Quarto Potere
"Sei motivi per i quali è meglio scegliersi una fidanzata dell'est". Bufera sulla RAI per una grafica mandata in onda durante "Parliamone sabato", la trasmissione di Paolo Perego. I vertici dell'azienda costretti a scusarsi: "Errore folle, inaccettabile, per il servizio pubblico"
Ecco la lista che tanta indignazione sta suscitando nella vicina Penisola: 1) Sono tutte mamme, ma dopo aver partorito recuperano un fisico marmoreo; 2) Sono sempre sexy, niente tute né pigiamoni; 3) Perdonano il tradimento; 4) Sono disposte a far comandare l’uomo; 5) Sono casalinghe perfette e fin da piccole imparano i lavori di casa; 6) non frignano, non si appiccicano e non mettono il broncio
ROMA - È bufera sulla RAI per una grafica andata in onda nel weekend nella trasmissione di Paola Perego, "Parliamone sabato", rubrica di «La vita in diretta» su RaiUno.
 
La notizia campeggia in apertura di tutti i principali siti di informazione e ha costretto i vertici della televisione pubblica italiana a scusarsi.
 
Ma cosa è successo? Durante la trasmissione è stata mandata in onda una grafica con un elenco di motivi per i quali è "meglio scegliere una fidanzata dell'est". Ecco la lista:  1) Sono tutte mamme, ma dopo aver partorito recuperano un fisico marmoreo; 2) Sono sempre sexy, niente tute né pigiamoni; 3) Perdonano il tradimento; 4) Sono disposte a far comandare l’uomo; 5) Sono casalinghe perfette e fin da piccole imparano i lavori di casa; 6) non frignano, non si appiccicano e non mettono il broncio.
 
Immediata l'indignazione in rete per un elenco che, secondo i critici, ondeggia tra sessismo e razzismo. Un'indignazione talmente fragorosa da costringere i vertici della RAI a scusarsi. "Gli errori vanno riconosciuti sempre, senza se e senza ma. Chiedo scusa a tutti per quanto visto e sentito a #Parliamonesabato", ha twittato il direttore di Rai Uno, Andrea Fabiano. 
 
Ancora più severo il commento della presidente della televisione Monica Maggiorni: "Quello che vedo è una rappresentazione surreale dell’Italia del 2017: se poi questo tipo di rappresentazione viene fatta sul servizio pubblico è un errore folle, inaccettabile. Personalmente mi sento coinvolta in quanto donna e mi scuso. 


Pubblicato il 20.03.2017 12:24

Guarda anche
Quarto Potere
"In seguito a una segnalazione ricevuta dal sindacato Ocst, Matteo Cheda, fondatore della Scuola di giornalismo di Bellinzona, si è autodenunciato presso il Ministero pubblico ticinese per “caporalato” che secondo la legge svizzera corrisponde ai reati di usura e concorrenza sleale"
Quarto Potere
Violentissimo scontro verbale alla ‘La Zanzara’ tra David Parenzo, che conduce la trasmissione radiofonica insieme a Giuseppe Cruciani, e il giornalista e scrittore Giulietto Chiesa. VIDEO
Quarto Potere
Il direttore della RSI su Facebook: "Sono rimasto incantato, paralizzato dal piacere e dalla dolce malinconia. Lei mi ha detto che ne ricorda tantissimi di bimbi che ha fatto nascere e che ha fatto il mestiere più bello del mondo"
Quarto Potere
Il giornalista comasco: "I frontalieri lavorano in Ticino, i ticinesi fanno la spesa nei supermercati italiani e riempiono i ristoranti d’oltrefrontiera. Traggono cioè, tutti quanti i vantaggi della globalizzazione senza farsi troppe domande. Sebbene continuino a incontrare, sulla strada del consenso, chi fomenta odio e rancore"