Cronaca
Tragedia sull'Everest: muore il grande alpinista svizzero Ueli Steck. È precipitato per un migliaio di metri mentre stava preparando la sua ultima impresa: la traversata Everest-Lhotse. Ecco l'ultima foto, pubblicata sul suo profilo mercoledì scorso Video
Il 41enne Ueli Steck, soprannominato ‘Swiss Machine’, è morto mentre cercava di raggiungere un nuovo primato sull'Everest. Questa mattina il suo corpo senza vita è stato ritrovato sotto la parete ovest del Nuptse, riferisce The Himalayan Times
LUKLA - Il mondo dell'alpinismo svizzero e internazionale piange oggi uno dei suoi campioni. Il 41enne Ueli Steck, soprannominato ‘Swiss Machine’, è morto mentre cercava di raggiungere un nuovo primato sull'Everest. Questa mattina il suo corpo senza vita è stato ritrovato sotto la parete ovest del Nuptse, riferisce The Himalayan Times.

Probabilmente l’alpinista, entrato nella storia per la sua scalata sulla parete sud dell’Annapurna nell'ottobre del 2013, è scivolato e caduto, precipitando per circa 1'000 metri. Una tesi che sarebbe confermata dalla testimonianza di alcuni alpinisti che hanno riferito di aver visto una persona cadere dalla montagna.

Lo svizzero era da solo e con tutta probabilità stava compiendo una nuova rotazione di acclimatamento in vista della sua impresa: una traversata Everest-Lhotse.
Il corpo dell’alpinista è stato recuperato da una squadra di sei soccorritori e trasportato nella città di Lukla.

Il 26 aprile aveva postato su Facebook la sua ultima foto... Nel video allegato, racconta la sua impresa.



Pubblicato il 30.04.2017 12:49

Guarda anche
Cronaca
L’impatto del pugno di per sé di modesta entità - scrive la RSI che ha anticipato la notizia - provocò un abnorme movimento del collo, che produsse a sua volta la lacerazione dell’arteria vertebrale sinistra (all’origine dell’emorragia cerebrale). Sembrerebbe trovare dunque conferma la testimonianza del buttafuori del locale
Cronaca
La gente che ha casa lì questa mattina ha iniziato a spalare in attesa che arrivassero rinforzi. Il Cantone ha inviato una ruspa, ma agli abitanti resta il compito di spalare a mano i detriti. Perché, gli è stato detto, quel piazzale è terra di nessuno: “Dovere arrangiarvi voi”. Potete immaginare il livello di incazzatura…
Cronaca
Un uomo impugnando un arma da taglio è entrato nel distributore e si è fatto consegnare l'incasso. Il rapinatore è poi fuggito con una Fiat di colore grigio con targhe italiane, in direzione del valico. A bordo del veicolo vi era pure una seconda persona.
Cronaca
Se la lacustre di 11 chili se l’era aggiudicata Angelo Delea, che l’ha proposta ai clienti della sua ‘Bottega del Vino’, quella di oggi l’ha comprata l’Osteria Boato di Brissago