Cronaca
Ennesima rissa televisiva di Vittorio Sgarbi. Lui insulta tutti: ma questa volta gli ospiti e il conduttore non ci stanno e viene lasciato in studio da solo Video
Questa volta il critico d'arte si è scatenato durante la trasmissione Bianco e Nero, in onda su La7. GUARDA IL VIDEO
ROMA - Ennesima bagarre televisiva con protagonista Vittorio Sgarbi. Ormai un appuntamento quasi settimanale sui vari canali della tv italiana.
 
Questa volta il critico d'arte si è scatenato durante la trasmissione Bianco e Nero, in onda su La7. Il tema del dibattito che ha acceso l'ira di Sgarbi, è quello della legittima difesa: in particolare legato all'ormai noto episodio di cronaca del ristoratore di Lodi. 
 
Sgarbi, schierato a favore dell'esercente che ha ucciso un ladro rumeno, si è infiammato cominciando ad insultare gli altri ospiti in studio. In particolare la giornalista Luisella Costamagna,
 
Il conduttore Luca Telese ha provato a contenere l'ira di Sgarbi ma senza grandi risultati, tanto da sventolargli il cartellino giallo: “Se devi continuare così, ti alzi e te ne vai”. Ma questo non ha fatto che accrescere la reazione del critico, che gli ha replicato a brutto muso: “Io non me ne vado da nessuna parte. Te ne vai tu di qua. Non mi hai fatto finire una frase che stavo leggendo. Vuoi vedere che non la finisci tu la frase? Stai zitto! Taci!”. 
 
A risolvere temporaneamente la rissa verbale è stata la giornalista Luciana Castellina, che a proposto "di andarcene tutti“. E così Castellina, Izzo e Costamagna hanno effettivamente lasciato lo studio. Ma solo per il tempo della pubblicità….
 


Pubblicato il 20.03.2017 16:22

Guarda anche
Cronaca
L'ipotesi di reato nei confronti del 45enne è di infrazione aggravata alla Legge federale sugli stupefacenti. L'inchiesta è coordinata dal Procuratore generale John Noseda
Cronaca
Nato a Mendrisio nel 1955, venne nominato nel 1997 direttore del Vocabolario dei dialetti della Svizzera italiana. L'anno successivo divenne direttore del nuovo Centro di dialettologia
Cronaca
L'ANALISI - Il lupo M75 (che sta per ‘maschio 75’) è problematico di natura o lo è diventato invece perché nella sua esperienza di vita non ha trovato di fronte a sé quelle barriere (cancelli, protezioni, cani da guardia, recinzioni correttamente elettrificate) che lo avrebbero indotto a una maggiore prudenza nel predare ovili e stalle?
Cronaca
I due arrestati hanno aggredito un 26enne cittadino svizzero (ferite di una certa entità) e un 29enne cittadino eritreo entrambi residenti nel Mendrisiotto