Inter
2
Sampdoria
1
fine
(0-0)
Napoli
0
Torino
0
1. tempo
(0-0)
La Chaux de Fonds
2
Ticino Rockets
3
3. tempo
(1-2 : 1-1 : 0-0)
Zugo Academy
0
Olten
1
3. tempo
(0-1 : 0-0 : 0-0)
Langenthal
5
Ajoie
1
3. tempo
(2-0 : 3-0 : 0-1)
Visp
1
Turgovia
1
3. tempo
(0-0 : 1-1 : 0-0)
Winterthur
2
Kloten
2
3. tempo
(1-1 : 1-1 : 0-0)
PIT Penguins
3
NY Rangers
3
pausa
(1-1 : 2-2)
MIN Wild
STL Blues
21:00
 
Inter
SERIE A
2 - 1
fine
0-0
Sampdoria
0-0
DAMBROSIO DANILO
17'
 
 
PERISIC IVAN
24'
 
 
 
 
28'
LINETTY KAROL
SKRINIAR MILAN
31'
 
 
1-0 D AMBROSIO DANILO
73'
 
 
 
 
75'
1-1 GABBIADINI MANOLO
2-1 NAINGGOLAN RADJA
78'
 
 
17' DAMBROSIO DANILO
24' PERISIC IVAN
LINETTY KAROL 28'
31' SKRINIAR MILAN
73' 1-0 D AMBROSIO DANILO
GABBIADINI MANOLO 1-1 75'
78' 2-1 NAINGGOLAN RADJA
Venue: San Siro.
Turf: Desso GrassMaster (Surface composed of natural grass combined with artificial fibres).
Capacity: 80,018.
History: 66W-37D-20W.
Goals: 223-113.
Age: 28,6-26,8.
Sidelined Players: INTER - Borja Valero (Knee), Sime Vrsaljko (Knee).
SAMPDORIA - Edgar Barreto (Calf), Gianluca Caprari (Fibula Fracture).
Ultimo aggiornamento: 17.02.2019 20:33
Napoli
SERIE A
0 - 0
1. tempo
0-0
Torino
0-0
Ultimo aggiornamento: 17.02.2019 20:33
La Chaux de Fonds
LNB
2 - 3
3. tempo
1-2
1-1
0-0
Ticino Rockets
1-2
1-1
0-0
 
 
5'
0-1 MAZZOLINI
 
 
16'
0-2 NEUENSCHWANDER A.
1-2 COFFMAN
19'
 
 
 
 
34'
1-3 HAUSSENER
2-3 WETZEL
39'
 
 
MAZZOLINI 0-1 5'
NEUENSCHWANDER A. 0-2 16'
19' 1-2 COFFMAN
HAUSSENER 1-3 34'
39' 2-3 WETZEL
Ultimo aggiornamento: 17.02.2019 20:33
Zugo Academy
LNB
0 - 1
3. tempo
0-1
0-0
0-0
Olten
0-1
0-0
0-0
 
 
9'
0-1 MADER
MADER 0-1 9'
Ultimo aggiornamento: 17.02.2019 20:33
Langenthal
LNB
5 - 1
3. tempo
2-0
3-0
0-1
Ajoie
2-0
3-0
0-1
1-0 GERBER
7'
 
 
2-0 DAL PIAN
18'
 
 
3-0 TSCHANNEN
25'
 
 
4-0 MARET
28'
 
 
5-0 MARET
36'
 
 
 
 
44'
5-1 DEVOS
7' 1-0 GERBER
18' 2-0 DAL PIAN
25' 3-0 TSCHANNEN
28' 4-0 MARET
36' 5-0 MARET
DEVOS 5-1 44'
Ultimo aggiornamento: 17.02.2019 20:33
Visp
LNB
1 - 1
3. tempo
0-0
1-1
0-0
Turgovia
0-0
1-1
0-0
 
 
36'
0-1 FUHRER
1-1 KISSEL
37'
 
 
FUHRER 0-1 36'
37' 1-1 KISSEL
Ultimo aggiornamento: 17.02.2019 20:33
Winterthur
LNB
2 - 2
3. tempo
1-1
1-1
0-0
Kloten
1-1
1-1
0-0
 
 
11'
0-1 COMBS
1-1 GOMES
19'
 
 
 
 
37'
1-2 MONNET
2-2 ROOS
39'
 
 
COMBS 0-1 11'
19' 1-1 GOMES
MONNET 1-2 37'
39' 2-2 ROOS
Ultimo aggiornamento: 17.02.2019 20:33
PIT Penguins
NHL
3 - 3
pausa
1-1
2-2
NY Rangers
1-1
2-2
1-0 LETANG
17'
 
 
 
 
20'
1-1 ZUCCARELLO
2-1 PETTERSSON
32'
 
 
3-1 DUMOULIN
34'
 
 
 
 
35'
3-2 ZIBANEJAD
 
 
38'
3-3 STROME
17' 1-0 LETANG
ZUCCARELLO 1-1 20'
32' 2-1 PETTERSSON
34' 3-1 DUMOULIN
ZIBANEJAD 3-2 35'
STROME 3-3 38'
Start delayed.
Ultimo aggiornamento: 17.02.2019 20:33
MIN Wild
NHL
0 - 0
21:00
STL Blues
Ultimo aggiornamento: 17.02.2019 20:33
Cantonali 2019
12.02.2019 - 09:040
Aggiornamento 16:04

Amalia Mirante: "Tante le differenze tra me e Bertoli. Nella scuola serve un approccio molto diverso"

La candidata PS si smarca dal ministro uscente riservando una serie di giudizi taglienti sulla gestione del DECS: "Basta proposte calate dall'alto"

Amalia Mirante, lei sulla carta appare come l’unica candidata sulla lista del PS in grado di impensierire Manuele Bertoli. Le sue possibilità sono comunque poche. Ci crede davvero?

“Se ragionassi in termini di probabilità, non mi sarei candidata. Credo che il tema invece sia la possibilità da dare ad elettrici ed elettori di fare una vera scelta, anche all'interno della nostra lista”.

E quali sono le differenze tra lei e Bertoli? Non sembrano poi molte…

“Invece sono molte. Ma siccome il tempo è poco parliamo di un tema fondamentale: la scuola, un mondo che io conosco dall'interno, visto che sono anche docente. Credo che sui temi della scuola abbiamo bisogno di un approccio molto diverso”.

Quindi lei era contraria alla Scuola che verrà?

“La proposta del dipartimento è stata bocciata dai ticinesi. La loro è l'unica opinione che conta. Credo però che qualcosa posso dirla in merito”.

Prego...

“Quella proposta soffriva di un grande difetto, abbastanza diffuso purtroppo ai giorni nostri. Il difetto delle proposte calate dall'alto, con le migliori intenzioni, con solide basi teoriche ma con poca attenzione al mondo pratico e quotidiano della scuola. La scuola ticinese è un'ottima scuola che si confronta con una società molto diversa da quella in cui è nata, per esempio, la scuola media nel 1976”.

Ma questo lo dice anche Bertoli.

“Certamente. Ma quello che invece dico io è che qualsiasi proposta di riforma, qualsiasi progetto di revisione deve partire da tre principi dai quali non ci si può scostare nemmeno di un millimetro”.

Prego...

“Il primo è l'ascolto degli interessati. Non un ascolto rituale o formale. Un ascolto vero. I docenti, il personale della scuola, gli allievi, i genitori sono quelli che devono dirci dove sono i problemi, sono coloro che devono giudicare le proposte. Soffriamo di un eccesso di astrattismo pedagogico con funzionari ed esperti che amano confrontarsi tra loro ma non altrettanto con la scuola “vera" “.

La consultazione sulla "Scuola che verrà" c’è stata, eccome.

“Tardiva e parziale direi. E forse un po' formale. E la mia impressione è che anche dopo la votazione si voglia rimanere un pochino sulla medesima falsa riga magari facendo digerire la riforma un pezzetto per volta invece che tutta assieme. E soprattutto, quando si sono ascoltati i docenti, i genitori e gli allievi?”

Ha parlato di tre principi. Il primo l’ha detto, mi dica gli altri due.

“L'autonomia didattica dei docenti. È il principio che ha reso forte la nostra scuola. Bisogna difenderlo a tutti i costi, per evitare l'omologazione, le ricette uguali per tutti, per evitare l'applicazione di facili formule pedagogiche magari sulla scorta dei famosi "studi internazionali". Gli obiettivi devono essere raggiunti e le competenze acquisite, ma sta ai docenti e alle docenti decidere quale è il metodo migliore per i ragazzi che si hanno di fronte.

E il terzo principio?

“La politica deve stare fuori dai programmi scolastici. Non dal dibattito sulla scuola capiamoci bene. Intendo che non si deve più tentare di modificare i programmi, frutto di riflessioni delicate e complesse, in parlamento, aggiungendo un'ora di tedesco qui, un'ora di matematica là, portandoci a votare sulla civica piuttosto che su altre cose. A lei andrebbe di farsi operare in cardiologia se il team operasse sulla base del consenso, secondo protocolli elaborati da una commissione parlamentare? Immagino di no. Eppure è quello che facciamo fare alla scuola”.

 

Tags
scuola
bertoli
docenti
differenze
ascolto
mirante
approccio molto
molto diverso
amalia mirante
approccio molto diverso
News e approfondimenti Ticino
© 2019 , All rights reserved