Medici in prima linea
L'EOC e i 10 quadri medici frontalieri, Franco Denti: "Inaccettabile. Invito Beltraminelli, Sanvido e Caverzasio a intervenire: ne va della qualità delle cure e della sicurezza del cittadino-paziente"
Il presidente dell'Ordine dei medici ci scrive: "Di medici specialisti formati in Svizzera ne abbiamo a sufficienza, anche ticinesi, se non ritornano è perché spesso manca una programmazione. Più facile trincerarsi dietro i " non abbiamo trovato nessuno all'altezza in Svizzera" che fare autocritica"
©Ti-Press / Samuel Golay
di Franco Denti*

 

Apprendiamo che Il 6% dei medici che hanno alti incarichi di responsabilità e conduzione di servizi specialistici nell’EOC sono frontalieri. Spesso un servizio è costituito da un solo medico di riferimento e se quest'ultimo é assente non c'è neppure il servizio.

 

La reperibilità é uno dei criteri imprescindibili per fornire la prestazione medica e per salvaguardarne la qualità delle cure. Essere frontaliere mette senz'altro in discussione la sicurezza del paziente che necessita di questa cura e limita fortemente la supervisione che un primario dovrebbe avere sul suo reparto 24 su 24.

 

Una seconda suggestione è che di medici specialisti formati in Svizzera ne abbiamo a sufficienza , anche ticinesi, se non ritornano è perché spesso manca una programmazione, mancano i contatti (giusti) con le Facoltà di medicina e gli ospedali dove avviene la vera formazione clinica e chirurgica.E infine mancano le condizioni quadro,e questo oramai da diversi anni, per poter indurre a scegliere il Ticino e qui la pletorica struttura delle risorse umane e i vari direttori di ospedale dell'Eoc hanno le loro responsabilità. Più facile trincerarsi dietro i " non abbiamo trovato nessuno all'altezza in Svizzera" che fare autocritica.

 

Lo strano è poi che quando siamo noi stessi medici che ci mettiamo alla ricerca di un sostituto l'ottimo profilo in Svizzera lo si troviamo sempre da far venire in Ticino ( gli esempi sono diversi), ma i medici in EOC hanno sempre meno peso, sono i direttori e il Consiglio d’Amministrazione dell'Ente che dicono cosa possono dire e cosa debbono fare.

 

Ma il CdA è a sua volta gestito dal potere politico ( articolo quinto, chi paga ha sempre vinto, altro che autonomia aziendale) ed ecco qui spiegate le scelte confuse ed errate della pianificazione ospedaliera e della messa in precariato dell'intero sistema ospedaliero ticinese, in attesa che il tribunale federale faccia sentire la sua voce.

 

Ad oggi nel Consiglio dell'EOC siedono tre politici cantonali: il Direttore del DSS Paolo Beltraminelli, i colleghi di Gran Consiglio, Paolo Sanvido,deputato leghista nonché membro della commissione speciale sanitaria del GranConsiglio, che é pure Presidente del CdA, e il capogruppo leghista Daniele Caversasio.

 

Al signor ministro come ai due colleghi rivolgo l'invito affinché tutti i medici che hanno responsabilità di servizio e di reparto ( primari, vice primari e capi sarvizio) abbiano la residenza in Ticino e a pochi chilometri dall'ospedale in cui lavorano e ciò nell'interesse della qualità delle cure (celerità di intervento) e della sicurezza del cittadino-paziente ticinese.

 

Infine non possiamo neppure dimenticare l'esistenza di altre ragioni, a supporto di questo invito: le ragioni fiscali, i consumi personali, l'indotto economico e una migliore integrazione nella realtà locale.

 

Per i motivi sovraesposti ritengo che la situazione attuale non sia più accettabile e vada cambiata al più presto.

 

La residenza in Ticino deve essere una condizione imprescindibile quando il datore di lavoro è una struttura statale o parastatale.

 

Il non averci pensato prima è cosa grave ma il perseverare sarebbe molto peggio per un Ente finanziato anche con i soldi pubblici

 

*Presidente Ordine dei medici



Pubblicato il 01.05.2017 10:16

Guarda anche
Medici in prima linea
Presa di posizione del Consiglio direttivo dell'OMCT: "Questa iniziativa delle cure mediche ospedaliere di prossimità permette altresì un miglior rapporto tra qualità delle cure e costi sanitari, conformemente a quanto richiede da sempre la LAMal: cure accessibili per tutti, di qualità e economicamente sostenibili"
Medici in prima linea
Il presidente dell'Ordine dei medici: "Un esempio di poca razionalizzazione delle risorse è il plurimilionario investimento per la ristrutturazione dell’Ospedale Civico di Lugano, quando con qualche milione in più si poteva finalmente dar vita ad un ospedale di riferimento Cantonale"
Medici in prima linea
Il presidente dell'Ordine dei medici: " "Molti professionisti stranieri sono entranti nel sistema sanitario svizzero senza le dovute conoscenze. Basti pensare all'architettura assicurativa o alle regole e ai codici deontologici che da noi sono più severi, ad esempio sulla pubblicità. Abbiamo cercato all'inizio di questa ondata di proporre dei corsi obbligatori per poter spiegare il nostro modello ma questi non sono stati attuati poiché contravvenivano alla Libera circolazione delle persone"
Medici in prima linea
Promotori della raccolta firme saranno l’Associazione dei Medici Assistenti e Capi clinica (ASMACT) e l'Ordine dei Medici: "Accanto a un’offerta completa e capillare nelle Città e nelle Valli della medicina di base deve esserci una struttura nella quale concentrare le specializzazioni di punta"