Cronaca
03.05.2016 - 12:580
Aggiornamento : 19.06.2018 - 15:41

Ecco il bilancio sociale ed ambientale di BancaStato: 437 posti di lavoro e collaboratori felici

Gli indicatori ambientali segnano un calo dei consumi energetici, dell’acquisto di carta e dei rifiuti a essa legati, dei chilometri percorsi dal personale in auto e aereo. Ecco gli altri dati salienti

BELLINZONA - Ecco il bilancio sociale ed ambientale di BancaStato. L'istituo di credito, come ogni anno, ha reso pubblico questo interessante documento che permette di informare il pubblico sulle attività dell'Istituto, in particolare quelle inerenti il mandato pubblico. Di seguito pubblichiamo i dati essenziali. 

Collaboratrici e collaboratori

BancaStato dà lavoro a 437 persone e  si conferma essere un’importante azienda a livello cantonale

Il 2015 ha consolidato la nuova piattaforma informatica (introdotta ad aprile 2014) e ha visto avviarsi la nuova strategia aziendale: light 2017.

Nel 2015 un istituto specializzato e indipendente ha svolto un sondaggio tra il personale garantendo l’anonimato. I risultati parlano chiaro: collaboratrici e collaboratori di BancaStato sono felici e consiglierebbero BancaStato come datore di lavoro!

Prosegue il piano di prepensionamenti che consentirà a BancaStato di raggiungere entro il 2017 il dimensionamento ideale senza operare licenziamenti.

La formazione ha un posto di rilievo. Durante il 2015 sono state erogate oltre 18’500 ore di corsi di formazione a collaboratrici e collaboratori. Il calendario formativo 2016 è ancora più ricco. Complessivamente 20 giovani stanno imparando un mestiere grazie a BancaStato.

Le quote rosa sono crescite

Ambiente

BancaStato prosegue nella strada della gestione sostenibile, ponendo attenzione agli sprechi di risorse, all’ottimizzazione dei consumi, alla gestione dei rifiuti e all’utilizzo dei materiali. Da anni l’Istituto raccoglie indicatori ambientali e traccia le loro evoluzioni.

Gli indicatori ambientali segnano un calo dei consumi energetici, dell’acquisto di carta e dei rifiuti a essa legati, dei chilometri percorsi dal personale in auto e aereo.

I sussidi che la Banca riconosce a coloro che acquistano un abbonamento Arcobaleno hanno aiutato a risparmiare 79’500 litri di carburante.

Clientela, prodotti, enti pubblici e privati

Anche nel 2015 i ticinesi hanno premiato il modello di affari di BancaStato. Da rilevare che buona parte dei crediti ipo- tecari concessi a privati sono inferiori ai 200 mila franchi; la media complessiva è di 471’500 franchi. I mutui ipotecari sono dunque di piccole e medie dimensioni.

Nonostante la clientela ticinese sia leggermente cresciuta (al contrario di quella italiana), la struttura della clientela di BancaStato resta uguale. Il 25,1% dei proventi (al netto dei consumi) sono ridistribuiti alla Proprietà, il che equivale a una crescita del 5,2% rispetto al 2014.

A ottobre 2015 BancaStato ha aperto una nuova filiale: quella di Gordola, per venire meglio incontro al bacino di utenza del Locarnese.

Nel 2015 BancaStato ha annunciato un accordo con lo scopo di diventare una “casa” per i gestori patrimoniali esterni ticinesi, confrontati con un mercato sempre più difficile.

Nel 2015 sono stati creati i “pacchetti del Centenario”, che consentono risparmi ai clienti; BancaStato ha continuato a offrire prodotti concorrenziali e di qualità a 360 gradi, tipici di una Banca universale. Alcuni di questi ultimi offrono vantaggi a giovani e senior, altri invece hanno un profilo spiccatamente ambien-tale o etico.

Il mandato pubblico si manifesta anche tramite il sostegno a moltissimi enti pubbli- ci e privati: istituti di ricerca, associazioni e società attive in ambito culturale, sportivo o di beneficenza. BancaStato finanzia e promuove innumerevoli eventi che costellano il territorio. Per il Centenario ha anche offerto ai ticinesi una speciale mostra fotografica a Castelgrande di Bellinzona.

BancaStato continua a sostenere i fornitori locali.

Potrebbe interessarti anche
News e approfondimenti Ticino
© 2020 , All rights reserved