Quarto Potere
"Sei motivi per i quali è meglio scegliersi una fidanzata dell'est". Bufera sulla RAI per una grafica mandata in onda durante "Parliamone sabato", la trasmissione di Paolo Perego. I vertici dell'azienda costretti a scusarsi: "Errore folle, inaccettabile, per il servizio pubblico"
Ecco la lista che tanta indignazione sta suscitando nella vicina Penisola: 1) Sono tutte mamme, ma dopo aver partorito recuperano un fisico marmoreo; 2) Sono sempre sexy, niente tute né pigiamoni; 3) Perdonano il tradimento; 4) Sono disposte a far comandare l’uomo; 5) Sono casalinghe perfette e fin da piccole imparano i lavori di casa; 6) non frignano, non si appiccicano e non mettono il broncio
ROMA - È bufera sulla RAI per una grafica andata in onda nel weekend nella trasmissione di Paola Perego, "Parliamone sabato", rubrica di «La vita in diretta» su RaiUno.
 
La notizia campeggia in apertura di tutti i principali siti di informazione e ha costretto i vertici della televisione pubblica italiana a scusarsi.
 
Ma cosa è successo? Durante la trasmissione è stata mandata in onda una grafica con un elenco di motivi per i quali è "meglio scegliere una fidanzata dell'est". Ecco la lista:  1) Sono tutte mamme, ma dopo aver partorito recuperano un fisico marmoreo; 2) Sono sempre sexy, niente tute né pigiamoni; 3) Perdonano il tradimento; 4) Sono disposte a far comandare l’uomo; 5) Sono casalinghe perfette e fin da piccole imparano i lavori di casa; 6) non frignano, non si appiccicano e non mettono il broncio.
 
Immediata l'indignazione in rete per un elenco che, secondo i critici, ondeggia tra sessismo e razzismo. Un'indignazione talmente fragorosa da costringere i vertici della RAI a scusarsi. "Gli errori vanno riconosciuti sempre, senza se e senza ma. Chiedo scusa a tutti per quanto visto e sentito a #Parliamonesabato", ha twittato il direttore di Rai Uno, Andrea Fabiano. 
 
Ancora più severo il commento della presidente della televisione Monica Maggiorni: "Quello che vedo è una rappresentazione surreale dell’Italia del 2017: se poi questo tipo di rappresentazione viene fatta sul servizio pubblico è un errore folle, inaccettabile. Personalmente mi sento coinvolta in quanto donna e mi scuso. 


Pubblicato il 20.03.2017 12:24

Guarda anche
Quarto Potere
Intervista esclusiva al CEO del Gruppo del Corriere del Ticino che parla per la prima volta della votazione che mira ad abolire il canone: "Una rete tv pubblica fedele alla propria missione è un elemento prezioso per la democrazia. Noi megafono del centrodestra? Tutte invenzioni. Spero che Marchand non sia stato nominato troppo tardi. I derby di hockey "regalati" da UPC? Falso. E dai dipendenti della RSI reazione delirante...."
Quarto Potere
Il dibattito sulla No Billag, da un paio di mesi, è molto acceso sui social, sui siti e, in parte, anche sui giornali. Sulle radio e sulle televisioni che invece beneficiano dell’oggetto del contendere, il canone, non esiste. O per meglio dire esiste soltanto come noioso e doveroso oggetto di cronaca
Quarto Potere
Il presidente della CORSI ci scrive dopo la nostra recensione della serie tv della RSI che ha mandato su tutte le furie i cacciatori: "Ciò che mi è piaciuto del commento è la chiara e onesta distinzione fra la responsabilità autoriale e quella aziendale: un prodotto mal riuscito non deve portare alla condanna di tutta l'azienda!"
Quarto Potere
La scena che ha scatenato le ire degli appassionati dell’attività venatoria, è quella in cui un cacciatore prima fa la pipì, poi sorseggia della grappa e, infine, spara per errore a una ragazzina uccidendola. La provocazione è forte, e potrebbe anche essere interessante, ma è talmente costruita e raccontata male - sia prima che dopo la fucilata - da risultare un “bimbicidio” da caccia grottesco. Il problema, insomma, è la qualità del prodotto più che i suoi contenuti