Politica e Potere
L'Orlando furioso! Del Don si scatena contro "il tripode RSI - Bersani – Branda". Il candidato di UDC e Lega: "La tv pubblica conferma la sua sudditanza politica alla sinistra: in questo caso PS e Radicali"
SECONDO ME - "Il “dibattito” organizzato dalla RSI è stato di fatto una noiosa e spocchiosa carrellata di auto elogi, auto promozioni, sorrisi e bacetti fra il PS e il PLR, con la viscida e untuosa complicità della RSI. Inutile aggiungere che in questo squallido palcoscenico mediatico la mia persona è stata totalmente e volontariamente ignorata"
©Ti-Press / Tatiana Scolari

di Orlando Del Don

 

Ieri sera è andato in onda alla RSI (LA2) il dibattito politico che tutti attendavamo e che avrebbe dovuto vedere finalmente il confronto di tutti i candidati al Municipio della nuova Bellinzona. È stato invece un dibattito senza speranza, senza futuro e, soprattutto, senza rispetto per il diritto alla  par condicio e alla corretta informazione dei cittadini. Una miserrima commedia che ha visto la RSI riconfermare la sua sudditanza politica alla sinistra; nella fattispecie al binomio PS-Radicali.


Lasciamo perdere l’assoluta preminenza (esagerata e pacchiana anche agli occhi dei più ingenui) dello spazio riservato ai candidati e ai partiti che stanno a cuore alla RSI. Il che è già uno scandalo. Ma il peggio non sta neanche qui. E tanto per capire come stanno le cose, basta ricordare che quando Bersani ha manifestato tutta la sua prepotenza e arroganza nei confronti di uno dei due moderatori della RSI, beh, la situazione non è mutata; anzi, anche in questo imbarazzatissimo frangente il moderatore non ha saputo o voluto rettificare l’azione fuori misura del primo. Il “dibattito” organizzato dalla RSI è stato di fatto una noiosa e spocchiosa carrellata di auto elogi, auto promozioni, sorrisi e bacetti fra il PS e il PLR, con la viscida e untuosa complicità della RSI. Inutile aggiungere che in questo squallido palcoscenico mediatico la mia persona è stata totalmente e volontariamente ignorata. Nessuna domanda mi è stata rivolta nel corso di tutta la trasmissione. Nessuna possibilità di intervento mi è stato concesso nel corso del dibattito andato in onda. E tutto ciò malgrado avessi ripetutamente ed insistentemente chiesto la parola!


Ma, mi chiedo, che razza di dibattito democratico e pluralista è mai questo voluto dalla RSI? Svilito a  mero indottrinamento politico-mediatico del cittadino elettore! Questo è un vero e proprio insulto alla democrazia e all’intelligenza del cittadino, abilmente orchestrato dalla RSI. Con il contorno dei giullari di turno, tanto più utili al sistema in quanto previsti e voluti dal regnante stesso, dal satrapo o dai satrapi “medio orientali” che hanno spadroneggiato nel corso della trasmissione, in attesa di essere (questo il loro auspicio) riconfermati a furor di popolo! Questo è lo stagno in cui ci vorrebbe portare l’alleanza fra PS e PLR a Bellinzona; un’alleanza che si è occupata di Bellinzona nell’ultima legislatura e si vorrebbe ancora occupare della Nuova Bellinzona fomentando l’apatia, la rassegnazione e il fatalismo.


Sono nauseato da questo ennesimo schiaffo della RSI alla democrazia e al libero e aperto confronto politico. Sono nauseato – come lo sono la maggioranza dei cittadini – da questa impolitica: mera ricerca del potere fine a se stesso e incapace di capire, interpretare  e orientare il divenire della nostra società, sempre più complessa e imprevedibile. Perché una società (come quella auspicata dal tandem Bersani-Branda) che si priva dei mezzi di cambiamento, che esclude - in questo modo - elementi e forze nuove dal suo orizzonte politico e sociale, non ha neanche i mezzi per la propria conservazione. Io però dico basta! Denuncio e stigmatizzo questo modo di fare politica e di ingannare il cittadino. E aggiungo inoltre che non sono più disposto a stare a questo gioco perverso radical-socialista da parte della nostra televisione di Stato. Per tale ragione da ora in poi non mi metterò più a disposizione della RSI per qualsivoglia dibattito o intervista di tipo politico. Finché non giungeranno a me, al partito, alla mia lista e al Paese le scuse ufficiali e pubbliche da parte del Direttore.


Concludo con un aforisma di Walter Mondale, che ben riassume la prosopopea e la sicumera del tripode sopra ricordato: Se pensate di capire tutto (solo voi e tra di voi) quello che succede intorno a voi, beh, allora siete solo irrimediabilmente confusi.


*Candidato Lega-UDC al Municipio di Bellinzona



Pubblicato il 14.03.2017 18:47

Guarda anche
Politica e Potere
Il Consigliere agli Stati sul collega vallesano finito sotto i riflettori dello scandalo: "È irritante l'immagine di un Parlamento infarcito di uomini incapaci a controllarsi dinnanzi alle colleghe, degni successori del Cavaliere nella sua villa di Arcore, oppure di Strauss-Kahn in qualche camera d’albergo. Non è così. A Palazzo federale non si entra in un ascensore solamente dopo essere riusciti ad evitare questo o quel collega compagno di viaggio..."
Politica e Potere
Dopo la presa di posizione favorevole alla riforma del Consigliere di Stato e di larga parte del Gruppo in Gran Consiglio, ecco quella contraria della direzione del partito: "Non mi interessano accordi, inciuci di palazzo nei quali tu mi dai questo ed io ti do quell’altro. Sui bisogni della popolazione e del Cantone non si mercanteggia"
Politica e Potere
Bertoli, Kandemir Bordoli, Ghisletta e Garobbio: "La sinistra, che si oppone agli sgravi fiscali, non deve affossare il pacchetto fiscale e sociale e non deve rilanciare la politica scellerata degli sgravi fiscali a senso unico voluti dalla Destra"
Politica e Potere
"La politica comunale e cantonale deve adoperarsi affinché la politica federale decida finalmente di inasprire le sanzioni per coloro che delinquono e mettono in pericolo la vita altrui. Questi episodi legittimano ancora di più l’iniziativa popolare di GLRT “Le pacche sulle spalle non bastano!” per la creazione di un centro per giovani che delinquono
  • Le più lette