Cronaca
È stato lui: lo riconoscete? La polizia diffonde le foto di uno dei malviventi che hanno rapinato il distributore Tamoil di San Pietro di Stabio
La rapina è avvenuta nel primo pomeriggio di venerdì. L'uomo ripreso dalle immagini è entrato in azione con un complice con il viso coperto e dopo il colpo sono fuggiti a bordo di un auto guidata da un terzo complice. Ecco come contattare la polizia. GUARDA LE FOTO
SAN PIETRO - La Polizia cantonale si gioca la carta delle foto per riuscire ad acciuffare gli autori della rapina alla stazione di servizio Tamoil a San Pietro di Stabio, avvenuta nel primo pomeriggio di martedì.

 

Negli scatti è immortalato uno degli autori del “colpo” con in mano la pistola e con il volto scoperto. Il rapinatore è entrato in azione insieme ad un’altro malvivente con il viso coperto. L’uomo ritratto nelle fotografie ha minacciato le dipendenti facendosi consegnare del denaro. Dopodiché entrambi sono fuggiti a bordo di un'Audi A2 di colore nero, con alla guida un terzo complice, in direzione del vicino valico.

 

Le segnalazioni da parte della popolazione possono essere effettuate presso il Posto di polizia più vicino, telefonando allo 0848 25 55 55 o inviando una email all'indirizzo polizia@polca.ti.ch .



Pubblicato il 20.04.2017 14:08

Guarda anche
Cronaca
Il giovane attore - in carcere per aver travolto e ucciso una donna con l'auto - racconta la sua versione dei fatti e chiede perdono. Rischia almeno cinque anni di prigione per essersi messo alla guida sotto l'effetto di stupefacenti e senza patente: "Ora sono in crisi d’astinenza, ma è giusto così, è giusto che soffra”.
Cronaca
Il Consigliere di Stato leghista, un anno dopo, ha concesso al macellaio bellinzonese una nuovo match: "Stavolta ha vinto lui meritatamente"
Cronaca
La notizia è arrivata ormai in tarda serata dopo che nel triangolo tra via Sorengo , via Basilea e Piazzale Besso si sono vissute ore di tensione. LE FOTO DALLA ZONA ISOLATA
Cronaca
Le parole pesanti come macigni della ragazza che racconta come la madre fosse da tempo vessata dal 54enne che l'ha uccisa: su di lui anche un ingiunzione per non avvicinarsi alla donna. "Non parlo per me, io una madre non l’ho più, ma per gli altri. Non voglio che qualcuno perda i propri cari perché nessuno è stato capace di proteggere chi è vittima di minacce"