Oltre l'economia
"Una forte crescita e un cluster di aziende molto unite nel fare impresa ma anche molto diversificate". Il settore farmaceutico sta bene, "il modo di fare impresa svizzero è determinante"
Camera di Commercio con una serie di interviste vuol far conoscere i membri del suo Ufficio Presidenziale. Parla Giorgio Calderari, Presidente di Farma Industria Ticino: "le aziende associate sono 28, i collaboratori 2'900 con una massa salariale di 255 milioni e un fatturato di 2,3 miliardi"
BELLINZONA - Giorgio Calderari, Presidente di Farma Industria Ticino e membro dell'Ufficio Presidenziale della Camera di Commercio, ci parla in questo breve approfondimento, delle dinamiche in atto nel settore farmaceutico ticinese e di come questo comparto si stia vieppiù specializzando (dato confermato anche dai risultati emersi dallo studio BAK Economics), con grandi aziende consolidate, accanto a nuove start up che dialogano con i centri di ricerca accademici.

Lo studio BAK Economics ha evidenziato una forte specializzazione nel settore della farmaceutica. Come ci stiamo muovendo?
"Mi fa molto piacere vedere come il BAK abbia validato con una ricerca seria ed indipendente quanto da noi rilevato come Farma Industria Ticino in questi ultimi anni: una forte crescita del settore ed il consolidamento di un cluster di aziende molto unite nel modo di fare impresa ma anche molto diversificate e specializzate, così da rendere il settore resiliente verso la competizione mondiale. Sono 28 le aziende associate con 2’900 collaboratori ed una massa salariale di CHF 255 milioni; il fatturato ammonta a CHF 2.3 miliardi realizzato soprattutto tramite esportazioni. Tornando al cluster, mi piace sottolineare come se si dovessero raggruppare gli associati in azienda paragonabile ad una media multinazionale, sia per fatturato che per capacità di creare valore aggiunto. E di fianco alle società consolidate, cominciano a nascere alcune start-up, anche grazie al supporto delle scuole universitarie e dei centri di ricerca del territorio".

Quale valenza hanno il modo di fare impresa “svizzero” ed il marchio Swiss made, nel settore farmaceutico?
"Mentre l’importanza del marchio “Swiss made” è relativa, il modo di fare impresa svizzero è determinante, grazie alla nostra capacità di innovare, di creare know-how e proprietà intellettuale, di pianificare a lungo termine e all’eccellenza nell’implementazione dei processi. E naturalmente, la tradizione del polo basilese è di grande rilevanza per la crescita di tutto il settore nazionale".

Pubblicato il 06.06.2018 15:36

Guarda anche
Oltre l'economia
La Camera di Commercio ha organizzato una giornata in cui si è parlato del Paese Asiatico. Non è più sinonimo di produzione a basso costo. Importante richiedere informazioni alle aziende locali. Per chi fosse interessato a scoprire questo mondo più da vicino, si parte...
Oltre l'economia
Dopo la serata dedicata ai cloud, in cui è stato simulato un cyber attacco, la Cc-Ti ha deciso di dedicare altri eventi al tema dei big data, "l'oro nero del terzo millennio": come approcciarsi alla trasformazione digitale al processo tecnologico, un vero e proprio rinnovamento culturale
Oltre l'economia
Ieri si è svolto l'evento organizzato dalla Camera di Commercio alla Scuola di Commercio dedicato a cloud, big data e cyber security, a cui hanno partecipato un centinaio di aziende. La comunicazione è sempre più interconnessa a livello digitale: basti pensare a Twitter, Facebook e YouTube...
Oltre l'economia
Un appuntamento informativo e formativo per affacciarsi sulla nuova frontiera della digitalizzazione, un terreno dove opportunità mai immaginate prima e rischi vanno di pari passo. È necessaria, dunque, una cultura aziendale che sappia utilizzare accortamente le continue innovazioni delle ICT, un universo ancora tutto da esplorare