Salute e Sanità
Dall'America all'Ars Medica: ecco come funziona il "Right eye", un apparecchio diagnostico che in pochi minuti individua le commozioni cerebrali basandosi sui movimenti oculari. Il dottor Marano, tra i team doctor dell'HCL, spiega come viene utilizzato nell'hockey
Il medico: “Utilizziamo il ‘Right eye’ prevalentemente nella diagnosi e nel trattamento delle commozioni cerebrali dei giocatori di hockey”, spiega il dottor Marco Marano, specialista FMH in ortopedia e traumatologia all’Ars Medica di Gravesano, nonché uno dei team doctor dell’Hockey Club Lugano
GRAVESANO - Si chiama ‘Right eye’ ed è un apparecchio diagnostico ideato da un gruppo di neurologi americani, che viene utilizzato in diversi ambiti della medicina: diagnosi di autismo, parkinson e alzheimer, per esempio. Ma anche nella medicina dello sport.

In Ticino questo sistema è stato adottato da Hospita Suisse Anestesia Care, società che opera nelle cliniche del gruppo Genolier (leggi qui).

“Utilizziamo il ‘Right eye’ prevalentemente nella diagnosi e nel trattamento delle commozioni cerebrali dei giocatori di hockey”, spiega il dottor Marco Marano, specialista FMH in ortopedia e traumatologia all’Ars Medica di Gravesano, nonché uno dei team doctor dell’Hockey Club Lugano.

Nell’hockey praticato ad alti livelli, aggiunge il medico, le commozioni cerebrali sono molto comuni, e rappresentano ben il 10% degli infortuni. Le statistiche indicano tra l’altro che questi incidenti aumentano nelle partite di play off, probabilmente a causa dell’accresciuto livello agonistico.

“Avere la possibilità di fare una diagnosi certa e immediata per noi è molto importante - spiega Marano -. Ovviamente, la parte fondamentale rimane la visita clinica dei giocatori infortunati, ma volevamo avere anche una diagnosi strumentale. Così, l’anno scorso abbiamo cercato di capire che cosa offrisse il mercato e siamo entrati in contatto con un gruppo di medici statunitensi che da alcuni anni ha adottato questo sistema. Loro lo usano soprattutto per le diagnosi degli infortuni nel baseball e nel football americano”.

“Abbiamo seguito diverse sedute di istruzione con gli ideatori dell’apparecchio, un’azienda che collabora con l’Università di Washington - aggiunge il medico -. I test sono molto rapidi, durano in media una decina di minuti, e forniscono una risposta e una diagnosi immediate”.

Il sistema diagnostico si basa sull’analisi dei movimenti oculari: il paziente viene messo di fronte a uno schermo che invia degli impulsi e un sensore analizza i movimenti degli occhi. È così possibile capire se il paziente ha subito una commozione cerebrale.

“Questa analisi - prosegue il medico - ci consente anche di registrare una valutazione ‘basale’ dello stato dei giocatori a inizio stagione, in modo da disporre di un confronto diretto con la situazione normale in caso di incidente”.

Inoltre, raccogliendo i dati sulla risposta visiva agli stimoli, il ‘Right eye’ permette di programmare degli allenamenti specifici per migliorare il campo visivo e la risposta dinamica agli stimoli dei singoli giocatori.

Insomma, secondo il team doctor del Lugano, questo apparecchio apre strade molto innovative nell’ambito della medicina sportiva.

L’apparecchio analizza i risultati dei test dei giocatori che hanno subito lesioni alla testa e li compara con verifiche effettuate su persone ‘sane’. I dati vengono poi valutati in real time da esperti americani, che sono costantemente a disposizione per consulenze cliniche.

Ancora una cosa, conclude Marano: “Questo apparecchio ci consente anche di capire quando il giocatore infortunato è pronto a rientrare”.




Pubblicato il 23.04.2017 17:47

Guarda anche
Salute e Sanità
Il medico Vincenzo Puppo: "Sapere che l’orgasmo vaginale non esiste sarà una liberazione anche per i maschi, non ci saranno più ansie da prestazione, perché non è il pene quello che conta, quindi non sono importanti neanche le sue dimensioni..."
Salute e Sanità
Con poco meno di 200 letti, la Clinica Luganese Moncucco rappresenta oggi la struttura privata più grande del Ticino e, anche nel confronto con gli ospedali pubblici, risulta una delle maggiori strutture del Cantone
Salute e Sanità
L'ex direttore dell'Ospedale regionale di Bellinzona e vicepresidente del PLR: "Faccio fatica a capire come mai, nel caso sollevato alcuni giorni fa, il Consiglio di amministrazione dell'EOC, autorità di nomina di tutti i medici primari, non sia intervenuto in questo senso al momento della nomina”
Salute e Sanità
Protagonista del caso che oggi vi raccontiamo è un medico al quale, per carità, non si può rimproverare nulla. La 'colpa' è semmai dell'EOC. E, considerato il clima da caccia alle streghe che si respira di questi tempi ci asteniamo dal fornire ulteriori dettagli su di lui...