Bar Sport
Fabio Crotta torna in sella e affronta la prima grande sfida del nuovo anno: il CSI cinque stelle di Basilea, confrontandosi con i più grandi fantini del mondo. Nel 2014 la sua Rubina VIII vinse il premio di 'Cavallo svizzero dell'anno' Video
Il fantino ticinese sarà tra i protagonisti del concorso ippico internazionale in programma nel fine settimana e garantisce di essere pronto a dare il meglio di sè
LUGANO – Il fantino ticinese Fabio Crotta torna in sella. Il primo appuntamento agonistico del 2017 si svolgerà il prossimo fine settimana a Basilea, dov’è in programma il CSI cinque stelle, un concorso che richiama i più grandi protagonisti dell’ippica internazionale.

Nel 2014 Crotta ottenne, con Rubina VIII, il premio ‘Cavallo svizzero dell’anno’. Quest’anno si presenta invece con Tess de Jalesness (guarda il video allegato) e Delacroix As – si sa che i cavalli hanno nomi un po’ strani – e garantisce di essere pronto a dare il meglio di sé.


Pubblicato il 12.01.2017 20:08

Guarda anche
Bar Sport
Montella paga un inizio di stagione disastroso dopo un mercato che ha visto il club di via Aldo Rossi, guidato dalla nuova proprietà cinese, investire sul mercato oltre 200 milioni di Euro. In 14 partite, l’allenatore campano ha racimolato appena 20 punti: con 6 vittorie, 2 pareggi e ben 6 sconfitte (arrivate tutte con le prime squadre della classifica)
Bar Sport
La vicenda, da cronaca "green" più che "rosa", si sarebbe potuta probabilmente risolvere in modo meno formale, spiegando a voce il problema alle interessate. Perché è difficile pensare che, come auspica il finale della lettera, quel rimbrotto rimanga “senza strascichi”…
Bar Sport
Il responsabile dei direttori di gara ticinese denuncia e dettaglia la crisi del settore: "All’ultimo corso per arbitri se ne sono iscritti 19. Quelli che hanno concluso positivamente il programma non erano più di 7….Spesso ci troviamo a dovere accettare situazioni improponibili con la necessità di richiedere agli arbitri di dirigere 2 o 3 partite in un fine settimana"
Bar Sport
L'ANALISI - Ora è il tempo dei processi. Si faranno tanti discorsi, conditi da luccicanti buoni propositi da vendere all’opinione pubblica, ma alla fine cambierà poco o nulla. Per fare la rivoluzione servono i rivoluzionari o i soldi: l’Italia non ha né l'una e né l'altra cosa. Quel poco che si può fare però va fatto
  • Le più lette