data in cui entreranno in disoccupazione, non potranno neppure proseguire gli aggiornamenti web che sinora avevano garantito. "Ci auguriamo che anche questo non sia un addio ma un arrivederci"
Quarto Potere
È stata la classica palla al balzo. Sicuramente per mancanza di soldi, nessuno lo dubita: il vescovo Lezzeri ha dichiarato che la Curia ha dovuto rinunciare a un piano sociale per la trentina di dipendenti del Giornale del Popolo perché altrimenti avrebbe dovuto portare i bilanci in Pretura. Quelli della Curia, non quelli del Giornale! Ma forse la decisione comunicata oggi, il fallimento del quotidiano, è anche frutto di una mancanza di forza, o di forza di volontà