Cronaca
Superciuk al volante... Giovane turgoviese ubriaco fradicio semina il panico in autostrada. E quando la polizia lo raggiunge esce dall'auto con in mano una bottiglia di vodka. Aveva più del 2 per mille. E la mamma dei cretini...
È accaduto giovedì scorso in autostrada nella zona di Bellinzona. Alla centrale sono arrivate diverse segnalazioni. Poi il giovane si è fermato sulla corsia d'emergenza e la polizia lo ha fermato. Ma non era interrogabile
BELLINZONA – Un giovane turgoviese è stato fermato giovedì scorso dalla polizia dopo aver seminato lo scompiglio in autostrada. Alla centrale sono arrivate diverse chiamate di automobilisti che segnalavano un pazzo al volante nella zona di Bellinzona. I testimoni, come ha riferito il Quotidiano della RSI, hanno segnalato un’auto che sfrecciava a velocità elevatissima, con tanto di sorpassi sulla destra.

Nel frattempo il giovane si era fermato sulla corsia di emergenza e quando la polizia lo ha raggiunto è uscito dall’auto con una bottiglia di vodka in mano. La prova dell’alcol ha accertato un tasso superiore a un milligrammo per litro d’aria espirata, quindi più del due per mille. Ormai si sa che la mamma dei cretini è sempre incinta...

L’uomo, che è difeso da Giovanni Augugliaro, non era neppure interrogabile ed stato sentito solo la mattina successiva, dopo avere trascorso la notte in ospedale.
E ora il procuratore pubblico Moreno Capella potrebbe decidere di rinviarlo a giudizio alle Assise Correzionali.



Pubblicato il 18.04.2017 19:35

Guarda anche
Cronaca
Oggi per lo storico capo della Scientifica è stato l'ultimo giorno di lavoro. Nasconde la nostalgia dietro una frase lapidaria: “Da oggi si cambia. Tutto qui…”. Niente lacrimucce, bando alla commozione... Ma siamo certi che oggi quei 37 anni gli sono passati davanti agli occhi come la pellicola di un film, con il loro carico di ricordi, di successi, di sconfitte, di immagini, di volti, di incontri…
Cronaca
Il caso è stato segnalato da un passeggero che si è accorto del problema questa mattina all'alba mentre aspettava il primo treno per Locarno
Cronaca
L'attacco in Spagna è stato condotto da una cellula formata da una decina di uomini che disponevano di mezzi e basi operative, tra cui l'abitazione esplosa giovedì ad Alcanar, sempre sulla costa iberica