Bologna
2
Roma
0
fine
(1-0)
Chievo
0
Udinese
2
fine
(0-0)
Lazio
4
Genoa
1
fine
(2-0)
Milan
Atalanta
18:00
 
Vaduz
0
Winterthur
1
2. tempo
(0-0)
Young Boys
6
Basilea
1
2. tempo
(2-0)
S.Gallo
2
Lugano
1
2. tempo
(2-0)
Zurigo
1
Lucerna
0
2. tempo
(0-0)
Bologna
SERIE A
2 - 0
fine
1-0
Roma
1-0
 
 
30'
DE ROSSI DANIELE
 
 
33'
CRISTANTE BRYAN
1-0 MATTIELLO FEDERICO
36'
 
 
2-0 SANTANDER FEDERICO
59'
 
 
 
 
63'
FAZIO FEDERICO
 
 
79'
PELLEGRINI LORENZO
DE MAIO SEBASTIAN
90'
 
 
MBAYE IBRAHIMA
90'
 
 
DE ROSSI DANIELE 30'
CRISTANTE BRYAN 33'
36' 1-0 MATTIELLO FEDERICO
59' 2-0 SANTANDER FEDERICO
FAZIO FEDERICO 63'
PELLEGRINI LORENZO 79'
90' DE MAIO SEBASTIAN
90' MBAYE IBRAHIMA
Venue: Stadio Renato Dall`Ara.
Turf: Natural.
Capacity: 38,279.
Distance: 391km.
Sidelined Players: BOLOGNA - PULGAR ERICK (Susp.), DONSAH GODFRED, HELANDER FILIP, PALACIO RODRIGO (Injured).
Ultimo aggiornamento: 23.09.2018 17:41
Chievo
SERIE A
0 - 2
fine
0-0
Udinese
0-0
 
 
76'
0-1 DE PAUL RODRIGO
 
 
83'
BEHRAMI VALON
 
 
90'
0-2 LASAGNA KEVIN
GIACCHERINI EMANUELE
90'
 
 
DE PAUL RODRIGO 0-1 76'
BEHRAMI VALON 83'
LASAGNA KEVIN 0-2 90'
90' GIACCHERINI EMANUELE
Venue: Stadio Marc`Antonio Bentegodi.
Turf: Natural.
Capacity: 38,402.
Distance: 226km.
Sidelined Players: CHIEVO - CESAR BOSTJAN (Injured).
UDINESE - BADU EMMANUEL, INGELSSON SVANTE (Injured).
Ultimo aggiornamento: 23.09.2018 17:41
Lazio
SERIE A
4 - 1
fine
2-0
Genoa
2-0
1-0 CAICEDO FELIPE
7'
 
 
 
 
11'
SPOLLI NICOLAS
2-0 IMMOBILE CIRO
23'
 
 
 
 
45'
BESSA DANIEL
 
 
46'
2-1 PIATEK KRZYSZTOF
3-1 MILINKOVIC-SAVIC SERGEJ
53'
 
 
BADELJ MILAN
80'
 
 
4-1 IMMOBILE CIRO
89'
 
 
7' 1-0 CAICEDO FELIPE
SPOLLI NICOLAS 11'
23' 2-0 IMMOBILE CIRO
BESSA DANIEL 45'
PIATEK KRZYSZTOF 2-1 46'
53' 3-1 MILINKOVIC-SAVIC SERGEJ
80' BADELJ MILAN
89' 4-1 IMMOBILE CIRO
Venue: Stadio Olimpico.
Turf: Natural.
Capacity: 72,698.
Distance: 512km.
Sidelined Players: LAZIO - RADU STEFAN, LUKAKU JORDAN (Injured).
GENOA - LAPADULA GIANLUCA (Injured).
Ultimo aggiornamento: 23.09.2018 17:41
Milan
SERIE A
0 - 0
18:00
Atalanta
Ultimo aggiornamento: 23.09.2018 17:41
Vaduz
CHALLENGE LEAGUE
0 - 1
2. tempo
0-0
Winterthur
0-0
 
 
75'
0-1 OLIVEIRA ROBERTO
OLIVEIRA ROBERTO 0-1 75'
Venue: Rheinpark Stadion.
Turf: Natural.
Capacity: 7,584.
Ultimo aggiornamento: 23.09.2018 17:41
Young Boys
SUPER LEAGUE
6 - 1
2. tempo
2-0
Basilea
2-0
1-0 FASSNACHT CHRISTIAN
33'
 
 
2-0 SULEJMANI MIRALEM
41'
 
 
VON BERGEN STEVE
47'
 
 
 
 
50'
VAN WOLFSWINKEL RICKY
3-0 ALI CAMARA MOHAMED
52'
 
 
HOARAU GUILLAUME
58'
 
 
4-0 HOARAU GUILLAUME
60'
 
 
 
 
62'
BALANTA EDER
 
 
66'
AJETI ALBIAN
5-0 AEBISCHER MICHEL
70'
 
 
 
 
75'
5-1 VAN WOLFSWINKEL RICKY
6-1 BERTONE LEONARDO
80'
 
 
33' 1-0 FASSNACHT CHRISTIAN
41' 2-0 SULEJMANI MIRALEM
47' VON BERGEN STEVE
VAN WOLFSWINKEL RICKY 50'
52' 3-0 ALI CAMARA MOHAMED
58' HOARAU GUILLAUME
60' 4-0 HOARAU GUILLAUME
BALANTA EDER 62'
AJETI ALBIAN 66'
70' 5-0 AEBISCHER MICHEL
VAN WOLFSWINKEL RICKY 5-1 75'
80' 6-1 BERTONE LEONARDO
Venue: Stade de Suisse.
Turf: Artificial (Polytan LigaTurf RS Pro CoolPlus) 31,789.
Ultimo aggiornamento: 23.09.2018 17:41
S.Gallo
SUPER LEAGUE
2 - 1
2. tempo
2-0
Lugano
2-0
 
 
24'
GERNDT ALEXANDER
1-0 SIERRO VINCENT
29'
 
 
MOSEVICH LEONEL
34'
 
 
2-0 SIERRO VINCENT
42'
 
 
 
 
45'
MARIC MIJAT
 
 
45'
DAPRELA FABIO
 
 
53'
2-1 BOTTANI MATTIA
GERNDT ALEXANDER 24'
29' 1-0 SIERRO VINCENT
34' MOSEVICH LEONEL
42' 2-0 SIERRO VINCENT
MARIC MIJAT 45'
DAPRELA FABIO 45'
BOTTANI MATTIA 2-1 53'
Venue: Kybunpark.
Turf: Natural.
Capacity: 19,456.
Ultimo aggiornamento: 23.09.2018 17:41
Zurigo
SUPER LEAGUE
1 - 0
2. tempo
0-0
Lucerna
0-0
 
 
53'
DEMHASAJ SHKELQIM
1-0 ODEY STEPHEN
55'
 
 
DEMHASAJ SHKELQIM 53'
55' 1-0 ODEY STEPHEN
Venue: Stadion Letzigrund.
Turf: Natural.
Capacity: 26,104.
Ultimo aggiornamento: 23.09.2018 17:41
foto: TiPress/Pablo Gianinazzi
Politica e Potere
21.02.2018 - 17:040
Aggiornamento 19.06.2018 - 15:41

Non leggevano ma intascavano... Le staffilate sui denti di John Noseda al Governo all'ex cancelliere Gianella sulle indennità dei ministri: "Comportamento superficiale, omissivo e negligente". Ecco gli "highlight" del decreto

Il procuratore generale sulle indennità dei ministri: "È senz’altro discutibile (dal profilo della diligenza) che il Governo approvi delle norme (relative alla propria remunerazione) senza leggerle, approfondirle, discuterle e senza controllare il successivo rispetto delle procedure di approvazione previste dalla legge, limitandosi a demandare il compito al cancelliere"

BELLINZONA - Nel decreto di abbandono sulle indennità dei ministri firmato dal procuratore generale John Noseda ci sono delle vere e proprie staffilate sui denti all’Esecutivo e all’ex cancelliere dello Stato, Gian Piero Gianella. Ecco i passaggi salienti del documento che, pur non ravvisando elementi penali sulle segnalazioni formulate dal deputato del MPS Matteo Pronzini, critica duramente la prassi e il comportamento dei protagonisti.

Al punto 7 del decreto si legge: “Dalla documentazione e dalle deposizioni dei consiglieri di Stato Zali, Bertoli, Sadis e dell’ex cancelliere Gianella emerge che le note a protocollo del 2011 sono state elaborate da parte di quest’ultimo e consegnate ai membri del Governo il giorno antecedente la prima seduta governativa, all’interno di un voluminoso incarto allegato alla prima trattanda dall’eloquente titolo “Inizio legislatura, informazioni e documentazioni su temi che interessano il collegio”, comprendente ben 8 sottotrattande in materia di costituzione e leggi cantonali, funzionamento del Consiglio di Stato, servizi di informazione e consulenze, calendario, conflitti di interesse, rapporti con il Gran Consiglio, con l’amministrazione, enti parastatali, elezioni e votazioni, rapporti fuori Cantone e, appunto, diritti di carica.

Appare pertanto confermato quanto riferito dal consigliere Bertoli e riconosciuto espressamente anche dal cancelliere Gianella, secondo cui la nota a protocollo 44-2011 viene approvata “senza alcuna discussione secondo una prassi consolidata all’inizio della legislatura”.

Analogamente dicasi per la successiva nota a protocollo del 2016, pure preparata dal cancelliere, presentata all’ultima seduta estiva del Governo all’interno di altre numerose trattande organizzative senza discussione risultando essere un semplice adeguamento consigliato dal Controllo cantonale delle finanze.

In realtà, tra il 2011 e il 2016 il Governo ha quindi adottato risoluzioni elaborate dal cancelliere (e relative alle remunerazioni dei suoi membri) senza esaminare e senza controllare che le ripetute raccomandazioni del Controllo cantonale delle finanze, circa l’obbligo di approvazione parlamentare, venissero rispettate dalla Cancelleria dello Stato”.

E nella parte conclusiva, Noseda scrive: “Le note a protocollo non sono state elaborate e discusse dai consiglieri di Stato, che le hanno ricevute dal cancelliere quali semplici conferme della regolamentazione esistente, approvandole in pochi minuti. Aggiungasi che il tema rientrava nelle competenze storiche delegate al cancelliere e che quest’ultimo aveva rassicurato i membri del Governo circa il rispetto delle formalità previste dalla legge. È senz’altro discutibile (dal profilo della diligenza) che il Governo approvi delle norme (relative alla propria remunerazione) senza leggerle, approfondirle, discuterle e senza controllare il successivo rispetto delle procedure di approvazione previste dalla legge, limitandosi a demandare il compito al cancelliere. Tale comportamento superficiale e omissivo può considerare una negligenza ma non il dolo, neppure eventuale”.

Pronzini: la questione va approfondita

E oggi in una sua nota stampa, Pronzini ha parlato di arroganza e ingordigia dei Consiglieri di Stato e ha scritto: “Il Procuratore generale "salva" penalmente, i Consiglieri di Stato affermando che gli stessi di fatto hanno approvato delle norme (relative alla propria remunerazione) senza leggerle, approfondirle, discuterle e senza controllare il successivo rispetto delle procedure d'applicazione previste dalla legge. Tale comportamento superficiale e omissivo configurerebbe la negligenza ma non il dolo.

Quest’affermazione rafforza la necessità di verificare, come da me chiesto, se i singoli Consiglieri di Stato hanno ricevuto direttamente e/o per interposta persona i rapporti del Controllo Cantonale delle Finanze. Se ciò fosse stato il caso la responsabilità dei Consiglieri di Stato sarebbe chiara e lampante.
Per questa ragione ribadisco che al decreto d’abbandono il Gran Consiglio debba porre ricorso chiedendo che il Procuratore Pubblico approfondisca quest' aspetto centrale”.


Potrebbe interessarti anche
Tags
consiglieri
legge
governo
cancelliere
stato
consiglieri stato
comportamento
gianella
decreto
senza controllare
© 2018 , All rights reserved