Cronaca
Funzionario del DSS sotto inchiesta: oltre alla coazione sessuale c'è anche l'accusa di violenza carnale. Ecco i nuovi elementi dell'indagine della Procura
L'uomo, attivo nell’ambito delle politiche giovanili, respinge con fermezza ogni addebito e non è stato fermato dalla Procura per i reati contestatigli
© Ti-Press / Benedetto Galli
BELLINZONA - C’è anche l’accusa di violenza carnale, oltre a quella di coazione sessuale, a carico del funzionario del Dipartimento sanità e socialità, nei confronti del quale il Ministero Pubblico ha aperto un’inchiesta negli scorsi giorni.

 

Lo rivela la RSI che fornisce nuovi elementi sulla vicenda che vede coinvolto l’uomo, sulla sessantina, che il Consiglio di Stato ha sospeso dall’attività lavorativa a seguito dell’apertura dell’indagine. Contestualmente il Governo ha anche ordinato un’inchiesta amministrativa.

 

A subire la violenza carnale, riferisce sempre la radiotelevisione pubblica, sarebbe stata la donna che ha sporto denuncia, innescando il procedimento. Il funzionario e l’accusatrice, all’epoca dei fatti minorenne (siamo nella prima metà degli anni Duemila), ebbero una relazione di circa due anni. In quel contesto sarebbero avvenuti i soprusi. La violenza carnale, e soprattutto (per il numero di casi) la coazione sessuale. La ragazza si sarebbe cioè sentita obbligata ad avere rapporti intimi. E questo sia in ragione della differenza di età, sia del carisma che l’imputato esercitava su di lei.

 

Per quanto invece riguarda la seconda presunta vittima, pure lei minorenne all’epoca dei fatti, gli addebiti nei confronti del funzionario sarebbero meno pesati. La donna, infatti, al momento non si è costituita come accusatrice privata.

 

Ricordiamo infine che il dipendente del DSS, attivo nell’ambito delle politica giovanili, respinge con fermezza ogni addebito e non è stato fermato dalla Procura per i reati contestatigli. L’uomo è difeso dall’avvocato Niccolò Giovanettina.



Pubblicato il 11.06.2018 18:28

Guarda anche
Cronaca
Incredibile fatto di cronaca avvenuto ieri sera. In manette finiscono un 38enne, una 42enne, un 19enne e un 17enne cittadini svizzeri domiciliati in un cantone romando
Cronaca
L'editore: "I fatti qui descritti dovrebbero almeno in qualche modo turbare la coscienza a chi non ha altre aspirazioni nella vita che accumulare denaro"
Cronaca
Intervista con il sergente maggiore Marcel Luraschi, da 23 anni alla Polizia Lacuale, della quale è capo: "Purtroppo al giorno d’oggi poche persone prestano le dovute attenzioni. Possiamo sicuramente affermare che gran parte dei fiumi in Ticino non sono luoghi a rischio, ma è l’essere umano che si mette in situazione di difficoltà con i suoi comportamenti"
Cronaca
È successo la scorsa notte intorno alle 2.30. La donna ha riportato ferite ad una mano e all'addome mentre l'uomo allo stomaco