Cronaca
"La nuova segnaletica sulla cantonale del Ceneri è una follia". Un nostro lettore ci scrive per segnalare il problema: "La situazione è pericolosa"
Ed effettivamente dagli scatti giunti in redazione la strada sembra un arcobaleno di segnali, tra strisce sull'asfalto e cartelli, dove non sembra facilissimo orientarsi per gli automobilisti e gli altri utenti della strada. GUARDA LE FOTO


MONTECENRI - "La nuova segnaletica sulla strada cantonale del Monte Ceneri è una follia!". Un nostro lettore indignato ci ha scritto per segnalarci la situazione allegando pure alcune fotografie.

 

Ed effettivamente dagli scatti giunti in redazione la strada sembra un arcobaleno di segnali, tra strisce sull'asfalto e cartelli, dove non sembra facilissimo orientarsi.

 

"La situaziuazione venutasi a creare con questa nuova segnaletica - ci scrive il lettore - è pericolosa, confusionale e forse non conforme alle regole".

 

"Per questo - termina il nostro utente- chiedo a Liberatv di segnalare il problema come informazione per gli altri lettori". 

 

Ecco fatto. E ora vediamo se qualcuno ha qualcosa da dire o da precisare...


RED


(Se vuoi sostenere Liberatv clicca qui)



Pubblicato il 09.11.2016 17:10

Guarda anche
Cronaca
L'ipotesi di reato nei confronti del 45enne è di infrazione aggravata alla Legge federale sugli stupefacenti. L'inchiesta è coordinata dal Procuratore generale John Noseda
Cronaca
Nato a Mendrisio nel 1955, venne nominato nel 1997 direttore del Vocabolario dei dialetti della Svizzera italiana. L'anno successivo divenne direttore del nuovo Centro di dialettologia
Cronaca
L'ANALISI - Il lupo M75 (che sta per ‘maschio 75’) è problematico di natura o lo è diventato invece perché nella sua esperienza di vita non ha trovato di fronte a sé quelle barriere (cancelli, protezioni, cani da guardia, recinzioni correttamente elettrificate) che lo avrebbero indotto a una maggiore prudenza nel predare ovili e stalle?
Cronaca
I due arrestati hanno aggredito un 26enne cittadino svizzero (ferite di una certa entità) e un 29enne cittadino eritreo entrambi residenti nel Mendrisiotto