Cronaca
Massimo Suter nominato presidente nazionale della Cassa di compensazione GastroSocial, alla quale aderiscono oltre 20'000 soci
Prestigiosa nomina per il Ticino nell’ambito della recente assemblea federale di GastroSuisse
BERNA - Prestigiosa nomina per il Ticino nell’ambito della recente assemblea federale di GastroSuisse. Massimo Suter, membro del Consiglio di GastroSuisse e presidente di GastroTicino è stato nominato dalla Federazione mantello degli esercenti albergatori, presidente nazionale della Cassa di compensazione GastroSocial. Alla cassa aderiscono oltre 20.000 soci per un totale di una massa salariale di 6 miliardi di franchi.

GastroSocial, diretta da Urs-Peter Amrein, è un‘assicurazione sociale con sede ad Aarau; la sede ticinese è diretta da Mario Regusci. L‘azienda si compone di due organizzazioni: la Cassa di compensazione GastroSocial e la Cassa Pensione GastoSocial. La prima è stata fondata nel 1948 col nome di «Ausgleichskasse Wirte» (Cassa di compensazione ristoratori) ed è la cassa di compensazione associativa di GastroSuisse. È un ente di diritto pubblico e indipendente della Confederazione. Comprende le assicurazioni AVS/AI/IPG/AD e le casse assegni familiari. Inoltre, la Cassa di compensazione GastroSocial si occupa dell‘amministrazione dei contratti e della riscossione dei premi delle assicurazioni malattia indennità giornaliera e dell‘assicurazione contro gli infortuni.

Per quanto concerne la Cassa pensione GastroSocial - presieduta da Josef Schüpfer - ancora prima che la previdenza professionale diventasse obbligatoria in Svizzera, nel 1974 l‘allora associazione ristoratori fondò la «Betriebliche Altersvorsorgeeinrichtung Wirte» (Ente previdenziale dei ristoratori). Oggi è fondazione comune autonoma ed ente previdenziale d‘associazione di GastroSuisse.
Oltre 20‘000 clienti con 160‘000 assicurati traggono vantaggio dalla vasta offerta di prestazioni di GastroSocial. Anche aziende che non operano nel settore alberghiero e della ristorazione possono affiliarsi alla Cassa pensione GastroSocial.




Pubblicato il 19.05.2017 11:18

Guarda anche
Cronaca
Il 36enne che ora è accusato di omicidio volontario, subordinatamente colposo, e di tutte le possibili e immaginabili violazioni del codice stradale, era uscito da pochi giorni dalla clinica psichiatrica di Mendrisio. E nonostante questo aveva la patente. Che una settimana fa si è trasformata in una sorta di licenza di uccidere, per parafrasare un celebre film di James Bond
Cronaca
Intervista all'ex procuratore pubblico che riflette sulla morte del Capo dei Capi di Cosa Nostra, ricorda gli anni in cui da magistrato combatteva la mafia e ammonisce sul futuro: "Quando nel 2000 lo interrogai si limitò ad augurarci buona giornata. Riina si è sporcato le mani di sangue come quasi nessuno. Ma oggi combattere la criminalità organizzata è ancora più difficile"
Cronaca
Impossibile calcolare le vittime mietute da Totò Riina, dalla gioventù corleonese, all’arresto palermitano. Sia tra i mafiosi, sia tra gli uomini dello Stato, sia tra i civili
Cronaca
Sul posto, per i primi soccorsi, è intervenuto un equipaggio di Tre Valli Soccorso. Per permettere i rilievi da parte del servizio incidenti, l'autostrada è stata chiusa e il traffico deviato sulla cantonale da Varenzo a Faido. Il perturbamento si protrarrà ancora per diverse ore