Cronaca
"La nuova segnaletica sulla cantonale del Ceneri è una follia". Un nostro lettore ci scrive per segnalare il problema: "La situazione è pericolosa"
Ed effettivamente dagli scatti giunti in redazione la strada sembra un arcobaleno di segnali, tra strisce sull'asfalto e cartelli, dove non sembra facilissimo orientarsi per gli automobilisti e gli altri utenti della strada. GUARDA LE FOTO


MONTECENRI - "La nuova segnaletica sulla strada cantonale del Monte Ceneri è una follia!". Un nostro lettore indignato ci ha scritto per segnalarci la situazione allegando pure alcune fotografie.

 

Ed effettivamente dagli scatti giunti in redazione la strada sembra un arcobaleno di segnali, tra strisce sull'asfalto e cartelli, dove non sembra facilissimo orientarsi.

 

"La situaziuazione venutasi a creare con questa nuova segnaletica - ci scrive il lettore - è pericolosa, confusionale e forse non conforme alle regole".

 

"Per questo - termina il nostro utente- chiedo a Liberatv di segnalare il problema come informazione per gli altri lettori". 

 

Ecco fatto. E ora vediamo se qualcuno ha qualcosa da dire o da precisare...


RED


(Se vuoi sostenere Liberatv clicca qui)



Pubblicato il 09.11.2016 17:10

Guarda anche
Cronaca
Il giovane attore - in carcere per aver travolto e ucciso una donna con l'auto - racconta la sua versione dei fatti e chiede perdono. Rischia almeno cinque anni di prigione per essersi messo alla guida sotto l'effetto di stupefacenti e senza patente: "Ora sono in crisi d’astinenza, ma è giusto così, è giusto che soffra”.
Cronaca
Il Consigliere di Stato leghista, un anno dopo, ha concesso al macellaio bellinzonese una nuovo match: "Stavolta ha vinto lui meritatamente"
Cronaca
La notizia è arrivata ormai in tarda serata dopo che nel triangolo tra via Sorengo , via Basilea e Piazzale Besso si sono vissute ore di tensione. LE FOTO DALLA ZONA ISOLATA
Cronaca
Le parole pesanti come macigni della ragazza che racconta come la madre fosse da tempo vessata dal 54enne che l'ha uccisa: su di lui anche un ingiunzione per non avvicinarsi alla donna. "Non parlo per me, io una madre non l’ho più, ma per gli altri. Non voglio che qualcuno perda i propri cari perché nessuno è stato capace di proteggere chi è vittima di minacce"