Post Nucleare
Piccolo manuale di ecologia domestica. Ecco le cose da non fare per evitare di inquinare la nostra acqua, dai prodotti di pulizia agli oli minerali, dai solventi ai farmaci: "Non gettateli nel lavandino o negli scarichi"
L’edizione 2017 della Giornata mondiale dell'acqua è dedicata alle acque di scarico, industriali e domestiche, che rischiano di compromettere la qualità dell'oro blu
LUGANO - L’acqua è un bene assolutamente primario e fondamento della vita sulla terra. Dal 22 marzo del 1993 in tutto il Pianeta si celebra la Giornata mondiale dell’acqua. Ogni anno le Nazioni Unite propongono un determinato tema legato all’ “oro blu” e per l’edizione 2017 l’attenzione è posta sulle acque di scarico, industriali e domestiche, che rischiano di compromettere la qualità dell’acqua.

"L’obiettivo - fanno sapere le Aziende industriali di Lugano, che partecipano alla campagna - è naturalmente quello di sensibilizzare la popolazione e indicare le corrette procedure e le norme di comportamento essenziali per preservare un bene tanto vitale per noi e per le generazioni future.

Le aziende distributrici di acqua potabile effettuano rigorosi controlli a tutti i livelli per garantire un prodotto di alta qualità. Ma laprotezione inizia a monte: lo sforzo principale deve essere quello di ridurre la produzione di acqua inquinata e in questo contesto ognuno di noi è chiamato a dare il proprio apporto per proteggere le fonti.

Ecco alcune piccole regole per contribuire quotidianamente alla salvaguardia della bontà della nostra acqua:

- non eccedere con i prodotti di pulizia (casa, lavastoviglie, lavatrice…)
- gli oli minerali vanno riportati al garagista, quello della friggitrice al centro di raccolta
- prodotti di pittura, solventi e prodotti bricolage: riportati al rivenditore o al centro di raccolta
- i farmaci scaduti vanno riportati in farmacia
- non disperdere liquidi e materiali inquinanti nell’ambiente

Piccoli gesti quotidiani che possono avere un impatto importante sulla qualità dell’acqua: un bene di tutti che richiede l’impegno di ognuno".


Pubblicato il 20.03.2017 10:01

Guarda anche
Post Nucleare
La strategia delle AIL, ridotta all’essenziale, consiste nel consolidare la posizione raggiunta nella distribuzione dei nostri vettori energetici tradizionali, da una parte, e nello sviluppo di nuovi prodotti nell'ambito dell'efficienza energetica e delle energie rinnovabili, dall’altra. Una linea quindi perfettamente allineata con la nuova Strategia
Post Nucleare
Il timore è che a Ispra, dove ha sede l’Euratom, l’agenzia atomica europea, arrivino in futuro arrivino anche sostanze di vario genere da altri paesi dell’Ue
Post Nucleare
La nuova centrale del Ritom sostituirà quella costruita dalle FFS nel 1917 a Piotta e sarà edificata tra quest’ultima e la Centrale Stalvedro di AET
Post Nucleare
In risposta alla difficile situazione di mercato, per la quale non si prevedono inversioni di tendenza a breve termine, AET ha implementato numerose misure di ottimizzazione operativa e riduzione dell’esposizione finanziaria