Linea d'ombra
Un'altra grande mostra alla pinacoteca di Locarno, che propone le principali opere di uno dei guru della Pop Art, Robert Indiana. L'artista divenuto celebre per il suo 'Love' e per le sue 'poesie scultoree'. Su di lui che mangia un fungo Andy Warhol girò il film 'Eat' Video
La mostra, curata dal direttore dei Musei di Locarno, Rudy Chiappini, propone opere pittoriche e sculture in bronzo, legno e alluminio. Le più grandi di queste ultime, tra cui la famosissima ‘Love’ con la ‘o’ inclinata, sono esposte negli spazi esterni della pinacoteca
LOCARNO – Alla pinacoteca di Casa Rusca a Locarno è in corso da un paio di settimane una mostra dedicata a uno dei più importanti esponenti della ‘Pop Art’: Robert Indiana, al secolo Robert Clark, artista, scenografo e costumista statunitense. La mostra, curata dal direttore dei Musei di Locarno, Rudy Chiappini, propone opere pittoriche e sculture in bronzo, legno e alluminio.

Le più grandi di queste ultime, tra cui la famosissima ‘Love’ con la ‘o’ inclinata, sono esposte negli spazi esterni della pinacoteca. Ma la mostra propone molti altri incontri sorprendenti, come la barca del pirata, intitolata 'Rum run'...

“Il motivo per cui Love mi ha tanto interessato – scrisse Indiana nel 1963 – è che rappresenta un elemento caratteristico del particolare paesaggio americano, particolarmente nel mio ambiente, che era cristiano. ‘Dio è amore’, si trova scritto in ogni chiesa”.
L’idea nacque come cartolina natalizia del MoMa di New York, ricorda Chiappini nella presentazione del catalogo, ma assurse poi “a inno della pace per poi affermarsi come marchio universale della Hippie Generation”.

Indiana lasciò la sua terra d’origine, l’Indiana da cui prese il soprannome, nel ’54 e si trasferì a New York unendosi al movimento della Pop Art, e usando immagini semplici, parole – Eat, Hug e Love, appunto - o numeri, diede vita a quelle che chiamò "poesie scultoree".
Dopo gli attentati dell'11 settembre 2001, Indiana produsse una serie di Dipinti della pace (Peace Paintings), che furono esposti a New York nel 2004.

Curiosità: l’artista è protagonista del film Eat (1964) di Andy Warhol, che consiste in un'unica ripresa lunga 45 minuti di Indiana che mangia un fungo.


Pubblicato il 23.04.2017 16:17

Guarda anche
Linea d'ombra
Fa uno strano effetto trovarsi una volpe nel giardino di casa. Più ancora se non fugge impaurita, ma ti guarda, ti studia, ti osserva sorniona, con vigile confidenza… E ti gira intorno guardinga senza perderti di vista un istante… Questo mi è successo ieri sera...
Linea d'ombra
Il candidato al Nobel per la letteratura sulla scuola: "Ciò che resta nel cuore, senza svanire col passare degli anni, è molto più prezioso. Ma non è un genere di conoscenza che abbia un effetto immediato. Per rivelare il suo pieno valore, ha bisogno di tempo. E disgraziatamente non ha alcun nesso con il risultato degli esami”
Linea d'ombra
E a un certo punto dei miei ricordi, mi chiama Andrea, senza sapere che stessi scrivendo questo articolo. E mi dice: “Volevo scusarmi con te per non averti mandato le riflessioni che ti avevo promesso”. Incredibile, vero? Ma, come scriveva Norman Maclean “alla fine tutte le cose si fondono in una sola, e un fiume le attraversa”
Linea d'ombra
L'editoriale della rivista 'Il Ceresio': "Le conseguenze del modo di informare e di comunicare, che non corrisponde alla realtà delle cose, finisce col creare una sorta di indifferenza un po’ su tutto. E quando è il virus dell’indifferenza a dominare la scena, subentra facilmente la rassegnazione. Lo diceva già don Abbondio: non si possono raddrizzare le gambe ai cani"