Politica e Potere
"Il Festival delle cadreghe": Il PPD cannoneggia sulla nomina di Roberta Pantani nel CdA. "Abile Solari a mettere il bavaglio alla Lega. Ne è passata di acqua sotto i ponti dai tempi della Carovana della Libertà del Nano e dalla guerra alla partitocrazia arraffa arraffa..."
"Grande operazione di alchimia deve perciò aver fatto Marco Solari per convincere la barricadiera Roberta Pantani, notoriamente tanto allergica alle cadreghe, a sedersi anche lei al tavolo"
Foto: TiPress/Gabriele Putzu
BELLINZONA - "Abile il buon Solari a mettere il bavaglio alla Lega (perché se non di bavaglio, di cosa si tratta?)". Il PPD non lesina critiche alla nomina della consigliera nazionale e municipale di Chiasso Roberta Pantani nel Consiglio di amministrazione del Festival del film. La stoccata arriva oggi in un articoletto sul settimanale del partito, Popolo e Libertà. Titolo: "Il festival delle cadreghe".

"Giuliano Bignasca, la vera anima del Movimento di via Monte Boglia, definiva il Festival di Locarno una “sacca di clientelismo strasussidiata” - scrive il PPD -. Grande operazione di alchimia deve perciò aver fatto Marco Solari per convincere la barricadiera Roberta Pantani, notoriamente tanto allergica alle cadreghe, a sedersi anche lei al tavolo. Oddio, nulla di male a dare una mano (?) al Festival, ma è certo che ne è passata di acqua sotto i ponti dai tempi della Carovana della Libertà del Nano e dalla guerra alla partitocrazia arraffa arraffa...".




Pubblicato il 21.04.2017 09:01

Guarda anche
Politica e Potere
Il presidente del PLR sui candidati romandi in lizza per il Consiglio Federale: "La prossima volta non vengano a dirci che si sono candidati perché il Ticino ha proposto solo una candidatura"
Politica e Potere
Il Consigliere Nazionale leghista punge il PPD: "Un partito basato (a suo dire) sul "referente cristiano" dovrebbe forse porsi qualche domandina supplementare prima di presentare certe candidature"
Politica e Potere
Presa di posizione congiunta degli ecologisti e del sindacato: " In Ticino non vi è più posto per chi specula sull’offerta di lavoratori d’oltre forntiera assunti a salari lombardi e non c’è più spazio per la bulimia di traffico e l’invasione di capannoni"
Politica e Potere
Il vicepresidente dell'UDC si esprime sulla vicenda che tanto sta facendo discutere in queste ore: "Dimostra palesemente che abbiamo un serio problema con l'integralismo islamico anche in Ticino e che non è facilmente rintracciabile"