Cronaca
Massimo Suter nominato presidente nazionale della Cassa di compensazione GastroSocial, alla quale aderiscono oltre 20'000 soci
Prestigiosa nomina per il Ticino nell’ambito della recente assemblea federale di GastroSuisse
BERNA - Prestigiosa nomina per il Ticino nell’ambito della recente assemblea federale di GastroSuisse. Massimo Suter, membro del Consiglio di GastroSuisse e presidente di GastroTicino è stato nominato dalla Federazione mantello degli esercenti albergatori, presidente nazionale della Cassa di compensazione GastroSocial. Alla cassa aderiscono oltre 20.000 soci per un totale di una massa salariale di 6 miliardi di franchi.

GastroSocial, diretta da Urs-Peter Amrein, è un‘assicurazione sociale con sede ad Aarau; la sede ticinese è diretta da Mario Regusci. L‘azienda si compone di due organizzazioni: la Cassa di compensazione GastroSocial e la Cassa Pensione GastoSocial. La prima è stata fondata nel 1948 col nome di «Ausgleichskasse Wirte» (Cassa di compensazione ristoratori) ed è la cassa di compensazione associativa di GastroSuisse. È un ente di diritto pubblico e indipendente della Confederazione. Comprende le assicurazioni AVS/AI/IPG/AD e le casse assegni familiari. Inoltre, la Cassa di compensazione GastroSocial si occupa dell‘amministrazione dei contratti e della riscossione dei premi delle assicurazioni malattia indennità giornaliera e dell‘assicurazione contro gli infortuni.

Per quanto concerne la Cassa pensione GastroSocial - presieduta da Josef Schüpfer - ancora prima che la previdenza professionale diventasse obbligatoria in Svizzera, nel 1974 l‘allora associazione ristoratori fondò la «Betriebliche Altersvorsorgeeinrichtung Wirte» (Ente previdenziale dei ristoratori). Oggi è fondazione comune autonoma ed ente previdenziale d‘associazione di GastroSuisse.
Oltre 20‘000 clienti con 160‘000 assicurati traggono vantaggio dalla vasta offerta di prestazioni di GastroSocial. Anche aziende che non operano nel settore alberghiero e della ristorazione possono affiliarsi alla Cassa pensione GastroSocial.




Pubblicato il 19.05.2017 11:18

Guarda anche
Cronaca
Il fatto è accaduto in Canada, nella regione dell'Ontario, mentre Richard Wesley era a caccia con l'arco sulla riva di un fiume
Cronaca
L'ANALISI - La prima misura concreta (per citare il giornalista) che dovremmo adottare contro il terrorismo islamico, è quella di spogliarci di questa ipocrisia elefantiaca, di questa corruzione etica che in nome del denaro ci ha messo in vendita, e rinunciare a fare affari, a farci comprare, e a vendere armi a Nazioni che sostengono lo Stato Islamico