Cronaca
Ma che mondo di merda! Il video dell'orribile omicidio del barbone di Palermo bruciato vivo. L'arcivescovo: "Il cuore degli uomini sta diventando di pietra" Video
La terribile fine di Macello Cimino, 45 anni, cosparso di liquido infiammato e arso vivo nel suo giaciglio improvvisato. La sorella della vittima: "Era una brava persona. Sangue mio: come hanno potuto farti questo?". Intanto gli investigatori danno la caccia al barbaro assassino
PALERMO - Difficile trovare le parole. Quanto accaduto la notte scorsa a Palermo, si pone oltre il confine dell’indicibile. Non sembrano esserci termini appropriati per descrivere l’orrore, la violenza e la viltà di questo atto criminale.

 

Non che non sia mai successo. Purtroppo è già accaduto. E non poche volte. Ma in questo caso ci sono le immagini (le guardi solo chi davvero se la sente), a raccontarci senza filtri la crudeltà con cui è stato assassinato Macello Cimino.

 

Marcello Cimino aveva 45 anni ed era un barbone per scelta. Prima di essere bruciato vivo, nel giaciglio improvvisato sotto un portico della missione San Francesco gestita dai frati cappuccini, è stato probabilmente svegliato dal suo assassino con una secchiata di liquido infiammabile. Giusto il tempo di guardarsi in giro e il barbaro già aveva appiccato il fuoco.

 

Cimino aveva scelto di vivere per strada da un paio d’anni. Aveva una moglie da cui si era separato da poco e due figlie adolescenti.

 

Gli investigatori sono ora alla caccia del suo assassino. Le prime indiscrezioni parlano di un litigio con un uomo avvenuto nel pomeriggio, poche ore prima del delitto.

 

"Sangue mio - le parole disperate della sorella della vittima - come hanno potuto farti questo? Mio fratello era una brava persona. Non meritava di essere bruciato vivo. Chi l'ha ucciso non è una persona umana”

 

Commosso e vibrante il commento del l’arcivescovo di Palermo, monsignor Corrado Lorefice : “E' impensabile che un uomo sia capace di un gesto così efferato. E’ terribile pensare fino a che un uomo è capace di spingersi, e di fare un gesto di questo genere. Vuol dire che il cuore degli uomini sta diventando di pietra, perde la propria identità. Vedere quelle immagini significa che il cuore si strappa”.



Pubblicato il 11.03.2017 14:29

Guarda anche
Cronaca
Il giovane attore - in carcere per aver travolto e ucciso una donna con l'auto - racconta la sua versione dei fatti e chiede perdono. Rischia almeno cinque anni di prigione per essersi messo alla guida sotto l'effetto di stupefacenti e senza patente: "Ora sono in crisi d’astinenza, ma è giusto così, è giusto che soffra”.
Cronaca
Il Consigliere di Stato leghista, un anno dopo, ha concesso al macellaio bellinzonese una nuovo match: "Stavolta ha vinto lui meritatamente"
Cronaca
La notizia è arrivata ormai in tarda serata dopo che nel triangolo tra via Sorengo , via Basilea e Piazzale Besso si sono vissute ore di tensione. LE FOTO DALLA ZONA ISOLATA
Cronaca
Le parole pesanti come macigni della ragazza che racconta come la madre fosse da tempo vessata dal 54enne che l'ha uccisa: su di lui anche un ingiunzione per non avvicinarsi alla donna. "Non parlo per me, io una madre non l’ho più, ma per gli altri. Non voglio che qualcuno perda i propri cari perché nessuno è stato capace di proteggere chi è vittima di minacce"