Cronaca
Ma che mondo di merda! Il video dell'orribile omicidio del barbone di Palermo bruciato vivo. L'arcivescovo: "Il cuore degli uomini sta diventando di pietra" Video
La terribile fine di Macello Cimino, 45 anni, cosparso di liquido infiammato e arso vivo nel suo giaciglio improvvisato. La sorella della vittima: "Era una brava persona. Sangue mio: come hanno potuto farti questo?". Intanto gli investigatori danno la caccia al barbaro assassino
PALERMO - Difficile trovare le parole. Quanto accaduto la notte scorsa a Palermo, si pone oltre il confine dell’indicibile. Non sembrano esserci termini appropriati per descrivere l’orrore, la violenza e la viltà di questo atto criminale.

 

Non che non sia mai successo. Purtroppo è già accaduto. E non poche volte. Ma in questo caso ci sono le immagini (le guardi solo chi davvero se la sente), a raccontarci senza filtri la crudeltà con cui è stato assassinato Macello Cimino.

 

Marcello Cimino aveva 45 anni ed era un barbone per scelta. Prima di essere bruciato vivo, nel giaciglio improvvisato sotto un portico della missione San Francesco gestita dai frati cappuccini, è stato probabilmente svegliato dal suo assassino con una secchiata di liquido infiammabile. Giusto il tempo di guardarsi in giro e il barbaro già aveva appiccato il fuoco.

 

Cimino aveva scelto di vivere per strada da un paio d’anni. Aveva una moglie da cui si era separato da poco e due figlie adolescenti.

 

Gli investigatori sono ora alla caccia del suo assassino. Le prime indiscrezioni parlano di un litigio con un uomo avvenuto nel pomeriggio, poche ore prima del delitto.

 

"Sangue mio - le parole disperate della sorella della vittima - come hanno potuto farti questo? Mio fratello era una brava persona. Non meritava di essere bruciato vivo. Chi l'ha ucciso non è una persona umana”

 

Commosso e vibrante il commento del l’arcivescovo di Palermo, monsignor Corrado Lorefice : “E' impensabile che un uomo sia capace di un gesto così efferato. E’ terribile pensare fino a che un uomo è capace di spingersi, e di fare un gesto di questo genere. Vuol dire che il cuore degli uomini sta diventando di pietra, perde la propria identità. Vedere quelle immagini significa che il cuore si strappa”.



Pubblicato il 11.03.2017 14:29

Guarda anche
Cronaca
L'uomo è presunto autore di usura per mestiere subordinatamente usura, appropriazione indebita, falsità in documenti e coazione nei confronti di alcuni dipendenti
Cronaca
L'attrice italiana al quotidiano La Stampa: "La cosa più sconvolgente sono le accuse delle donne italiane, la criminalizzazione delle vittime delle violenze. Ma ora questi uomini, questi mostri, dovranno avere paura così come noi, ogni volta che li abbiamo incontrati, che siamo rimaste da sole con loro, ne abbiamo avuta"
Cronaca
E adesso non c’è più nemmeno lui… Ilario Fidanza si è spento oggi sul mezzogiorno alla Clinica Hildebrand di Brissago, dov’era ricoverato da alcuni giorni al termine di una malattia che l’ha colpito qualche mese fa e, settimana dopo settimana, se l’è portato via, nonostante ripetuti segnali di ripresa. Aveva 74 anni
Cronaca
Il caso è quello che abbiamo sollevato ieri: il Comando aveva chiesto di installare una tettoia sopra una delle entrate dell’edificio che, essendo a tetto piatto, quando piove causa disagi per chi entra e chi esce