Salute e Sanità
Dall'America all'Ars Medica: ecco come funziona il "Right eye", un apparecchio diagnostico che in pochi minuti individua le commozioni cerebrali basandosi sui movimenti oculari. Il dottor Marano, tra i team doctor dell'HCL, spiega come viene utilizzato nell'hockey
Il medico: “Utilizziamo il ‘Right eye’ prevalentemente nella diagnosi e nel trattamento delle commozioni cerebrali dei giocatori di hockey”, spiega il dottor Marco Marano, specialista FMH in ortopedia e traumatologia all’Ars Medica di Gravesano, nonché uno dei team doctor dell’Hockey Club Lugano
GRAVESANO - Si chiama ‘Right eye’ ed è un apparecchio diagnostico ideato da un gruppo di neurologi americani, che viene utilizzato in diversi ambiti della medicina: diagnosi di autismo, parkinson e alzheimer, per esempio. Ma anche nella medicina dello sport.

In Ticino questo sistema è stato adottato da Hospita Suisse Anestesia Care, società che opera nelle cliniche del gruppo Genolier (leggi qui).

“Utilizziamo il ‘Right eye’ prevalentemente nella diagnosi e nel trattamento delle commozioni cerebrali dei giocatori di hockey”, spiega il dottor Marco Marano, specialista FMH in ortopedia e traumatologia all’Ars Medica di Gravesano, nonché uno dei team doctor dell’Hockey Club Lugano.

Nell’hockey praticato ad alti livelli, aggiunge il medico, le commozioni cerebrali sono molto comuni, e rappresentano ben il 10% degli infortuni. Le statistiche indicano tra l’altro che questi incidenti aumentano nelle partite di play off, probabilmente a causa dell’accresciuto livello agonistico.

“Avere la possibilità di fare una diagnosi certa e immediata per noi è molto importante - spiega Marano -. Ovviamente, la parte fondamentale rimane la visita clinica dei giocatori infortunati, ma volevamo avere anche una diagnosi strumentale. Così, l’anno scorso abbiamo cercato di capire che cosa offrisse il mercato e siamo entrati in contatto con un gruppo di medici statunitensi che da alcuni anni ha adottato questo sistema. Loro lo usano soprattutto per le diagnosi degli infortuni nel baseball e nel football americano”.

“Abbiamo seguito diverse sedute di istruzione con gli ideatori dell’apparecchio, un’azienda che collabora con l’Università di Washington - aggiunge il medico -. I test sono molto rapidi, durano in media una decina di minuti, e forniscono una risposta e una diagnosi immediate”.

Il sistema diagnostico si basa sull’analisi dei movimenti oculari: il paziente viene messo di fronte a uno schermo che invia degli impulsi e un sensore analizza i movimenti degli occhi. È così possibile capire se il paziente ha subito una commozione cerebrale.

“Questa analisi - prosegue il medico - ci consente anche di registrare una valutazione ‘basale’ dello stato dei giocatori a inizio stagione, in modo da disporre di un confronto diretto con la situazione normale in caso di incidente”.

Inoltre, raccogliendo i dati sulla risposta visiva agli stimoli, il ‘Right eye’ permette di programmare degli allenamenti specifici per migliorare il campo visivo e la risposta dinamica agli stimoli dei singoli giocatori.

Insomma, secondo il team doctor del Lugano, questo apparecchio apre strade molto innovative nell’ambito della medicina sportiva.

L’apparecchio analizza i risultati dei test dei giocatori che hanno subito lesioni alla testa e li compara con verifiche effettuate su persone ‘sane’. I dati vengono poi valutati in real time da esperti americani, che sono costantemente a disposizione per consulenze cliniche.

Ancora una cosa, conclude Marano: “Questo apparecchio ci consente anche di capire quando il giocatore infortunato è pronto a rientrare”.




Pubblicato il 23.04.2017 17:47

Guarda anche
Salute e Sanità
Il Consigliere Nazionale UDC: "Sentire dalla bocca del professor Moccetti in televisione che si è sentito umiliato, credo rappresenti una sconfitta per tutto il sistema socio sanitario ticinese. È un’affermazione che dovrebbe far riflettere tutti”"
Salute e Sanità
“È qui che voglio vivere”. Con questo slogan Tertianum vuole definire che nelle sue strutture si offre casa a persone con un proprio vissuto, casa dove potranno continuare a vivere secondo le proprie abitudini ed esigenze mantenendo un elevata qualità di vita
Salute e Sanità
Lettera del papà del Cardiocentro: "Ora vedremo, se e in quale modo, tutto questo sentimento popolare verrà recepito dall’Ente ospedaliero. Quello che io chiedo all’EOC è chiarezza. Una chiarezza che purtroppo è venuta a mancare in tutti questi anni e anche nei tempi più recenti. Preferisco che mi dicano “vogliamo disfare il Cardiocentro”, piuttosto che continuare su questa strada fatta di rinvii e tentennamenti"
Salute e Sanità
Migliaia e migliaia di click. Centinaia di condivisioni sui social. E un'ondata di post, e-mail, sms e telefonate da parte dei lettori per esprimere sostegno al Cardio e al suo fondatore. Eccone alcuni