Scuola e Lavoro
04.02.2016 - 14:550
Aggiornamento : 19.06.2018 - 15:41

La testimonianza di Nicola, un giovane ticinese che ha scelto di coniugare scuola e lavoro: "Mai fermarsi a quel che si è imparato da ragazzi"

Il racconto di uno studente della Scuola Superiore in Economia Aziendale: “Non si resta performanti durante tutto l’arco della carriera professionale facendo capo unicamente alle conoscenze acquisite da ragazzi”

LUGANO - Un giovane ticinese, Nicola Malandrini, racconta la sua esperienza di formazione e spiega come si può coniugare scuola e lavoro per gettare basi più solide per il proprio futuro. Un racconto che può essere da spunto per altri giovani come lui.

di Nicola Malandrini *

Alla conclusione della mia formazione scolastica presso la Scuola Superiore in Economia Aziendale mancano pochi mesi e la soddisfazione per aver intrapreso questo percorso di studi è alta.
La volontà di voler intraprendere una formazione professionale non è maturata al termine delle scuole medie ma qualche anno più tardi, quando ero nel mezzo di una formazione liceale e capii che avrei voluto indirizzare i miei studi nell’ambito economico e che quello che volevo fare era maturare delle esperienze direttamente sul terreno. Da qui è nata la decisione di interrompere la formazione avviata e iniziare un apprendistato di commercio, che, grazie anche al supporto dell’azienda formatrice, mi ha permesso di gettare le basi solide per la mia entrata nel modo del lavoro.

A conclusione dell’apprendistato, dopo un’esperienza lavorativa e di studio all’estero e aver assolto il servizio militare, ho iniziato a lavorare per un’azienda internazionale attiva nel capo dell’informatica, presso la quale sono tutt’ora impiegato. Quest’opportunità di lavoro si sta rivelando molto arricchente dal punto di vista professionale, in quanto mi offre la possibilità di lavorare e confrontarmi con professionisti provenienti da tutto il mondo.

Già al termine dell’apprendistato ero cosciente di aver concluso solo il primo passo del mio cammino formativo; col passare del tempo in azienda la consapevolezza di dover continuare il cammino formativo si è fatto via via più forte. Per questo motivo ho deciso di iscrivermi alla Scuola Superiore in Economia Aziendale, essendo l’offerta di studi molto improntata sulla pratica professionale e impostata in maniera tale da poter permettere allo studente di mantenere l’attività lavorativa a tempo pieno, elemento per me molto importante.

Abbinare la formazione scolastica all’attività professionale, così come alla vita privata, non è sempre facile. In aggiunta al tempo trascorso in classe, è necessario dedicare allo studio a casa molte ore, pertanto è fondamentale, essere convinti e motivati per poter intraprendere questo percorso formativo. Molto importante nel mio caso è stato far comprendere al datore di lavoro l’importanza che questa scuola ha per il mio sviluppo professionale, il che mi ha permesso di ottenere il suo sostegno.

Questa formazione ritegno sia molto arricchente soprattutto perché si abbina alla pratica professionale, permettendo quindi di dare un senso a ciò che si sta facendo e comprendere quanto sia importante studiare per colmare quelle lacune che ci si accorge di avere solo praticando realmente ciò che si è appreso nel corso degli studi. 
L’apprendistato è stato il mio primo passo nella formazione scolastica, la SSEA da parte sua si rivelerà uno step ulteriore, anche se probabilmente non definitivo. Con i veloci mutamente del mercato a cui assistiamo oggi, è impensabile e forse presuntuoso pensare di poter essere performanti professionalmente durante tutto l’arco della carriera facendo capo unicamente alle conoscenze acquisite da ragazzi”.

SSStipendium di ATST

Per premiare e incoraggiare il perfezionamento professionale intrapreso presso una formazione delle Scuole specializzate superiori (SSS), ATST ha organizzato SSStipendium. (Informazioni: www.atst.ch/?page_id=844)

News e approfondimenti Ticino
© 2020 , All rights reserved