Salute e Sanità
Prestigioso riconoscimento per il professor Giovanni Pedrazzini: è il primo ticinese eletto Presidente della Società Svizzera di Cardiologia
Attivo al Cardiocentro fin dall'apertura dell'ospedale nel 1999, è stato responsabile del servizio di cardiologia interventistica e quindi sostituto primario, per approdare infine al ruolo di coprimario di Cardiologia al fianco del Prof. Moccetti
BASILEA – Il cardiologo del Cardiocentro e professore all'USI Giovanni Pedrazzini è stato eletto Presidente della Società Svizzera di Cardiologia, figura apicale di riferimento per i cardiologi svizzeri.

"Durante i lavori del 70esimo congresso nazionale – si legge nella nota stampa –, svoltosi a Basilea dal 7 all'8 giugno, la Società Svizzera di Cardiologia ha convocato la propria assemblea generale per procedere all'elezione del nuovo Presidente".

"Alla prestigiosa carica – continua il comunicato – è stato nominato il Prof. Giovanni Pedrazzini, coprimario di cardiologia al Cardiocentro e Professore di ruolo all'Università della Svizzera italiana".

E ancora: "Si tratta di un riconoscimento molto importante non solo per Giovanni Pedrazzini, ma anche per il Cardiocentro e per tutto il Canton Ticino, perché la nomina rappresenta il definitivo suggello della assoluta qualità raggiunta dalla cardiologia ticinese nel confronto nazionale e internazionale".

Giovanni Pedrazzini, sposato con Marialuisa e padre di 4 figli, ha completato il proprio percorso formativo dapprima in Medicina interna e poi in Cardiologia a Berna e Zurigo, con una breve parentesi all'estero per frequentare corsi specialistici di perfezionamento.

Attivo al Cardiocentro fin dall'apertura dell'ospedale nel 1999, è stato responsabile del servizio di cardiologia interventistica e quindi sostituto primario, per approdare infine al ruolo di coprimario di Cardiologia al fianco del Prof. Moccetti.

Membro della Società svizzera di medicina interna (dal 1992), della Società svizzera di cardiologia (dal 1996) e della Società europea di cardiologia (dal 2004), Pedrazzini è stato Presidente del Gruppo di lavoro svizzero sulla cardiologia interventistica dal 2010 al 2012, anno in cui ha ottenuto l'abilitazione all'insegnamento universitario (PD) presso l'università di Zurigo.

Autore di numerose pubblicazioni scientifiche, nel 2017 viene chiamato a far parte del primo nucleo di professori di ruolo della nuova facoltà di Scienze biomediche dell’Università della Svizzera italiana.

Il poco tempo libero è per la famiglia, per gli impegni umanitari in India e Guinea Bissau, e per la scrittura, alla quale si dedica, quando riesce, con molta e ricambiata passione.

red.

Pubblicato il 13.06.2018 16:33

Guarda anche
Salute e Sanità
Il direttore de La Regione in un editoriale sul tema (pur sposando la posizione che il Cardiocentro debba confluire nell'EOC) pone un nuovo quesito: "chi fu l'interlocutore di Moccetti, l'EOC o il Cantone?". Se fosse stato quest'ultimo, toccherebbe al pipidino, ma nessuno in Governo pare volersi schierare contro l'ospedale del cuore
Salute e Sanità
La scoperta è frutto di una ricerca portata avanti negli ultimi 5 anni nei laboratori dello “Swiss Institute for Regenerative Medicine” (SIRM) di Taverne, con il sostegno della Fondazione Cardiocentro Ticino e della “Foundation for Cardiovascular Education and Research” (FCRE).
Salute e Sanità
Cosa è successo al Civico, dove un paziente, operato alla cistifellea, è morto per emorragia? A quanto pare, alle 3 stava bene e alle 5 è stato trovato a terra. L'ospedale si è autodenunciato, si poteva fare di più? Le telecamere si usano raramente e se non si ha un compagno di stanza se si sta male è difficile chiamare aiuto
Salute e Sanità
Il deputato dell'MPS ritiene che i dubbi sul futuro dell'ospedale del cuore vengano da lontano, "da quando vi è stata la discussione sulla pianificazione ospedaliera: Giudici ha ripetuto a più riprese di non volersi conformare alla convenzione. "Le implicazioni della discussione investono la politica sanitaria cantonale"