Bar Sport
Un passo dopo l'altro… Il Bellinzona promosso in Prima Lega Promotion, è festa granata
La compagine granata l'anno prossimo giocherà solo un gradino sotto la Challenge League, vicino al calcio che conta. La cinquina di oggi certamente ai tifosi sarà apparsa bella e emozionante come la promozione in Super League, la finale di Coppa Svizzera, il palcoscenico europeo
BELLINZONA – Dopo 5’, lo spavento, con il Red Star  che, dopo la rocambolesca e contestata vittoria dell’andata, era passato in vantaggio, venti minuti di fuoco. Quattro reti, con doppietta di Magnetti, bravissimo a pareggiare subito su rigore, intervallata dai gol di Stojanov e Berera. Poi ha trovato la via del gol Djuric.

E Bellinzona festeggia. I granata, a quattro anni dal fallimento, scalano un altro gradino e l’anno prossimo disputeranno il campionato di Prima Lega Promotion, un passo sotto la Challenge League. Chissà quanti dei 3'650 spettatori hanno rivissuto la festa per la promozione in Super League, per la finale di Coppa Svizzera, per le partite in Europa. Sicuramente è caduta una lacrimuccia però la gioia è identica, diceva bene il tifoso che ha scritto la lettera girata oggi sul web, “al bellinzonese non gliene importa nulla se siamo in Prima Lega Classic e non in Superleague, perché il bellinzonese ama il suo ACB incondizionatamente” (un po’ come ad ogni tifoso vero…).

Complimenti, Bellinzona. Riemergere si può, anche se è difficile.




Pubblicato il 09.06.2018 20:04

Guarda anche
Bar Sport
Dopo l’Islanda che ha imposto il pari all’Argentina, e il Messico che ha battuto i campioni uscenti della Germania, questa sera è toccato ai ragazzi di Vlado Petkovic tirare fuori il coniglio dal cilindro e pareggiare con i pentacampeon
Bar Sport
Nacaroglu, Schnellmann, Lucibello, Merlini, Fonio, Bertini, Morisoli, Regazzi, Chiesa, Bignasca, Dedini, Gehri... Ecco come vedono l'esordio di domani e come immaginano il percorso della Nazionale
Bar Sport
Il patron dei bianconeri, però, non esclude altri colpi di scena: "C'è una trattativa seria con un fondo inglese"
Bar Sport
Che invidia, che dirompente invidia, a guardare i campi d’allenamento in terra sovietica, mentre i nostri si grattano la pancia al mare, infierendo con le loro stramaledette story su Instagram