Cronaca
10.07.2018 - 14:310
Aggiornamento 14:53

Dati d'ascolto, vola alto Radio 3i: superata la soglia degli 80mila ascoltatori giornalieri, cresce TeleTicino. Risultati soddisfacenti anche in casa RSI

Enormi passi avanti per l'emittente di Melide. Da Comano confermato il boom dell'online: i contenuti multimediali visti e ascoltati oltre 16milioni di volte, un "play al secondo"

MELIDE/COMANO – Sono stati pubblicati oggi, martedì 10 luglio, i dati di ascolto raccolti dalla Fondazione Mediapulse. Buone notizie per l'emittente radiofonica Radio 3i e TeleTicino, così come per le reti radio e tv della RSI.

La radio privata del Gruppo Corriere del Ticino ha raggiunto un nuovo record storico, confermando così l'importante crescita sul territorio. Nel quadrimestre tra marzo e giugno, Radio 3i ha superato la soglia degli 80mila ascoltatori giornalieri. Un enorme passo in avanti rispetto alla fine del 2017, quando la radio privata era seguita da circa 65mila persone. Resta tuttavia complicato effettuare un paragone preciso con le annate precedenti, in quanto Mediapulse ha modificato il metodo di raccolta dei dati all'inizio dell'anno.

Il Gruppo Corriere del Ticino sorride anche per i risultati ottenuti da TeleTicino. Il 15% della popolazione, pari a 52mila persone, segue giornalmente le trasmissioni dell'emittente regionale con la quota di mercato più alta in Svizzera. Sull'arco delle 24 ore, la quota di mercato è aumentata dall'1.08% del 2017 al 1.3% del primo semestre di quest'anno, con una progressione del 20%.

A contribuire in maniera decisiva a quest’espansione ci hanno pensato i Blues Brother’s con il loro record di permanenza in onda, sia su TeleTicino che su Radio3i. Alle 16:03 del 14 febbraio scorso, giorno del record, infatti, è stato superato il 39% di quota di mercato.

L'informazione resta il pilastro della programmazione di TeleTicino, sia con il Telegiornale delle 18.45 sia con il Tg Talk delle 19.45, che ha triplicato lo share rispetto al semestre precedente.

Grande soddisfazione per il direttore di Radio 3i e TeleTicino Matteo Pelli. "Sono risultati straordinari e avere un aumento così importante di pubblico in pochi anni ci onora. Le cifre sono confortanti e ci spingono a proseguire su questa via migliorando, giorno dopo giorno, il nostro lavoro".

Sorriso stampato sulle labbra anche per l'amministratore delegato Marcello Foa. "Questi risultati sono la conferma che essere al servizio del pubblico con simpatia e umiltà è pagante. A Melide possiamo contare su una piccola, ma fortissima squadra che merita grandi soddisfazioni".

Radiotelevisione della Svizzera Italiana

Importanti segnali di crescita anche in casa RSI. I dati rilevati da Medapulse confermano le reti radio e tv del servizio pubblico in cima alle preferenze degli ascoltatori. Ogni giorno, nella Svizzera Italiana, sette persone su dieci ascoltano le reti radio del servizio pubblico.

LA 1 e LA 2, invece, mantengono l'importante quota del 35.1% del mercato TV nel "prime time". La fruizione multimediale offerta dalla RSI continua a crescere con i contenuti della Radiotelevisione Svizzera Italiana visti e ascoltati 16,4 milioni di volte: in media un “play” al secondo.

Secondo i dati del primo semestre 2018 sempre più il pubblico della Svizzera italiana preferisce il consumo online – “broadband” – al più tradizionale consumo “broadcast”. La strategia della RSI e dell’intera SSR, volta ad estendere l’offerta dei programmi sui vettori online, risponde dunque a un'esigenza reale del pubblico della Svizzera italiana.

Il sito internet dell'emittente di Comano ha registrato un aumento del 10% di visite, mentre le app targate RSI superano i 14 milioni di fruitori e registrano 44 milioni di "page impressions".

Buona quota di mercato (53.5%) anche per le reti radio del servizio pubblico (Rete Uno, Rete Due e Rete Tre).

Nella fascia di maggiore ascolto, fra le 18 e le 23, LA 1 e LA 2 hanno registrato uno share del 35,1%. La classifica dei programmi più seguiti è guidata dalle tre partite della Nazionale di calcio ai Mondiali in Russia; prima fra tutte quella del 17 giugno contro il Brasile, seguita da 88'300 telespettatori, con picchi che sfiorano i 100'000.

Ben piazzati nella classifica delle trasmissioni più seguite anche l’incontro Svizzera-Svezia nei campionati del mondo di hockey, il 20 maggio, guardato da 53'300 persone, gli “Echi da un carnevale” dell’11 febbraio (51'200) e il settimanale Patti chiari: la puntata del 9 marzo sullo “sciroppo dello sballo” ha fatto segnare una quota di mercato del 51,8%.

red.
Potrebbe interessarti anche
Tags
mercato
pubblico
quota
dati
svizzera
radio
rsi
teleticino
quota mercato
italiana
© 2018 , All rights reserved